Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
mercoledì, 20 settembre 2017
 
 
Articolo di: lunedì, 12 giugno 2017, 8:10 m.

Elezioni amministrative, a Borgomanero è sindaco Sergio Bossi

Eletto al primo turno, bassissima l’affluenza

BORGOMANERO - Il nuovo sindaco di Borgomanero è Sergio Bossi, 47 anni (nella foto di Panizza), di professione assicuratore, vice sindaco nella Giunta uscente capitanata da Anna Tinivella, sostenuto da Forza Italia, Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale, Lega Nord e da tre liste civiche: “Il Borgo”, “Giovani e Futuro”, “Progetto per Borgomanero in vantaggio alle elezioni comunali di Borgomanero.

Bossi è stato eletto con 5.279 voti pari al 54,15% delle preferenze (la somma dei voti alle liste collegate è 5.130, 54,29%, percentuale calcolata sui voti validi ai candidati a sindaco 52,62%).

Piergiorgio Fornara si è fermato a 1.938 voti (19,88%). Le liste collegate a questo candidato (le liste civiche Pro Borgo, Attenzione e Coraggio, I democratici per Borgomanero) hanno totalizzato 1.849 voti (19.56%) percentuale calcolata sui voti validi ai candidati a sindaco 18,96%.

Così i risultati per gli altri candidati: Andrea Fornara (Movimento 5 Stelle) 713 voti (7,31%); Graziella Valloggia (lista civica Insieme per Borgomanero 390 voti, 4%; Alberto Cerutti (Il popolo della famiglia) 270 voti, 2,76%

Lo scrutinio delle schede iniziato alle 23 di ieri sera è andato avanti tutta notte ed è stato indubbiamente rallentato dalla presenza di sei candidati alla massima carica cittadina, di 14 liste e di 220 aspiranti consiglieri comunali.

Ma anche dalla macchinosità della legge elettorale che prevedeva tra l’altro il voto disgiunto con la possibilità cioè di dare il voto ad un candidato Sindaco e ad una lista non collegata allo stesso candidato.

Da sottolineare anche la bassissima percentuale di coloro che sono andati a votare: solo il 57,81%. In pratica su 17.544 iscritti alle liste elettorali i votanti sono stati 10.142 (5202 donne e 4940 uomini). Nel 2012 sempre al primo turno la percentuale era stata pari al 66,19% già in calo di oltre sei punti percentuali rispetto alle precedenti elezioni amministrative del 2007 quando la percentuale dei votanti era stata pari al 72,44%.

Carlo Panizza

Articolo di: lunedì, 12 giugno 2017, 8:10 m.

Dal Territorio

Spezia -Novara 1-0

Spezia -Novara  1-0
Trasferta negativa in terra ligure per il Novara che perde di misura a La Spezia. Decide un gol di Marilungo che sfrutta al meglio un calcio d'angolo. Il Novara presobil gol non riesce a rendersi pericoloso per tutto il primo tempo. Nella ripresa gli azzurri dimostrano più intraprendenza e creano un paio di palle gol senza però trovare la rete. Il risultato non cambia e per(...)

continua »

Altre notizie

Spaccio nei boschi del Borgomanerese: condanne ridotte per tre spacciatori

Spaccio nei boschi del Borgomanerese: condanne ridotte per tre spacciatori
NOVARA, Nel luglio dello scorso anno, in primo grado a Novara, con rito abbreviato, avevano rimediato pene particolarmente significative e comprese tra i 4 e i 7 anni di reclusione. Ora, nel processo d’Appello a Torino, i giudici hanno praticamente dimezzato le pene nei loro confronti. Alla sbarra, la banda di spacciatori arrestata dal Nucleo operativo radiomobile dei Carabinieri(...)

continua »

Altre notizie

A Pernate una stagione teatrale con tante novità

A Pernate una stagione teatrale con tante novità
NOVARA - Prenderà il via sabato 14 ottobre la stagione 2017-2018 del Teatro Sant'Andrea di Pernate: dieci serate per un cartellone con protagoniste, come sempre, le compagnie amatoriali, ma ricco di novità. Sul palco dello spazio di via Turbigo 8 infatti saliranno realtà che non si sono mai esibite a Pernate e che provengono da fuori provincia, da Verbania, Asti e dal(...)

continua »

Altre notizie

Riso, «indispensabile essere uniti»

Riso, «indispensabile essere uniti»
SAN PIETRO MOSEZZO - «Siamo in un mercato ormai globale. L’Italia non è l’unico Paese che produce riso, e nemmeno l’unico che produce buon riso. Per questo dobbiamo imparare a “venderci” meglio e a mantenere una filiera che negli anni ha sempre saputo distinguersi per unità: solo così usciremo dal guado legato alla nuova politica agricola(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top