Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
sabato, 20 gennaio 2018
 
 
Articolo di: sabato, 07 gennaio 2017, 10:45 m.

Il “freddo finto” e il “gelo autoprodotto”

Dopo un glaciale inizio d'anno in arrivo la rimonta dell'alta pressione

Capodanno gelido in pianura e nei fondivalle. Inequivocabili i dati della rete Arpa Piemonte, che ha registrato minime pungenti a Novara Madonna del Bosco (-4,2 °C), Borgomanero (- 4,3 °C), Cerano (-5,4 °C), Pray (-5,4 °C), Massazza (-5,6 °C), Cameri (-5,8 °C), Masserano (-6,0 °C) e Varallo Pombia (-6,2 °C). Grande contrasto con le aree montane e zone adiacenti (Biella 0,8 °C), dove si è andati sottozero oltre certe quote (Bielmonte -2,2 °C a 1.480 m, Graglia 1,0 °C a 1.005 m).
La causa è l’inversione termica generata da un campo di alte pressioni che, salvo la parentesi prenatalizia, insiste da quasi un mese. Una condizione che la fisica atmosferica chiarisce nei dettagli, ma che i patiti dei blog meteorologici sembrano ignorare. Si è già fatto cenno al ‘freddo finto’, un concetto strampalato che vorrebbe sminuire gli effetti della nebbia sul clima padano. Altra idea balzana è quella del "gelo autoprodotto" riferito agli scenari descritti: l’assenza di correnti determina il ristagno dell’aria nei bassi strati dove, per la scarsa incidenza della radiazione solare e la brevità del giorno, il terreno tende a raffreddarsi. Non c’è nessuna ‘autoproduzione’, concetto che la fisica non contempla, ma un adeguamento del sistema alle variabili in gioco, ancor più rilevanti nel caso di suoli innevati. Non scordiamo che la Valpadana sta a cavallo del 45° parallelo, la stessa latitudine di Montreal (Canada). Nei fondivalle questa condizione è esaltata dall’esposizione. Se ad esempio ci si addentra in Valsessera, da Azoglio a Masseranga, a una destra orografica irrigidita dalla galaverna si contrappone l’altra sponda assolata dove, non a caso, sorsero nuclei abitati che d’inverno godono di 6-8 °C in più. Tale meccanismo si genera pure nei pianori montani isolati, com’è il caso della conca ossolana di Devero (1.634 m), dove a Capodanno la minima è scesa a -11,4 °C mentre al Camparient (1.515 m), sullo spartiacque valsesiano, i sensori segnavano -1,8 °C.
Intanto un nucleo depressionario di origine artica è giunto sull’Italia ma in Piemonte, grazie alla protezione dall’arco alpino, gli effetti saranno modesti. Non è anzi escluso che le correnti gelide, impattando da nord con la barriera montana, tracimino verso la pianura come Föhn. La secchezza dell’aria e la serenità del cielo lasceranno in eredità un po’ di freddo mattutino. Da domenica la rimonta dell’alta pressione porterà ancora clima mite sulle alture.


Stefano Di Battista 

Articolo di: sabato, 07 gennaio 2017, 10:45 m.

Dal Territorio

Igor Volley, una sconfitta che brucia

Igor Volley, una sconfitta che brucia
OSIMO - Dopo Busto anche Novara viene costretta alla sconfitta al tie break dalla Lardini Filottrano, dimostratasi in casa molto difficile da affrontare ma l’Igor non è stata sicuramente all’altezza del suo nome. Una sconfitta incredibile che brucia: la squadra azzurra, presentatasi nelle Marche in piena emergenza, ha ad un certo punto rischiato anche una più che(...)

continua »

Altre notizie

Investe un pedone in viale Roma e fugge: successivamente si reca dalla Polizia locale

Investe un pedone in viale Roma e fugge: successivamente si reca dalla Polizia locale
NOVARA, Incidente stradale in viale Roma intorno a mezzogiorno di venerdì 19 gennaio. Un automobilista ha investito un uomo, non fermandosi a prestare soccorso. E’ stato comunque individuato non molto tempo dopo dalla Polizia locale di Novara. Un 79enne novarese è stato investito all’altezza dell’incrocio con via Rasario da un’auto che non si(...)

continua »

Altre notizie

Ragazzi Harraga, mostra al Broletto

Ragazzi Harraga, mostra al Broletto
NOVARA - Martedì prossimo verrà inaugurata al Broletto “Sguardi sui ragazzi harraga”, la mostra fotografica che racconta del progetto pilota, partito da Palemo, di accoglienza e, soprattutto d‘inserimento lavorativo e abitativo, dei giovani migranti che giungono in Italia soli. L’iniziativa è curata dal Ciai (Centro Italiano aiuti(...)

continua »

Altre notizie

I sentieri del vino Boca e l’Unesco

I sentieri del vino Boca e l’Unesco
Una cartina per favorire la conoscenza a livello internazionale di un territorio storico del Novarese e i suoi vini preziosi. Dalla collaborazione tra Il Club per l’Unesco Terre del Boca e i produttori del Boca doc è nata “I sentieri del vino. Percorsi tra i vigneti del Boca doc”. La cartina,  è stata presentata ufficialmente prima di Natale nella(...)

continua »

Altre notizie

^ Top