Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
giovedì, 22 febbraio 2018
 
 
Articolo di: mercoledì, 23 novembre 2016, 7:03 p.

Il pianeta dei clown dona una palestra all’Ospedale Maggiore di Novara

Nella sede ex San Giuliano, servirà per la riabilitazione dei pazienti oncologici

NOVARA - L’associazione “Il pianeta dei clown” torna a regalare sorrisi all’Ospedale di Novara. Non solo con la presenza settimanale in corsia, ma con una donazione generosa per la riabilitazione oncologica dell’Azienda ospedaliera universitaria di Novara, sita nella sede dell’ex San Giuliano. “Dopo il progetto Cameretta mia realizzato negli anni scorsi che ha permesso di rinnovare tutte le camere della Pediatria – spiega il direttore generale del Maggiore, Mario Minola – l’associazione oggi completa l’ambulatorio della riabilitazione oncologica con una palestra dedicata”. Negli ultimi anni il miglioramento delle cure ha aumentato nettamente la sopravvivenza di chi è affetto da una neoplasia. Tanto che ha sempre più importanza il recupero di tutte le funzioni compromesse dalla malattia. “La domanda che ci pongono oggi i pazienti oncologici – argomenta il dottor Carlo Cisari, direttore della struttura di Medicina fisica e riabilitazione – non è quanto vivrò ma come vivrò. E fornire degli strumenti per migliorare la qualità della vita è doveroso”. Ecco perché è nato all’interno del Maggiore un ambulatorio dedicato in maniera specifica alla riabilitazione oncologica, completato ora con una palestra composta da tre attrezzature professionali. La donazione è stata resa possibile in particolare grazie alle donazioni di Gruppo Alpini Borgomanero e parenti e agli amici di Diego Padovan. L’impegno de “Il Pianeta dei Clown” continua con la terapia del sorriso negli ospedali di Novara, Galliate, Magenta, Vercelli, Borgosesia e Borgomanero. Proprio in quest’ultimo nosocomio è anche aperta un’ulteriore sottoscrizione per l’acquisto di un ecografo da destinare al reparto di Pediatria.

l.pa.

Vuoi saperne di più? Leggi il Corriere di Novara di giovedì 24 novembre

Gallery articolo
*clicca sulle immagini per ingrandire

20161123_112656.jpg

20161123_113214.jpg

20161123_114140.jpg

20161123_114242.jpg

Articolo di: mercoledì, 23 novembre 2016, 7:03 p.

Dal Territorio

Volley la Igor conquista la Coppa Italia

Volley la Igor conquista la Coppa Italia
Grande Igor Volley a Bologna. Contro Conegliano conquista la Coppa Italia imponendosi per 3 a 1. Dopo la Supercoppa italiana arriva anche il secondo sigillo per le novaresi. Sul Corriere di Novara di lunedì 19 febbraio cronaca e commenti del trionfo azzurro.  Foto www.agilvolley.com 

continua »

Altre notizie

Rubate le offerte per la Caritas

Rubate le offerte per la Caritas
ROMENTINO - È successo ancora. Un anno fa ignoti avevano scassinato la cassetta per le offerte collocata accanto al presepe in chiesa parrocchiale. Questa volta è accaduto in occasione della mostra proposta dal Gruppo Filatelico Romentinese nel 160° anniversario dell’apparizione di Nostra Signora di Lourdes: fino al 28 febbraio la cappella del Santissimo Sacramento(...)

continua »

Altre notizie

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto
NOVARA - Ultimo appuntamento del cartellone Opera e Balletto per la stagione 2017/2018 del Teatro Coccia di Novara.  Venerdì 23 febbraio alle 20.30 e domenica 25 alle 16 andrà in scena "Nabucco" di Giuseppe Verdi, opera prodotta da Fondazione Teatro Coccia.   L’opera è diretta dal maestro Gianna Fratta (nella foto). Regia, scene, costumi e luci sono(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top