Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 18 febbraio 2018
 
 
Articolo di: martedì, 01 agosto 2017, 5:10 p.

Il questore: “Non c’è un caso ‘movida’. Abbiamo attuato misure preventive e non repressive”

Intanto al via sinergie tra Prefettura, Questura, Comune e altre Forze dell’Ordine

NOVARA, “Non esiste alcun problema ‘movida’ a Novara”. Ad affermarlo e a spiegare le ragioni di questa affermazione è il questore di Novara, Gaetano Todaro, in una conferenza stampa sul tema ospitata oggi martedì primo agosto in Questura. Un’occasione per fare il punto sull’attività svolta sinora dai suoi uomini proprio in tema di controlli nei locali del centro città (foto Martignoni).

Non si tratta di ‘movida’ – ha riferito il questore – Si sono verificati fatti specifici e una serie di reati commessi che ci hanno portato a intervenire. Sono stati alcuni eccessi di condotte criminali. Abbiamo così deciso di agire e lo abbiamo fatto applicando le norme del Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, che – spiega ancora Todaro - hanno carattere preventivo e non repressivo. Il nostro obiettivo, in questo modo, è di impedire che possano ripetersi certi fatti come quelli occorsi nelle scorse settimane, indipendentemente dal comportamento dei gestori dei locali. Pertanto, voglio ribadirlo, non c’è alcun caso ‘movida’, nulla di tutto questo”.

Quanto già fatto dalla Questura, però, non è sufficiente a garantire uno svago sano e sicuro ai cittadini novaresi. Lo sostiene proprio il questore, che sottolinea come serva una collaborazione, una sinergia tra tutte le realtà interessate dalla tematica. “Vanno attivate – dice - una serie di misure, che, tra l’altro, stiamo proprio predisponendo in questi giorni. Azioni che stiamo allestendo con Comune, Prefettura e le altre Forze dell’Ordine presenti sul territorio. Lo scopo è quello di ridurre il rischio di episodi come quelli avvenuti, soprattutto dove si registra un notevole afflusso di clienti”. Intanto la Questura, come era già stato annunciato, ha allestito un vademecum, che sarà illustrato ai responsabili delle associazioni di categoria. Nell’opuscoletto si evidenziano i compiti che spettano al gestore di un locale pubblico, cui viene sempre chiesto di avvisare le forze dell’ordine non appena nota qualcosa che non va, qualche situazione che sta degenerando.

Monica Curino


Articolo di: martedì, 01 agosto 2017, 5:10 p.

Dal Territorio

Lite a Cerano con accoltellamento: a processo uno per tentato omicidio, l’altro per lesioni

Lite a Cerano con accoltellamento: a processo uno per tentato omicidio, l’altro per lesioni
NOVARA, E’ stato aggiornato all’11 maggio, in Tribunale a Novara, un processo che vede al centro del dibattimento una lite che, a Cerano, nella tarda serata del 22 maggio 2015, si era conclusa con due feriti, uno più grave (che era finito in ospedale in Rianimazione) e uno più lieve. L’episodio era avvenuto in piazza Crespi. In quell’occasione due(...)

continua »

Altre notizie

Per il Novara pareggio tra gli applausi

Per il Novara pareggio tra gli applausi
NOVARA – SPEZIA 1 - 1   NOVARA : Montipò, Golubovic, Mantovani, Chiosa, Dickmann (32’ st Maniero), Casarini, Ronaldo (24’ st Orlandi), Calderoni, Moscati, Sansone (41’ st Di Mariano), Puscas.  All.:  Di Carlo. SPEZIA:  Di Gennaro, De Col, Terzi, Giani, Lopez, Mora (21’ stMaggiore), Bolzoni,(...)

continua »

Altre notizie

Vercelli e Novara Sposi: 1ª edizione

Vercelli e Novara Sposi: 1ª edizione
Per il primo anno viene organizzata al quartiere fieristico di Vercelli a Caresanablot la 1ª edizione di Vercelli e Novara Sposi, l’evento rivolto alle coppie in procinto di sposarsi. Una manifestazione che si inserisce all’interno di un circuito di ben 24 fiere sul matrimonio che da fine settembre fino a metà febbraio 2018 porta il format in giro per il Nord Italia(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top