Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato
domenica, 19 febbraio 2017
 
 
 
 
 
 
Articolo di: mercoledì, 11 gennaio 2017, 11:33 m.

Incontro con Rfi e Anas per Iselle, buone notizie per il territorio

Borghi e Costa: "Ora procedere velocemente alla realizzazione delle opere"

VERBANIA - Rassicuranti risposte arrivano dall’incontro promosso dall’onorevole Enrico Borghi, dal presidente della Provincia del Vco Stefano Costa e dal sindaco di Trasquera Arturo Lincio tenutosi presso la Prefettura del Vco sul tema della sicurezza e della accessibilità alla stazione ferroviaria internazionale di Iselle, da anni in attesa di risposte. 

Presenti all’incontro oltre al prefetto del Vco Iginio Olita anche i vertici regionali di Rfi nelle persone del direttore territoriale produzione Milano Vincenzo Marcello e il responsabile dell’Unità territoriale Milano Linee Nord Luigi Bagnoli, il comandante provinciale della Polizia Stradale e i tecnici responsabili di Anas Piemonte.

Al centro della discussione gli annosi problemi della stazione di Iselle - Trasquera, presentati ai vertici di Rfi dal prefetto, dal sindaco Lincio, dall'onorevole Borghi e dal presidente Costa. 

Il primo problema affrontato è stato quello della messa in sicurezza della parete rocciosa del versante italiano: Rfi ha annunciato lo stanziamento di 2,5 milioni di euro e l’avvio della progettazione esecutiva per la realizzazione di un canale di gronda lungo il versante la fine della messa in sicurezza idrogeologica del tratto montano sovrastante la stazione. Rassicurazioni importanti al tavolo sono state date in questo senso dall’ingegner Marcello di Rfi, che si è detto certo della chiusura della progettazione e dell’avvio dei lavori entro la prossima stagione primaverile.

Altro tema caldo discusso diffusamente è stato quello relativo alla sicurezza dei lavoratori frontalieri e di tutti gli utenti che oggi si trovano in una situazione di precaria sicurezza per l’attraversamento della stazione dovuta alla provvisoria chiusura del sottopasso pedonale.  Per questo Rfi si è impegnata formalmente a procedere in tempi celeri al ripristino del camminamento la cui realizzazione è prevista entro la fine del mese di febbraio, e al posizionamento di barriere per impedire l'attraversamento dei binari.

Dal punto di vista logistico poi, è noto il problema del fenomeno del ‘parcheggio selvaggio’ dato non dalla maleducazione degli utenti ma dalla pressoché completa mancanza di aree destinate. Per questo Rfi in sinergia con il Comune di Trasquera prevede la realizzazione di un nuovo parcheggio a utilizzo delle centinaia di lavoratori frontalieri che quotidianamente utilizzano l’infrastruttura per recarsi a lavoro. Nuovo parcheggio che andrà a sommarsi con quello in fase di realizzazione da parte dell’amministrazione comunale di Trasquera e che vedrà la luce nei prossimi mesi. Si è convenuta, inoltre, la posa dissuasori lungo la strada di accesso alla Stazione per impedire ai mezzi di parcheggiare e lasciare libera la carreggiata per il transito di mezzi di soccorso per eventuali necessità nelle gallerie del Sempione e di Varzo elicoidale.

In chiusura dei lavori è stato portato all’attenzione di Anas e di Rfi da parte del comandante provinciale della Polizia Stradale la necessità di prevedere la realizzazione di un’area adibita a possibile manovra per gli automezzi pesanti che quotidianamente transitano lungo la SS33 e che in mancanza di questa possibilità possono creare notevoli disagi alla mobilità in condizioni di cattivo tempo.

“L’incontro è stato molto concreto e finalmente sembra essere arrivati alla soluzione condivisa con Rfi e Anas per porre rimedio agli annosi problemi della stazione di Iselle - commenta Enrico Borghi, capogruppo del Pd in Commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici - ai vertici di Rfi abbiamo rimarcato l’estrema importanza che questa infrastruttura ricopre per il nostro territorio e per quelle centinaia di lavoratori frontalieri che la utilizzano quotidianamente. Ora è giunto il tempo di passare dalla ricerca delle soluzioni alla loro attuazione, vigileremo e opereremo affinché quanto emerso dalla riunione possa essere realizzato nel più breve tempo possibile”.
“La presenza dei vertici RFI - continua il parlamentare ossolano - è stata anche l’occasione per chiedergli la posa di telecamere di sorveglianza presso la stazione di Domodossola, istanza alla quale abbiamo avuto una risposta positiva dall’ingegner Marcello che provvederà nelle prossime settimane a verificare se dai piani di intervento di CentoStazioni siano già previste e, in caso contrario, si farà promotore della loro posa. E’ un esigenza di sicurezza di tutto il territorio provinciale che deve essere garantita”.

Anche il presidente della Provincia Stefano Costa esprime soddisfazione: “Ringrazio il prefetto del Vco per aver colto l’esigenza rappresentatagli convocando immediatamente i vertici di Rfi e Anas affinché si giungesse a una soluzione dei problemi legati alla stazione di Iselle. La Provincia farà la sua parte - conclude Costa - ho già manifestato a tutti i presenti la nostra  volontà di metterci a disposizione delle amministrazioni coinvolte al fine di coordinare in modo ottimale tutti gli interventi che dovranno essere effettuati nei prossimi mesi”.
v.s.

Articolo di: mercoledì, 11 gennaio 2017, 11:33 m.
youkata - tematiche interna
INSERTO    
Shopping Corriere scopri le nostre offerte... >
 
^ Top