Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
giovedì, 23 febbraio 2017
 
 
Articolo di: giovedì, 05 gennaio 2017, 10:00 m.

Fine anno segnato dal lutto a Trecate

Cinque morti in pochi giorni

TRECATE - E’ stato colto da un malore, rivelatosi poi fatale, mentre praticava uno dei suoi hobby preferiti al laghetto di pesca sportiva di Trecate. E’ morto lunedì pomeriggio 2 gennaio, nonostante i tentativi dell’équipe del 118 per rianimarlo, Rocco Limonetti. Il 61enne - che lascia la moglie e i figli - era noto in città per la sua altra grande passione, il calcio. Collaborava infatti attivamente con il Trecate calcio. E’ solo l’ultimo, in ordine di tempo, di un susseguirsi di eventi nefasti. Un fine anno nero per Trecate: a pochi giorni dall’inizio del 2017 la città è stata infatti segnata da gravi lutti a breve distanza l’uno dall’altro e che hanno fortemente scosso la comunità. Si sono svolti lunedì pomeriggio 2 gennaio in chiesa parrocchiale i funerali di Massimo Giarda, noto imprenditore 52enne stroncato da malattia. Malattia che non ha dato scampo nemmeno a Giuseppe Marsigliese, noto barista da tutti conosciuto come “Lupo”. Si è spento il 27 dicembre all’Hospice dell'ospedale “San Rocco” Galliate dove era ricoverato. I funerali, molto partecipati, si sono svolti venerdì 30 dicembre in chiesa parrocchiale. 

 
Non è stata solo la malattia a presentare un conto salato alla città. Altre due tragiche scomparse segnano a lutto i giorni di festa. E ’ morto il 28 dicembre, dopo una breve lotta per la vita, purtroppo sopraffatta dalle gravi ferite riportate nel terribile incidente della notte di Natale, Mattia Carpenteri. Il dj 25enne, grande appassionato di musica, era stato travolto da un treno nei pressi della linea ferroviaria novarese secondo le dinamiche al vaglio degli inquirenti. La corsa disperata in ospedale non è bastata a salvarlo. Infranti i sogni del giovane che con le cuffie, dietro alla consolle, mandava musica sognando di partecipare a grandi serate. Un cammino che in parte aveva già iniziato ad intraprendere.
A poche ore dalla tragica notizia relativa al giovane dj, un incidente sul lavoro provocava l’ennesima morte bianca. Vittima, giovedì mattina 29 dicembre in un magazzino della ditta di via Vittorio Veneto, Diego Capelli, imprenditore edile di 51 anni. Era un volto molto conosciuto in città per via del suo lavoro e del suo impegno nel volontariato. Secondo le prime ricostruzioni della dinamica, al vaglio degli inquirenti, Capelli stava manovrando con altri una pesante putrella quando sarebbe stato colpito a morte alle spalle da una trave. Lascia la moglie e una figlioletta.


ari.mar.

 


Articolo di: giovedì, 05 gennaio 2017, 10:00 m.

Dal Territorio

Donna trovata ferita al sottopasso: si tratterebbe di una caduta accidentale

Donna trovata ferita al sottopasso: si tratterebbe di una caduta accidentale
NOVARA, Una caduta accidentale. Dovuta forse a un improvviso malore o anche all’aver inciampato in uno dei gradini. E’ questa l’ipotesi maggiormente accreditata per l’episodio che ha visto vittima, mercoledì pomeriggio intorno alle 16,30, una donna di 83 anni, trovata a terra gravemente ferita nel sottopasso che collega via Pietro Micca a via per Biandrate.(...)

continua »

Altre notizie

Il Novara Calcio ha trovato l’equilibrio

Il Novara Calcio ha trovato l’equilibrio
NOVARA - E adesso non parlate di play off. Anche se la classifica del Novara, ad oggi, direbbe il contrario, con tre punti di distanza da quel fatidico ottavo posto, attualmente occupato dall’Entella, e ben sei lunghezze di vantaggio sulla zona rischio. C’è ancora tanta strada da pedalare, come si dice in gergo ciclistico, e per gli uomini di Boscaglia(...)

continua »

Altre notizie

Gli appuntamenti a Novara e dintorni in questi giorni di festa

Gli appuntamenti a Novara e dintorni in questi giorni di festa
MOSTRE NOVARA Miserere mei Sino al 29 gennaio è visibile nel quadriportico del Duomo la mostra “Miserere mei. Immagini e visioni in terra gaudenziana”, iniziativa ideata e promossa dell’Ufficio dei Beni culturali della Diocesi di Novara con l’Atl, “Instagramersnovara”, in collaborazione con il Capitolo della Cattedrale novarese, Arcidiocesi(...)

continua »

Altre notizie

Anche Shell cerca petrolio nel Novarese

Anche Shell cerca petrolio nel Novarese
Oltre 400 chilometri quadrati di terreno tra Piemonte e Lombardia, nelle province di Novara, Vercelli, Varese e Biella. Da Castelletto Ticino a Borgomanero, sino a Gattinara e Sizzano: è su questa larga porzione di Nord Italia - denominata nel suo complesso “Cascina Alberto” - che il colosso petrolifero Shell eserciterà nel prossimo futuro il permesso di ricerca di(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top