Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 30 aprile 2017
 
 
Articolo di: giovedì, 09 marzo 2017, 9:52 m.

Discarica di Ghemme, è scontro tra sindaci e Provincia

Besozzi: «Fuorviante la richiesta di intervento»

NOVARA - Toni molto accesi alla conferenza stampa che è stata convocata ieri a Palazzo Natta. Oggetto la discarica di Ghemme e l’iniziativa intrapresa a tal riguardo dai sindaci di Arona, Cureggio, Fara Novarese e Nebbiuno. Tale iniziativa consiste nell’invito agli altri primi cittadini dei Comuni aderenti al Consorzio Medio Novarese (in totale 51 sindaci) ad aderire all’appello da loro redatto perchè la Provincia di Novara e la Regione Piemonte intervengano “urgentemente affinché venga preservata l’area della discarica di Ghemme dal punto di vista ambientale e di assumere i provvedimenti utili e necessari affinché si possa procedere alla chiusura del sito di conferimento dei rifiuti di cui trattasi senza oneri a carico dei Comuni e, quindi, dei cittadini”. Tutte questo con alcune premesse. L’appello ricorda ad esempio “che i cittadini dei comuni interessati hanno già pagato negli anni in tariffa i costi previsti per la messa in sicurezza e gestione trentennale post chiusura della discarica” ed evidenza come il gestore abbia “incamerato a suo tempo il denaro occorrente per tali attività” (pari a circa 23 milioni di euro).

La discarica di Ghemme, lo ricordiamo, non riceve più rifiuti ma non sono ancora state effettuate le operazioni di chiusura vera e propria in quanto la ditta che se ne doveva occupare, la Daneco, non ha ottemperato ai suoi doveri. La fidejussione per quanto riguarda la chiusura pari a 1.155.000 euro, è già stata incassata dalla Provincia e “girata” al Consorzio Medio Novarese. Consorzio che ora, come deliberato dall’Assemblea dei Sindaci, ora deve predisporre un “piano B”, ovvero un nuovo progetto per la chiusura. Rimane il problema della fidejussione per la gestione post mortem che si è rivelata falsa e quindi non riscuotibile. La Provincia ha proceduto a intentare un’azione legale nei confronti di Daneco per questo fatto. 

“Questo appello dei sindaci di Arona, Cureggio, Fara e Nebbiuno risulta un po’ fuorviante rispetto alle responsabilità dei vari soggetti rispetto alla soluzione del problema della discarica – ha detto il presidente della Provincia Matteo Besozzi – E’ un documento che confonde e rischia di allungare ancora di più i tempi di questa già complicata vicenda. Noi come Provincia abbiamo fatto tutto quanto, e anche di più, era nelle nostre possibilità in merito. Ora è il Consorzio che deve predisporre innanzitutto un nuovo progetto per la chiusura, ma non abbiamo più notizie dai suoi responsabili da 4 mesi. Senza il progetto non possiamo sapere quante sono le risorse necessarie per tale chiusura, visto che sappiamo già che i soldi della fideiussione non bastano. Senza la chiusura inoltre non si può procedere per quanto riguarda la gestione post mortem”.

“Siamo anche noi preoccupati che le conseguenze di questa situazione possano ricadere sui cittadini – ha aggiunto tra l’altro il consigliere Cremona – ci stiamo adoperando in ogni modo a noi possibile per trovare una soluzione”.  

Erano presenti i sindaci di Arona Alberto Gusmeroli, di Fara Ennio Prolo e di Nebbiuno Elis Piaterra. In particolare Gusmeroli ha fatto qualche rimostranza rispetto a quanto illustrato dal presidente della Provincia: “Abbiamo richiesto copia della fideiussione e dei documenti relativi alle azioni legali intraprese dalla Provincia un mese fa ma non abbiamo ancora ricevuto niente” ha rimarcato tra l’altro. Ha poi fatto alcune domande sulla compagnia assicurativa che ha rilasciato la fideiussione falsa che comunque risultava regolarmente iscritta negli elenchi di quelle abilitate.

Valentina Sarmenghi 

Articolo di: giovedì, 09 marzo 2017, 9:52 m.

Dal Territorio

Trenino turistico ad Arona, nuovo gestore cercasi

Trenino turistico ad Arona, nuovo gestore cercasi
ARONA - Non suona più da oltre sei mesi la sua inconfondibile campanella. Per il momento il “trenino turistico” (nella foto di Emanuele Sandon), da cinque anni a servizio della città per portare turisti, villeggianti e aronesi dal centro alla Rocca e al colosso di San Carlo, si è dovuto fermare. Forse ancora per poco. Scade oggi, mercoledì 26 aprile,(...)

continua »

Altre notizie

Il Novara si perde e perde contro il Brescia

Il Novara si perde e perde contro il Brescia
'Abbiamo fatto fatica. Continuiamo a portarci dietro ls gara con il Perugia. Mentalmente c''è gente chenon si è ancora ripresa. Mi spiace molto. Mi aspettavo qualcosa di piu'.  Cosi a fine partita il presidente del Novara Massimo De Salvo commenta la brutta prova della squadra. Un Novara apparso per lunghi tratti della gara svagato e poco cattivo. Gli azzurti andati in(...)

continua »

Altre notizie

Pombia: ponte di via Castello danneggiato da un’auto

Pombia: ponte di via Castello danneggiato da un’auto
POMBIA, I Vigili del Fuoco di Arona sono intervenuti sabato sera per una verifica statica del ponte di via Castello nel comune di Pombia, nel Novarese. A seguito di un urto con una  autovettura,  il parapetto di protezione è stato danneggiato e alcune sue parti sono cadute sulla carreggiata della sottostante strada provinciale. I vigili del fuoco hanno eliminato le(...)

continua »

Altre notizie

Gli appuntamenti a Novara e dintorni in questi giorni di festa

Gli appuntamenti a Novara e dintorni in questi giorni di festa
MOSTRE NOVARA Miserere mei Sino al 29 gennaio è visibile nel quadriportico del Duomo la mostra “Miserere mei. Immagini e visioni in terra gaudenziana”, iniziativa ideata e promossa dell’Ufficio dei Beni culturali della Diocesi di Novara con l’Atl, “Instagramersnovara”, in collaborazione con il Capitolo della Cattedrale novarese, Arcidiocesi(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top