Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
giovedì, 21 settembre 2017
 
 
Articolo di: lunedì, 15 maggio 2017, 2:37 p.

Elezioni, i Comuni novaresi che cambiano amministrazione

A Borgomanero sei i candidati per la carica di primo cittadino

Sono in programma per il prossimo 11 giugno le elezioni amministrative (si voterà dalle 7 alle 23). Sabato alle 12 è scaduto il termine ultimo di consegna delle liste. In provincia di Novara si vota in sette comuni.

A BORGOMANERO (che supera i 15mila abitanti e potrà pertanto andare al ballottaggio il 25 giugno) gli elettori sceglieranno il nuovo sindaco tra sei candidati: Sergio Bossi (Forza Italia, Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale, Lega Nord e tre liste civiche “Il Borgo”, “Giovani e Futuro”, “Progetto per Borgomanero”). Corrado Rossi (Pd e lista civica “Siamo Borgomanero”); Piergiorgio Fornara (tre liste civiche “Attenzione e coraggio”, “I democratici per Borgomanero” e “Pro Borgo”); Graziella Valloggia (lista civica “Insieme per Borgomanero”); Andrea Fornara (Movimento Cinque Stelle); Alberto Cerutti (lista “Il popolo della famiglia”).

A VARALLO POMBIA saranno in due a correre per la poltrona da sindaco: a proporre progetti diversi l'attuale sindaco Alberto Pilone con la lista “Progetto Varallo Pombia” e il candidato sindaco di “Rinnoviamo Varallo Pombia” Gianni Giardina. Al fianco di Giardina nella squadra “Rinnoviamo Varallo Pombia” ci sono Ugo Fanchini, Joshua Carlomagno, Elena Macario, Davide Grazioli, Concetta Messina, Carmelo Pomo, Marcello Prone, Oreste Stefanazzi, Morena Pacchiotti, Walter Allera, Vania Tommasini, Antonella Toffanello. Accanto a Pilone correranno invece Elisa Bighinzoli, Elena Chiappini, Bruno Costola, Mirko Damiani, Barbara De Galeazzi, Nazareno De Lorenzis, Matteo Favini, Federico Parachini, Sergio Praderio, Giovanni Raso, Marika Scorrano e Massimo Silvestri. Le due squadre hanno iniziato a descrivere in punti il loro programma e, anche attraverso alcuni incontri, perfezioneranno il programma elettorale per potere soddisfare le esigenze dei cittadini.

L’ingegner Gian Angelo Zoia correrà in solitaria per la poltrona di sindaco di CAVAGLIO sostenuto dalla lista “La Collina”. La sua squadra è composta da Marianna Brustia, Dino Cantoia, Enzo Castaldi, Marina Citi, Mariella De Luca, Livio Donetti, Antonio Tacca, Enrica Tacca. Un ritorno per Zoia, che ricoprì la carica di sindaco del paese durante i mandati amministrativi 1988-1993 e 1993 - 1997. Sono cinque i punti relativi ai grandi temi toccati dal programma amministrativo: Ambiente e territorio; Urbanistica, edilizia pubblica e privata, viabilità; Imposte e tributi; Cultura e Servizi sociali. «La nostra scommessa per il futuro - dice Zoia - è di riportare la collina ad un ruolo centrale per il paese, anche da un punto di vista economico/produttivo».

Sfida a tre a DIVIGNANO: a contendersi la poltrona di sindaco sono Barbara Cerutti che guida la lista “Viva Divignano Viva”(con lei candidati consiglieri Elena Scalzo, Andrea Platini, Nicoletta Cattani, Marco Parachini, Laura Villella, Stefano Demitri, Barbara Villella Contiero, Irene Bello, Nicola Disisto, Maria Schiavello); Maurizio Raso con il gruppo “Il paese che vogliamo” (candidati consiglieri Margherita Ferrari, Sacha Spera, Luigia Mattieri, Maria Scalzo, Roberto Sorbara, Sara Colpo, Laura Romanato, Matteo Botton, Domenico Vitucci); Gianluca Bacchetta con la lista “Cambia…menti per Divignano” (candidati consiglieri Luciano Carlana, Filippo Pianta, Laura Tolbar, Maria Boton, Gian Carlo Fidanza, Elena Petterlin, Luca Frasson, Lorella Godio, Claudio Zaccarella, Luca Sinesi).

A LANDIONA l’avversario dell’unica candidata a sindaco sarà il quorum. A presentarsi alle prossime amministrative risulta infatti la sola lista “Landiona Nuova, Insieme costruiamo il futuro”, che vede candidata sindaco Marisa Albertini.

La sorpresa di queste amministrative viene da CASALVOLONE: il sindaco uscente Simona Rastelli non si presenterà più alla guida della lista bensì solo come consigliere. Due le liste in corsa: “PartecipAzione per Casalvolone” del candidato sindaco Roberto Gennaro e “Nodo di canapa, Uniti concreti” di Ezio Piantanida.

Tre liste infine a BIANDRATE: “La nuova Biandrate” del candidato sindaco Francesco Cangi; “Biandrate Giovane” guidata da Mattia Griggio; “Servire Biandrate” di Luciano Pigat che cerca la riconferma.

Articolo di: lunedì, 15 maggio 2017, 2:37 p.

Dal Territorio

Spezia -Novara 1-0

Spezia -Novara  1-0
Trasferta negativa in terra ligure per il Novara che perde di misura a La Spezia. Decide un gol di Marilungo che sfrutta al meglio un calcio d'angolo. Il Novara presobil gol non riesce a rendersi pericoloso per tutto il primo tempo. Nella ripresa gli azzurri dimostrano più intraprendenza e creano un paio di palle gol senza però trovare la rete. Il risultato non cambia e per(...)

continua »

Altre notizie

Nebbiuno: 'accudiva' 43 piante di marijuana alte due metri, arrestato

Nebbiuno: 'accudiva' 43 piante di marijuana alte due metri, arrestato
NEBBIUNO, Sorpreso a coltivare piantine di marijuana e arrestato dai Carabinieri di Lesa. E' successo a Nebbiuno, nel Novarese. Nell’ambito di servizi di controllo del territorio, i Carabinieri di Lesa hanno tratto in arresto, nella giornata di ieri 20 settembre, un italiano del posto, F.G., classe 1969, già conosciuto dalle Forze dell'Ordine, resosi responsabile del reato(...)

continua »

Altre notizie

Domenica a Novara la prima “Pedalata Cicli storici”

Domenica a Novara la prima “Pedalata Cicli storici”
NOVARA - Si svolgerà domenica 24 settembre la prima edizione della  “Pedalata Cicli storici”  organizzata dalla Pro loco Novara con il patrocinio del Comune e dell’Agenzia turistica locale della Provincia di Novara. La pedalata prevede il ritrovo in piazza Gramsci alle 8, quindi la partenza alle 9.30 per Olengo, Terdobbiate, Cascina Barzè,(...)

continua »

Altre notizie

Riso, «indispensabile essere uniti»

Riso, «indispensabile essere uniti»
SAN PIETRO MOSEZZO - «Siamo in un mercato ormai globale. L’Italia non è l’unico Paese che produce riso, e nemmeno l’unico che produce buon riso. Per questo dobbiamo imparare a “venderci” meglio e a mantenere una filiera che negli anni ha sempre saputo distinguersi per unità: solo così usciremo dal guado legato alla nuova politica agricola(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top