Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
venerdì, 15 dicembre 2017
 
 
Articolo di: lunedì, 17 luglio 2017, 11:32 m.

Dopo secoli, il lupo ritorna in pianura

Un esemplare avvistato nel parco del Ticino

CAMERI - Per ora non sembra aver varcato il Ticino. Ma «la presenza di un lupo nei nostri territori sarebbe davvero una notizia. Mai, da quando sono qui, si è verificato un avvistamento così preciso e documentato». Parola del direttore del Parco naturale della Valle del Ticino e del lago Maggiore, Benedetto Franchina. Peraltro, sono secoli che nelle pianure del Novarese i lupi sono scomparsi, considerati animali nocivi e cacciati. 
Qualche anno fa era capitato di trovare delle impronte nella zona di Fontaneto d’Agogna, ma nulla di più. Ora invece il grande carnivoro è stato fotografato, a due passi da noi. «I colleghi del Parco lombardo sono certi si tratti di un lupo. E se  è stato avvistato a Magenta è molto probabile che abbia fatto anche qualche “passaggio” in terra piemontese. Insieme a loro, e all’Università di Milano Bicocca e di Pavia, stiamo monitorando già da qualche mese il territorio, vagliando le segnalazioni». 
Tanti sono ancora gli elementi su cui far luce. Oltre a capire se si tratti veramente di un lupo, e non di qualche cane selvatico,  «bisognerà verificare se sia presente un solo esemplare e  cercare di spiegare da dove sia arrivato - aggiunge Franchina - Due sono le ipotesi: che sia risalito da sud, e quindi dagli Appennini attraversando il Po (cosa possibile, dal momento che i lupi sono abili nuotatori), oppure - come pare più probabile - che sia sceso dalle Alpi. E in quel caso avrebbe dovuto necessariamente attraversare il territorio piemontese». Tutti dubbi che sarà possibile dirimere attraverso gli elementi scientifici forniti dall’analisi di campioni di escrementi e del Dna.
In ogni caso, il ritorno del lupo in pianura fa parlare. Ed è, secondo il direttore del Parco, «una bella notizia. La presenza di questi carnivori è infatti un importante indice sulla qualità del territorio del Parco e testimonia un ambiente ad alta biodiversità. Peraltro, in queste zone il cibo certo non gli mancherebbe, visto l’alto numero di cinghiali ed ungulati».

Laura Cavalli

Leggi l'ampio servizio sul Corriere di Novara di lunedì 17 luglio 2017

Articolo di: lunedì, 17 luglio 2017, 11:32 m.

Dal Territorio

Igor Volley, brutto esordio in Champions

Igor Volley, brutto esordio in Champions
TREVISO - Esordio amaro in Champions per la Igor Novara uscita sconfitta dal PalaVerde di Treviso in 4 set da una Imoco Conegliano che, in formato Europa, si è dimostrata nettamente superiore. Certo una bella mano gliel'ha data la squadra azzurra, in campo per tre set, quelli persi, giocati senza nerbo, con un atteggiamento totalmente non consono all’impegno, fallosa(...)

continua »

Altre notizie

Omicidio Gennari: confermati i 18 anni anche in Appello

Omicidio Gennari: confermati i 18 anni anche in Appello
NOVARA, 18 anni anche in secondo grado a Torino, in Appello, per Nicola Sansarella, il quarantunenne novarese, ex tifoso del Novara calcio, accusato dell'omicidio dell'amico. L'uomo è accusato di aver ucciso l'amico Andrea Gennari e di averlo poi sepolto insieme a un altro soggetto nei boschi posti intorno a Santa Rita, nell'area non distante dalla sede del centro di smistamento delle(...)

continua »

Altre notizie

Weekend sulle piste del Rosa

Weekend sulle piste del Rosa
MACUGNAGA -Per gli appassionati dello sci, impianti aperti ai piedi del Rosa. Con il weekend di Sant’Ambrogio e dell'Immacolata, si è dato il via alla stagione sciistica. Sole e condizioni ottimali per questo atteso ponte di vacanza sulla neve che ha favorito l’arrivo di molti turisti. Per il primo giorno l’apertura è stata limitata alla prima seggiovia: il tratto(...)

continua »

Altre notizie

Donna cade dal balcone, è in Rianimazione

Donna cade dal balcone, è in Rianimazione
ARONA - Una donna precipita dal balcone e finisce in ospedale, indagano i carabinieri di Arona. Una cittadina marocchina di 32 anni,  sabato, è caduta dal balcone di una palazzina di via Vittorio Veneto per cause ancora da chiarire. Molto probabilmente un incidente all’origine del fatto. Forse la donna è caduta mentre si trovava a svolgere alcuni lavori di pulizia(...)

continua »

Altre notizie

^ Top