Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
sabato, 17 febbraio 2018
 
 
Articolo di: giovedì, 14 settembre 2017, 2:11 p.

Incendio di Mortara: niente diossina nel Novarese

La situazione nel nostro territorio risulta tranquilla

NOVARA, Anche i dati di Arpa Piemonte tranquillizzano il territorio novarese per quello che riguarda il possibile inquinamento dovuto all’incendio che, lo scorso 6 settembre, ha interessato un’azienda che si occupa di rifiuti pericolosi e non pericolosi a Mortara, nella Lomellina.

Dopo i primi esiti comunicati venerdì della scorsa settimana sono a disposizione infatti le prime valutazioni analitiche condotte da Arpa Piemonte sulle diossine riconducibili all’incendio che il 6 settembre 2017 ha interessato la ditta Eredi Bertè collocata sul territorio della cittadina di Mortara (PV) che, da anni, tratta rifiuti pericolosi e non pericolosi.

Dagli esiti non si evidenziano anomalie correlate all'incendio, così come riscontrato dalle analisi effettuate dall'Arpa Lombardia ad inizio evento. Dalla valutazione condotta dai tecnici di Arpa Piemonte sugli esiti analitici, relativi ai campionamenti in aria ambiente effettuati nella serata di mercoledì e giovedì, quando i venti hanno sospinto i fumi nel territorio piemontese confinante al pavese, risulta che le diossine sono nettamente inferiori al valore di 0.3 picogrammi equivalenti al metro cubo per esposizioni prolungate nel tempo, oltre il quale l'OMS suggerisce di indagare la presenza di sorgenti da porre sotto controllo. 
I valori rilevati sono altresì inferiori al valore limite pari a 150 fg I-TEQ/m
3suggerito per l’aria ambiente dalle Linee guida della Germania (LAI-Laenderausschuss fuer Immissiosschutz - Comitato degli Stati per la protezione ambientale).

Ulteriori esiti analitici saranno disponibili nei prossimi giorni. Nessun pericolo, quindi, per la salute. A tranquillizzare, via Facebook, anche il sindaco Alessandro Canelli, che ha spiegato come poter mangiare tranquillamente le verdure coltivate negli orti, perché le analisi escludono contaminazioni.

Mo.c.


Articolo di: giovedì, 14 settembre 2017, 2:11 p.

Dal Territorio

Soccorso persona in via Corridoni: 68enne ritrovato privo di vita in casa

Soccorso persona in via Corridoni: 68enne ritrovato privo di vita in casa
NOVARA, I Vigili del fuoco di Novara sono intervenuti poco dopo le 14 in via Corridoni per un soccorso persona all'interno della propria abitazione. I Vigili del comando di via Generali, dopo essere riusciti a entrare nell'alloggio, hanno purtroppo trovato il corpo privo di vita di un uomo di 68 anni, che sarebbe deceduto per cause naturali. Sul posto anche il 118. mo.c.

continua »

Altre notizie

Igor Volley con la testa alla Coppa Italia

Igor Volley con la testa alla Coppa Italia
Terza sconfitta consecutiva in campionato lontano dal PalaIgor per la Igor Volley che sabato sera si è docuta inchinare alla Pomì Casalmaggiore dopo 4 st. Per la prima volta, su 5 sconfitte totali finora subite, la squadra di Barbolini non ha portato a casa punti e ora deve guardarsi le spalle: Scandicci ed è tornata a farsi sotto a -1. A tre giornate dal termine della(...)

continua »

Altre notizie

Vercelli e Novara Sposi: 1ª edizione

Vercelli e Novara Sposi: 1ª edizione
Per il primo anno viene organizzata al quartiere fieristico di Vercelli a Caresanablot la 1ª edizione di Vercelli e Novara Sposi, l’evento rivolto alle coppie in procinto di sposarsi. Una manifestazione che si inserisce all’interno di un circuito di ben 24 fiere sul matrimonio che da fine settembre fino a metà febbraio 2018 porta il format in giro per il Nord Italia(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top