Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
martedì, 25 aprile 2017
 
 
Articolo di: lunedì, 13 marzo 2017, 10:28 m.

Fine vita: una legge ci vuole, fra mille dubbi

Parlamentari novaresi concorsi

Soddisfazione ma anche tanta speranza. E non solo di fronte a un’urgenza rappresentata da un caso, quello del “dj Fabo”, che indubbiamente ha avuto anche una notevole risonanza mediatica nelle ultime settimane. E’ quanto ha espresso la senatrice Elena Ferrara per quanto riguarda il progetto di legge relativo alle “dichiarazioni anticipate di trattamento”: «Il testo che approda lunedì (oggi per chi legge, ndr) alla Camera è frutto di un lungo processo di mediazione, ma che rappresenta un significativo passo avanti rispetto a quanto discusso in precedenza».
Da Ferrara anche qualche considerazione di natura politica: «Come Partito democratico anche su questo argomento rivestiamo un’importante responsabilità. Abbiamo tenuto in considerazione molti aspetti, recependo istanze della parte medica e altro ancora di natura più etica. Ora ci auguriamo che il lungo lavoro da parte della Commissione possa consentire una rapida approvazione di questo importante provvedimento da parte dell’aula di Montecitorio. E che la stessa cosa possa avvenire al Senato, evitando una “terza lettura”, che provocherebbe un pericoloso allungamento dei tempi in considerazione che siamo agli sgoccioli della Legislatura».
Diverse sono le posizioni espresse dall’altro parlamentare del Pd, Giovanni Falcone. Il deputato novarese ha dichiarato di annoverarsi «tra coloro che non reputano opportuno normare il “fine vita”, essendo l’argomento di particolare sensibilità e attinente ai diritti personali da gestire con cautela. Ritendo - ha proseguito - che sia opportuno far prevalere il confronto del paziente con i familiari e il medico e che quest’ultimo debba valutare sempre secondo scienza e coscienza. Per queste ragioni io voterò no».

Per Gaetano Nastri, deputato novarese di Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale «la questione va affrontata senza dogmi o ideologia, pur con il principio di fondo dell'inviolabilità e della sacralità della vita. Discorso ben diverso dal testamento biologico o del “fine vita” è quello dell’eutanasia, alla quale sono fortemente e radicalmente contrari».

Il “testamento biologico” e il “fine vita” sono due temi che anche il “Movimento 5 Stelle” ha preso in esame da tempo e nello scorso mese di settembre ha preso in considerazione, come in altre occasioni, la possibilità di “sondare” la posizione dei militanti. Lo ha ricordato il senatore novarese Carlo Martelli nella giornata di sabato: «Essendo il nostro un esperimento di democrazia diretta e partecipativa», ha detto, su questo argomento «si espressero nell’occasione 20.315 iscritti certificati nel merito, i quali si proponevano di dare una risultante relativamente al trattamento del tema dell’eutanasia e del testamento biologico; al questionario più importante, quello sull’eutanasia, si espressero 20.086 iscritti, di cui 18.204 favorevoli alla sua introduzione e solo 1.882 i contrari».

Luca Mattioli 

Leggi di più sul Corriere di Novara di sabato 13 marzo 2017 

Nella foto un'immagine di attivisti francesi favorevoli a una legislazione per regolare il fine vita: nel 2015 il Parlamento d'Oltralpe aveva già legiferato su questa delicatissima questione partendo dal presupposto che  "Dormire prima di morire per non soffrire"

Articolo di: lunedì, 13 marzo 2017, 10:28 m.

Dal Territorio

Un brutto Novara crolla a Vicenza

Un brutto Novara crolla a Vicenza
Un Novara autore di una prova incolore esce sconfitto dal Menti di Vicenza. Gli azzurri in partenza danno l'idea di poter controllare la partita e trovano anche il vantaggio con Macheda. Il gol però sembra accontentare il Novara e a poco sale il Vicenza. Ebagua Bellomo e Orlando  trovano tre gol che annichiliscono la squadra di Boscaglia su cui scende la notte. Novara abulico(...)

continua »

Altre notizie

Sorpreso con della droga: condannato a un anno di reclusione

Sorpreso con della droga: condannato a un anno di reclusione
NOVARA, Un anno di reclusione e 2mila euro di multa. Si è concluso così lunedì pomeriggio 24 aprile, in Tribunale a Novara, il processo a carico di S.N., cittadino marocchino residente a Vercelli. L’uomo, fermato a febbraio in via Magenta, nella zona a ridosso della stazione ferroviaria, era a processo per spaccio di sostanze stupefacenti e per non aver ottemperato(...)

continua »

Altre notizie

Gli appuntamenti a Novara e dintorni in questi giorni di festa

Gli appuntamenti a Novara e dintorni in questi giorni di festa
MOSTRE NOVARA Miserere mei Sino al 29 gennaio è visibile nel quadriportico del Duomo la mostra “Miserere mei. Immagini e visioni in terra gaudenziana”, iniziativa ideata e promossa dell’Ufficio dei Beni culturali della Diocesi di Novara con l’Atl, “Instagramersnovara”, in collaborazione con il Capitolo della Cattedrale novarese, Arcidiocesi(...)

continua »

Altre notizie

Nel 2016 donate quasi 180.000 sacche di sangue

Nel 2016 donate quasi 180.000 sacche di sangue
VERBANIA - Domenica 30 Aprile presso Il Centro Multifunzionale “Il Maggiore” (Via Al Torrente San Bernardino, 49), a partire dalle 9.30 si terrà la 46^ Assemblea Regionale Avis.   Saranno presenti 145 delegati Avis, rappresentanti delle istituzioni e molti dirigenti delle organizzazioni del volontariato, del terzo settore e sportive. L’Assemblea(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top