Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
giovedì, 22 febbraio 2018
 
 
Articolo di: sabato, 23 settembre 2017, 7:54 p.

Il Novara cede all’Avellino

Gli azzurri sconfitti in casa dagli Irpini

NOVARA - AVELLINO 1- 2

 

NOVARA: Montipò, Golubovic, Troest, Chiosa, Calderoni, Moscati, Ronaldo (15’ st Da Cruz), Sciaudone, Di Mariano (1’ st Macheda), Maniero, Chajia (36’ st Sansone). All.: Corini.

 

AVELLINO: Radu, Ngawa, Kresic, Migliorini, Rizzato, Laverone (33’ st Lasik), Paghera (11’ st D’Angelo), Di Tacchio, Molina, Asencio, Ardemagni (36’ st Castaldo). All.: Novellino

 

Marcatori: 13’ pt Ardemagni, 29’ pt Ardemagni, 44’ st Maniero

Arbitro: Saia di Palermo

Novara – L’Avellino per la prima volta nella sua storia vince a Novara, dove l’unico punto conquistato risaliva al 13 gennaio 1974 (Novara -Avellino 0-0). Lo fa tramite una partita giocato in modo concreto e con un Ardemagni in gran giornata. Ma al di là della prova degli Irpini sono gli azzurri che hanno deluso come prestazione collettiva. Come ha ammesso a fine gara Corini « Ci siamo creati problemi da soli ». I calciatori novaresi sono apparsi troppo contratti fin dall'inizio. Incassato poi il primo gol la partita si è messa come sperava l’Avellino. La seconda rete biancoverde in possibile fuorigioco ha sicuramente condizionato il risultato, ma il Novara parte la rete di Maniero nel finale non ha mai portato pericoli alla porta avversaria se non su una punizione di Ronaldo. La squadra è parsa poco lucida e anche atleticamente non al meglio. Ancora una volta il Novara ha incassato una rete nel primo quarto d’ora. Al 13’ Molina mette crossa da sinistra, Ardemagni si inserisce tra Chiosa e Troest e con un tocco supera Montipò. Al 24’ Ronaldo su punizione impegna Radu che devia sopra la traversa, ma cinque minuto dopo arriva il raddoppio ospite. Asencio, smista ad Ardemagni che, in possibile fuorigioco, con i giocatori azzurri che si fermano controlla e segna. Nella ripresa fatica il Novara e resta poi in dieci. Entrato da 8’ minuti al 23’ Da Cruz si fa espellere per aver rivolto un gesto all’arbitro dopo un cartellino giallo. Dieci minuti prima era stato espulso Novellino. La partita non cambia, Ardemagni a 9’ dalla fine colpisce il palo e al 44’ arriva anche il gol della bandiera per il Novara su colpo di testa di Maniero. Per il Novara ancora una sconfitta che preoccupa. 

m.d.

Articolo di: sabato, 23 settembre 2017, 7:54 p.

Dal Territorio

Volley la Igor conquista la Coppa Italia

Volley la Igor conquista la Coppa Italia
Grande Igor Volley a Bologna. Contro Conegliano conquista la Coppa Italia imponendosi per 3 a 1. Dopo la Supercoppa italiana arriva anche il secondo sigillo per le novaresi. Sul Corriere di Novara di lunedì 19 febbraio cronaca e commenti del trionfo azzurro.  Foto www.agilvolley.com 

continua »

Altre notizie

Rubate le offerte per la Caritas

Rubate le offerte per la Caritas
ROMENTINO - È successo ancora. Un anno fa ignoti avevano scassinato la cassetta per le offerte collocata accanto al presepe in chiesa parrocchiale. Questa volta è accaduto in occasione della mostra proposta dal Gruppo Filatelico Romentinese nel 160° anniversario dell’apparizione di Nostra Signora di Lourdes: fino al 28 febbraio la cappella del Santissimo Sacramento(...)

continua »

Altre notizie

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto
NOVARA - Ultimo appuntamento del cartellone Opera e Balletto per la stagione 2017/2018 del Teatro Coccia di Novara.  Venerdì 23 febbraio alle 20.30 e domenica 25 alle 16 andrà in scena "Nabucco" di Giuseppe Verdi, opera prodotta da Fondazione Teatro Coccia.   L’opera è diretta dal maestro Gianna Fratta (nella foto). Regia, scene, costumi e luci sono(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top