Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
venerdì, 23 febbraio 2018
 
 
Articolo di: venerdì, 09 febbraio 2018, 10:25 m.

Di nuovo in aula uno dei condannati come capo della mafia nigeriana a Novara

L'accusa questa volta è di produzione e utilizzo di carte clonate

NOVARA, A metà gennaio è stato condannato in Tribunale a Torino in abbreviato a 10 anni per l’operazione Atheneum, inchiesta sulla mafia nigeriana, della quale viene reputato dagli inquirenti come un capo in quel di Novara. Qualche settimana dopo è, invece, apparso nelle aule del Palazzo di Giustizia novarese, città dove è domiciliato, per un processo con accuse di minor entità, rapina e lesioni, reati da cui è stato prosciolto. A Torino le accuse per lui erano ben più gravi: associazione a delinquere di stampo mafioso e altri reati.

Ora, per N.K.I., 44enne magazziniere al polo logistico dei supermercati a Biandrate, mercoledì mattina, altra presenza nelle aule di Palazzo Fossati, dove è stato condotto dalla polizia penitenziaria, dal momento che si trova in carcere. In questo caso l’accusa che gli viene contestata dalla Procura novarese, a seguito di un’indagine della Polizia postale, è quella di produzione e utilizzo di carte clonate. L’uomo, come anticipato, assistito dall’avvocato Milena Ruffini del Foro di Busto Arsizio, era presente in aula.

Durante l’udienza sono stati ascoltati diversi testi, a partire da uno degli agenti della Polposta che si era occupato delle indagini, sino alla responsabile di un negozio di profumeria dove l’uomo, insieme a un altro complice, aveva utilizzato le carte clonate. L’indagine si era sviluppata essenzialmente con pedinamenti e con le immagini registrate dai sistemi di videosorveglianza dei negozi dove erano state utilizzate le carte. Tra l’altro la responsabile della profumeria, cui in aula è stato chiesto se riconoscesse qualcuno dei due uomini che, nell’aprile del 2014, era stato al negozio ed era stato registrato nei video come uno dei due utilizzatori delle carte clonate, ha indicato senza tentennamenti l'imputato. L’udienza è stata quindi aggiornata al 26 settembre alle 13. Saranno ascoltati altri testimoni.

mo.c.

Per saperne di più leggi il Corriere di Novara di giovedì 2 febbraio in edicola

Articolo di: venerdì, 09 febbraio 2018, 10:25 m.

Dal Territorio

Rubate le offerte per la Caritas

Rubate le offerte per la Caritas
ROMENTINO - È successo ancora. Un anno fa ignoti avevano scassinato la cassetta per le offerte collocata accanto al presepe in chiesa parrocchiale. Questa volta è accaduto in occasione della mostra proposta dal Gruppo Filatelico Romentinese nel 160° anniversario dell’apparizione di Nostra Signora di Lourdes: fino al 28 febbraio la cappella del Santissimo Sacramento(...)

continua »

Altre notizie

Volley la Igor conquista la Coppa Italia

Volley la Igor conquista la Coppa Italia
Grande Igor Volley a Bologna. Contro Conegliano conquista la Coppa Italia imponendosi per 3 a 1. Dopo la Supercoppa italiana arriva anche il secondo sigillo per le novaresi. Sul Corriere di Novara di lunedì 19 febbraio cronaca e commenti del trionfo azzurro.  Foto www.agilvolley.com 

continua »

Altre notizie

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto
NOVARA - Ultimo appuntamento del cartellone Opera e Balletto per la stagione 2017/2018 del Teatro Coccia di Novara.  Venerdì 23 febbraio alle 20.30 e domenica 25 alle 16 andrà in scena "Nabucco" di Giuseppe Verdi, opera prodotta da Fondazione Teatro Coccia.   L’opera è diretta dal maestro Gianna Fratta (nella foto). Regia, scene, costumi e luci sono(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top