Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 22 gennaio 2018
 
 
Articolo di: venerdì, 03 novembre 2017, 11:08 m.

Il novarese Carlo Robiglio sarà il nuovo presidente di Piccola Industria

«Per le aziende è necessaria una rivoluzione culturale»

È Carlo Robiglio il presidente designato di Piccola Industria nazionale. La sua elezione ufficiale avverrà a Roma, il prossimo 23 novembre, ma il primo importante risultato, sottolineato subito con soddisfazione dallo stesso presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, è già l’unanimità della candidatura di Robiglio espressa da Piccola Industria: un’unanimità che ha saputo far prevalere gli obiettivi comuni sui personalismi. Carlo Robiglio, novarese, classe 1963, attualmente alla guida di Piccola Industria Piemonte, succederà quindi a Alberto Baban. Per lui, uomo di azione, ma anche di cultura e di passione, si annuncia un impegno difficile, in un momento complesso in cui la Quarta Rivoluzione Industriale sta mutando il volto delle imprese e del lavoro. Un impegno da cui, tuttavia, Robiglio, presidente e Ceo della holding Ebano (che opera nel campo editoriale e che è leader di mercato in Italia nei corsi professionali, formazione a distanza e e-learning),  non si sente intimorito. Dopotutto, alle sfide complesse Robiglio è abituato: nel 2016 fu a lui che venne affidato l’incarico di presidente pro tempore del Gruppo Sole 24 Ore durante una fase molto delicata che prevedeva il passaggio a una nuova governance (attualmente è vicepresidente del Gruppo). 

I problemi delle “piccole” restano gli stessi, alla luce di una politica industriale che non tiene conto della reale situazione del Paese il cui tessuto industriale è formato da Pmi. Non crede, però, che, nell’epoca del 4.0, proprio le “piccole” italiane siano chiamate a fare un salto culturale e che occorrano elementi forti per aiutarle in questo passaggio?

«Sì, certo. Ritengo, infatti, che il dualismo piccola-grande impresa basato su classi dimensionali sia finalmente da superare. Esiste ormai un’unica categoria di impresa: quella smart ossia quella innovativa, veloce, sostenibile, aperta. Sarà sempre più questo l’elemento differenziale. La politica industriale del futuro non dovrà, quindi, essere tanto una politica calibrata sulla dimensionalità dell’impresa o che favorisce la crescita dimensionale dell’azienda fine a stessa, ma una politica  in grado di favorire l’acquisizione della veste smart da parte delle aziende. Essere piccoli o grandi, nel 4.0, più che una questione di dimensioni sarà una questione di testa».

Giovanni Orso

Leggi tutta l'intervista sul Corriere di Novara in edicola 

Articolo di: venerdì, 03 novembre 2017, 11:08 m.

Dal Territorio

Il Novara torna a vincere al “Piola”!

Il Novara torna a vincere al “Piola”!
NOVARA – CARPI 1 - 0       NOVARA : Montipò, Dickmann, Golubovic, Mantovani, Calderoni, Sciaudone, Rolando (22’ st Orlandi), Moscati, Macheda, Maniero (38’ st Sansone), Di Mariano (30’ st Maracchi).  All.:  Corini CARPI :  Colombi, Capela (16’ st Belloni), Brosco, Ligi,(...)

continua »

Altre notizie

Marano Ticino: incidente tra due autovetture

Marano Ticino: incidente tra due autovetture
MARANO, Serie di incidenti stradali nelle ultime ore sulle strade del Novarese. A Marano Ticino, lungo la ss 32, al km. 19,450, due autovetture, una Ford Fiesta, guidata da un 23enne di Novara, e una Citroen C3, alla cui guida c'era un 39enne di Marano, sono entrate in collisione. Il conducente della Fiesta è stato condotto al Pronto soccorso dell'ospedale Maggiore di Novara dal(...)

continua »

Altre notizie

Ragazzi Harraga, mostra al Broletto

Ragazzi Harraga, mostra al Broletto
NOVARA - Martedì prossimo verrà inaugurata al Broletto “Sguardi sui ragazzi harraga”, la mostra fotografica che racconta del progetto pilota, partito da Palemo, di accoglienza e, soprattutto d‘inserimento lavorativo e abitativo, dei giovani migranti che giungono in Italia soli. L’iniziativa è curata dal Ciai (Centro Italiano aiuti(...)

continua »

Altre notizie

I sentieri del vino Boca e l’Unesco

I sentieri del vino Boca e l’Unesco
Una cartina per favorire la conoscenza a livello internazionale di un territorio storico del Novarese e i suoi vini preziosi. Dalla collaborazione tra Il Club per l’Unesco Terre del Boca e i produttori del Boca doc è nata “I sentieri del vino. Percorsi tra i vigneti del Boca doc”. La cartina,  è stata presentata ufficialmente prima di Natale nella(...)

continua »

Altre notizie

^ Top