Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 18 febbraio 2018
 
 
Articolo di: venerdì, 12 maggio 2017, 3:13 p.

Due aule studio dell'università intitolate a Sara, Denise e Ilaria

Tanta la commozione durante la cerimonia al campus Perrone

NOVARA- Tanta la commozione questa mattina alla cerimonia di intitolazione di due aule studio al nuovo campus dell’Università del Piemonte Orientale in via Perrone alla memoria delle studentesse Sara Domeniconi, Denise Falce e Ilaria Fornara, scomparse il 14 dicembre 2016 in seguito a un terribile incidente stradale. Come ha ricordato Paolo Pomati, responsabile della comunicazione dell’ateneo, le tre ragazze erano al terzo anno del corso di Infermieristica. “Come rettore dell’Università gli studenti è un po’ come se fossero anche un po’ tutti figli miei – ha detto Cesare Emanuel nel suo intervento, con gli occhi velati di lacrime - posso solo immaginare cosa provino i genitori e gli amici delle studentesse che ci hanno lasciato così precocemente. Abbiamo intitolato loro queste aule non sono per ricordarle ma anche per trasmettere un messaggio: il punto di riferimento, il senso civico e sociale dell’ateneo è totalmente orientato a voi studenti. Questo è il nostro paese, la nostra comunità”. Sono anche intervenuti il direttore del Dipartimento di Medicina traslazionale Gian Carlo Avanzi, il presidente del corso di laurea in Infermieristica Gianluca Aimaretti che ha sottolineato come sia significativo che la cerimonia si sia tenuta oggi, 12 maggio, giornata internazionale dell’infermiere, e il vescovo Franco Giulio Brambilla. A nome dei compagni di corso ha parlato poi la studentessa e amica delle ragazze scomparse Martina Valentini, che le ha ricordate con la voce rotta dal pianto: “Anche se non ci siete più – ha detto – siete sempre presenti in noi. Ci mancate, vi vogliamo bene”. Hanno proposto le loro riflessioni anche la tutor del corso di Infermieristica, Marina Demedici, il presidente dell’Ipasvi Luigi Pinelli ed infine la senatrice Elena Ferrara. Presenti anche l’assessore comunale Valentina Graziosi, la consigliera provinciale Emanuela Allegra,rappresentanti di Carabinieri e Guardia di Finanza, oltre che numerosi studenti, docenti e i famigliari delle ragazze. Dopo gli interventi lo scoprimento delle targhe e la benedizione del vescovo.

Valentina Sarmenghi

Articolo di: venerdì, 12 maggio 2017, 3:13 p.

Dal Territorio

Per il Novara pareggio tra gli applausi

Per il Novara pareggio tra gli applausi
NOVARA – SPEZIA 1 - 1   NOVARA : Montipò, Golubovic, Mantovani, Chiosa, Dickmann (32’ st Maniero), Casarini, Ronaldo (24’ st Orlandi), Calderoni, Moscati, Sansone (41’ st Di Mariano), Puscas.  All.:  Di Carlo. SPEZIA:  Di Gennaro, De Col, Terzi, Giani, Lopez, Mora (21’ stMaggiore), Bolzoni,(...)

continua »

Altre notizie

Lite a Cerano con accoltellamento: a processo uno per tentato omicidio, l’altro per lesioni

Lite a Cerano con accoltellamento: a processo uno per tentato omicidio, l’altro per lesioni
NOVARA, E’ stato aggiornato all’11 maggio, in Tribunale a Novara, un processo che vede al centro del dibattimento una lite che, a Cerano, nella tarda serata del 22 maggio 2015, si era conclusa con due feriti, uno più grave (che era finito in ospedale in Rianimazione) e uno più lieve. L’episodio era avvenuto in piazza Crespi. In quell’occasione due(...)

continua »

Altre notizie

Vercelli e Novara Sposi: 1ª edizione

Vercelli e Novara Sposi: 1ª edizione
Per il primo anno viene organizzata al quartiere fieristico di Vercelli a Caresanablot la 1ª edizione di Vercelli e Novara Sposi, l’evento rivolto alle coppie in procinto di sposarsi. Una manifestazione che si inserisce all’interno di un circuito di ben 24 fiere sul matrimonio che da fine settembre fino a metà febbraio 2018 porta il format in giro per il Nord Italia(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top