Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 19 febbraio 2018
 
 
Articolo di: sabato, 18 novembre 2017, 8:02 p.

Il Novara cede al Bari

Gli azzurri sconfitti per 1-2 ma recrimina su alcuni episodi

NOVARA - BARI 1-2

 

NOVARA: Montipò, Golubovic, Mantovani, Del Fabro, Dickmann,Moscati, Orlandi, Sciaudone (11’ st Chajia), Calderoni, Macheda (20’ st Maniero), Da Cruz (26’ st Di Mariano). All.: Corini.

 

BARI: Micai, Anderson, Gyömbér, Tonucci, Fiamozzi, Petriccione, Basha (25’ st Busellato), Tello, Galano (35’ st Brienza), Cissé (40’ st Floro Flores), Improta.All.: Grosso.

 

Marcatori: 3’ st Petriccione, 45’ st Anderson, 52’ st Maniero

Arbitro: Pillitteri di Palermo

Novara– Ancora una sconfitta in casa per il Novara che pur giocando forse la miglior partita al “Piola” dopo quella contro il Frosinone soccombe, contro una squadra sulla carta nettamente più forte come il Bari, ma per quanto visto in campo avrebbe meritato almeno il pareggio. Primo tempo con netta supremazia novarese e ospiti a contenere senza però, come in altre occasioni trovare il guizzo vincente in fase realizzativa. Nella ripresa al 3’ arriva il vantaggio ospite. Tello crossa basso in area da destra, arriva da dietro Petriccione con un inserimento perfetto che batte Montipò, che un minuto prima aveva salvato su tiro al volo di Cissè. Passato in svantaggio il Novara cerca di reagire ma pur creando occasioni non riesce a segnare, per la mira sbagliata e per le parate di Micai. Sbilanciata in avanti gli azzurri all’ultimo minuto incassano il raddoppio nel più classico dei contropiedi con Anderson. Nel recupero, all’ultimo secondo, c’è spazio per il gol della bandiera di Maniero. Sulla gara però pesano anche alcune decisioni arbitrarli. Al 4’ del primo tempo Da Cruz lanciato a rete entra in contatto con Gyomber e cade ma l’arbitro Pillitteri, (quello delle polemiche lo scorso anno in Lega Pro in Parma Pordenone per la salita in B) lascia correre. Al 40’ sempre del primo tempo ancora Da Cruz lanciato verso la porta è steso fuori area dal portiere Micai. Gli azzurri chiedevano l’espulsione ma è solo giallo. Nella ripresa un mani di Tonelli in area barese alimenta ancora le proteste. A fine gara Mister Corini ha dichiarato riferendosi alle decisioni arbitrali: «Esigo rispetto per l’impegno e il lavoro della squadra. Se fosse successo quello che doveva succedere il risultato sarebbe stato diverso. Quello che è successo dopo il 4’ minuto non voglio commentarlo». 

m.d.

Articolo di: sabato, 18 novembre 2017, 8:02 p.

Dal Territorio

Volley la Igor conquista la Coppa Italia

Volley la Igor conquista la Coppa Italia
Grande Igor Volley a Bologna. Contro Conegliano conquista la Coppa Italia imponendosi per 3 a 1. Dopo la Supercoppa italiana arriva anche il secondo sigillo per le novaresi. Sul Corriere di Novara di lunedì 19 febbraio cronaca e commenti del trionfo azzurro.  Foto www.agilvolley.com 

continua »

Altre notizie

Controlli su migliaia di veicoli ad Arona

Controlli su migliaia di veicoli ad Arona
ARONA - Vigili urbani aronesi impegnati sulle strade e in città. E’ l’assessore alla Polizia locale Matteo Polo Friz a dare un breve excursus dell’attività di questi giorni messe in campo dagli agenti con lo scopo di dare una fotografia dei diversi compiti. «Sono diversi i controlli effettuati in questi mesi e soprattutto in questi giorni anche grazie(...)

continua »

Altre notizie

Vercelli e Novara Sposi: 1ª edizione

Vercelli e Novara Sposi: 1ª edizione
Per il primo anno viene organizzata al quartiere fieristico di Vercelli a Caresanablot la 1ª edizione di Vercelli e Novara Sposi, l’evento rivolto alle coppie in procinto di sposarsi. Una manifestazione che si inserisce all’interno di un circuito di ben 24 fiere sul matrimonio che da fine settembre fino a metà febbraio 2018 porta il format in giro per il Nord Italia(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top