Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 25 febbraio 2018
 
 
Articolo di: lunedì, 17 luglio 2017, 11:32 m.

Dopo secoli, il lupo ritorna in pianura

Un esemplare avvistato nel parco del Ticino

CAMERI - Per ora non sembra aver varcato il Ticino. Ma «la presenza di un lupo nei nostri territori sarebbe davvero una notizia. Mai, da quando sono qui, si è verificato un avvistamento così preciso e documentato». Parola del direttore del Parco naturale della Valle del Ticino e del lago Maggiore, Benedetto Franchina. Peraltro, sono secoli che nelle pianure del Novarese i lupi sono scomparsi, considerati animali nocivi e cacciati. 
Qualche anno fa era capitato di trovare delle impronte nella zona di Fontaneto d’Agogna, ma nulla di più. Ora invece il grande carnivoro è stato fotografato, a due passi da noi. «I colleghi del Parco lombardo sono certi si tratti di un lupo. E se  è stato avvistato a Magenta è molto probabile che abbia fatto anche qualche “passaggio” in terra piemontese. Insieme a loro, e all’Università di Milano Bicocca e di Pavia, stiamo monitorando già da qualche mese il territorio, vagliando le segnalazioni». 
Tanti sono ancora gli elementi su cui far luce. Oltre a capire se si tratti veramente di un lupo, e non di qualche cane selvatico,  «bisognerà verificare se sia presente un solo esemplare e  cercare di spiegare da dove sia arrivato - aggiunge Franchina - Due sono le ipotesi: che sia risalito da sud, e quindi dagli Appennini attraversando il Po (cosa possibile, dal momento che i lupi sono abili nuotatori), oppure - come pare più probabile - che sia sceso dalle Alpi. E in quel caso avrebbe dovuto necessariamente attraversare il territorio piemontese». Tutti dubbi che sarà possibile dirimere attraverso gli elementi scientifici forniti dall’analisi di campioni di escrementi e del Dna.
In ogni caso, il ritorno del lupo in pianura fa parlare. Ed è, secondo il direttore del Parco, «una bella notizia. La presenza di questi carnivori è infatti un importante indice sulla qualità del territorio del Parco e testimonia un ambiente ad alta biodiversità. Peraltro, in queste zone il cibo certo non gli mancherebbe, visto l’alto numero di cinghiali ed ungulati».

Laura Cavalli

Leggi l'ampio servizio sul Corriere di Novara di lunedì 17 luglio 2017

Articolo di: lunedì, 17 luglio 2017, 11:32 m.

Dal Territorio

Il Novara cade Avellino

Il Novara cade Avellino
AVELLINO - NOVARA 2 - 1       AVELLINO:  Lezzerini, Ngawa, Morero, Kresic, Rizzato (16’ stLaverone), Molina, (12’ st Cabezas), D’Angelo, Di Tacchio, Bidaoui, Gavazzi (34’ st Falasco), Asencio.  All.:  Novellino   NOVARA:  Montipò, Troest, Mantovani, Chiosa, Dickmann(...)

continua »

Altre notizie

Tetto in fiamme a Maggiora

Tetto in fiamme a Maggiora
MAGGIORA, Incendio al tetto di un'abitazione alle 19,15 di sabato 24 febbraio a Maggiora, nel Novarese. Sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco con una squadra de l distaccamento di Borgomanero e una dei volontari di Romagnano Sesia. Le fiamme hanno interessato un appartamento di due piani con mansarda. Le squadre sono riuscite a evitare che il fuoco raggiungesse i tetti vicini.(...)

continua »

Altre notizie

"Oneshot": moto d’epoca restaurate

"Oneshot": moto d’epoca restaurate
NOVARA -  Si svolge a Casa Bossi, via Pier Lombardo 4, oggi sabato 24 e domenica 25 febbraio, dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19, la mostra "Oneshot". E' un'esposizione di moto d'epoca restaurate: Bmw R69s del 1965; Bmw r75/5 del 1973; Hercules 100gs America del 1968; Hercules gs 125 del 1972; BSA b25ss del 1972; Laverda 750SF del 1970; Yamaha xs 2 del 1973;Bultaco alpina 250 del(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top