Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
mercoledì, 21 febbraio 2018
 
 
Articolo di: giovedì, 07 settembre 2017, 8:17 p.

Incendio di Mortara: gli odori, spinti dal vento, giungono anche a Novara

Centralino dei Vigili del fuoco preso d’assalto

NOVARA, Centralino dei Vigili del fuoco preso di mira, dalle 19 circa di oggi, giovedì 7 settembre, per un forte odore di plastica bruciata che si è diffuso in tutta Novara. Segnalazioni sono giunte dall’area del centro città, come anche da S. Agabio, viale Giulio Cesare, zona Rizzottaglia, via Torricelli e insomma da tutta la città. Molte le persone che lamentavano bruciori agli occhi e alla gola. Si tratta dell’incendio di Mortara, quello scaturito all’alba di ieri dall’azienda Eredi Bertè di via Enrico Fermi, sulla strada che conduce all’Alessandrino.

“Il vento è cambiato – rispondono al centralino – e sta facendo arrivare i miasmi nella zona del Novarese. Non possiamo farci nulla”. La sola precauzione, data dai Vigili, è di chiudere porte e finestre. Una mano potrebbe arrivare dalla pioggia, che sarebbe prevista già in serata su gran parte della provincia. 

Da parte del Comune di Novara, il sindaco Alessandro Canelli, tramite una diretta web sulla propria pagina Facebook, ha commentato la situazione: "Nessun panico e nessun allarmismo, siamo in costante contatto con Arpa e il monitoraggio continua. Arpa, inoltre, conferma che dalle analisi fatte non ci sono pericoli per la salute pubblica. Nel momento in cui dovessimo avere un minimo sentore di pericolo per la salute dei novaresi, saremo tempestivi nel comunicarlo e prendere provvedimenti». Canelli ha anche evidenziato come "le centraline di Arpa di Novara non rilevano anomalie nei valori di ossido di zolfo e azoto e fanno pensare che non ci siano pericoli rispetto all’evento di Mortara. Per quanto concerne le analisi sulla diossina, i valori definitivi arriveranno nel giro di 48 ore".  

Oggi sono continuate le operazioni di spegnimento, che proseguiranno quantomeno sino a domani, per gli ultimi focolai. Per conoscere se vi siano sostanze inquinanti o diossina nell’aria, bisognerà attendere i risultati dell’Arpa, stimati in 72 ore a partire da mercoledì mattina. Si potrebbero avere quindi tra venerdì e sabato.

A Borgolavezzaro, intanto, è stata collocata già mercoledì una centralina per rilevare anche nel Novarese la situazione dell’aria.

mo.c.

Articolo di: giovedì, 07 settembre 2017, 8:17 p.

Dal Territorio

In auto con due chili di hashish suddivisi in 20 panetti: in manette un 32enne

In auto con due chili di hashish suddivisi in 20 panetti: in manette un 32enne
GATTICO, Lunedì a Gattico, nel Novarese, i Carabinieri della locale Stazione hanno arrestato M.O., cittadino marocchino residente nella zona del Verbano, classe 1986, già conosciuto dalle Forze dell’ordine. L’uomo è finito in manette per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Nel corso di uno dei quotidiani controlli alla(...)

continua »

Altre notizie

Volley la Igor conquista la Coppa Italia

Volley la Igor conquista la Coppa Italia
Grande Igor Volley a Bologna. Contro Conegliano conquista la Coppa Italia imponendosi per 3 a 1. Dopo la Supercoppa italiana arriva anche il secondo sigillo per le novaresi. Sul Corriere di Novara di lunedì 19 febbraio cronaca e commenti del trionfo azzurro.  Foto www.agilvolley.com 

continua »

Altre notizie

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto
NOVARA - Ultimo appuntamento del cartellone Opera e Balletto per la stagione 2017/2018 del Teatro Coccia di Novara.  Venerdì 23 febbraio alle 20.30 e domenica 25 alle 16 andrà in scena "Nabucco" di Giuseppe Verdi, opera prodotta da Fondazione Teatro Coccia.   L’opera è diretta dal maestro Gianna Fratta (nella foto). Regia, scene, costumi e luci sono(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top