Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
mercoledì, 21 febbraio 2018
 
 
Articolo di: mercoledì, 19 ottobre 2016, 1:27 p.

I migliori vini dell'Alto Piemonte si sfidano alla Camera di Commercio

Sesta edizione per il concorso enologico “Calice d’Oro"

NOVARA - Si svolgerà venerdì 28 ottobre, alle ore 9.30 alla Camera di Commercio la cerimonia di apertura della sesta edizione del Concorso Enologico “Calice d’Oro dell’Alto Piemonte”, manifestazione promossa dall'ente camerale di Novara, in accordo con quelli di Biella e Vercelli e del Verbano Cusio Ossola, con il supporto operativo di Assoenologi, partner tecnico dell’iniziativa.

Il concorso è riservato esclusivamente ai vini d.o.c. e d.o.c.g. prodotti da aziende aventi sede nelle province di Novara, Biella, Verbano Cusio Ossola e Vercelli. Venti le aziende che si sfideranno quest’anno per la conquista dell’ambito trofeo, per un totale di quarantacinque campioni, così suddivisi nelle tre categorie previste dal regolamento del concorso: otto in quella Colline Novaresi, Coste della Sesia e Valli Ossolane d.o.c. bianchi; venti in Colline Novaresi, Coste della Sesia e Valli Ossolane d.o.c. rossi e rosati; diciassette in Nebbioli da invecchiamento (Gattinara d.o.c.g., Ghemme d.o.c.g., Boca d.o.c., Bramaterra d.o.c., Fara d.o.c., Lessona d.o.c., Sizzano d.o.c.).

Le operazioni di selezione saranno affidate a tre commissioni, ognuna delle quali composta da un giornalista e sei enologi (di cui due operanti nelle province interessate dal concorso), sotto la presidenza dell’Associazione Enologi Enotecnici Italiani.

A tutti i vini che conseguiranno il punteggio complessivo di almeno 80 centesimi – corrispondenti all’aggettivazione “ottimo” in base al metodo di valutazione Union Internationale des Oenologues – sarà assegnato un diploma di merito.

Al vino di ogni categoria che otterrà il miglior punteggio, purché abbia raggiunto il minimo di 85 centesimi, sarà attribuito il trofeo “Calice d’Oro dell’Alto Piemonte” 2016.

Nella precedente edizione il riconoscimento è stato conferito ai vini Colline Novaresi d.o.c. bianco “Particella 40” dell’azienda agricola Bianchi Cecilia di Briona, Colline Novaresi d.o.c. Nebbiolo “Valentina” 2010 de Il Roccolo di Mezzomerico e Ghemme d.o.c.g. “Chioso Dei Pomi” 2008 di Rovellotti Viticoltori in Ghemme, mentre sono stati trentotto i vini premiati con un diploma di merito.

Articolo di: mercoledì, 19 ottobre 2016, 1:27 p.

Dal Territorio

Volley la Igor conquista la Coppa Italia

Volley la Igor conquista la Coppa Italia
Grande Igor Volley a Bologna. Contro Conegliano conquista la Coppa Italia imponendosi per 3 a 1. Dopo la Supercoppa italiana arriva anche il secondo sigillo per le novaresi. Sul Corriere di Novara di lunedì 19 febbraio cronaca e commenti del trionfo azzurro.  Foto www.agilvolley.com 

continua »

Altre notizie

Ubriaco, semina il panico sulla statale del Sempione

Ubriaco, semina il panico sulla statale del Sempione
CASTELLETTO, Ha cercato di bloccare diversi automobilisti lungo la strada statale del Sempione, nella zona tra Castelletto Ticino e Arona, nel Novarese, con una lunga serie di manovre particolarmente azzardate a bordo della sua Alfa Romeo 147. Il tutto sino a quando una pattuglia della Polizia stradale di Borgomanero, allertata da un automobilista che aveva avuto a che fare con(...)

continua »

Altre notizie

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto
NOVARA - Ultimo appuntamento del cartellone Opera e Balletto per la stagione 2017/2018 del Teatro Coccia di Novara.  Venerdì 23 febbraio alle 20.30 e domenica 25 alle 16 andrà in scena "Nabucco" di Giuseppe Verdi, opera prodotta da Fondazione Teatro Coccia.   L’opera è diretta dal maestro Gianna Fratta (nella foto). Regia, scene, costumi e luci sono(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top