Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 19 febbraio 2017
 
 
Articolo di: venerdì, 21 ottobre 2016, 2:41 p.

Demografia delle imprese novaresi: saldo positivo nei primi nove mesi dell’anno

Bene i servizi, continua il calo dell'artigianato

NOVARA - Bilancio anagrafico positivo per le imprese novaresi nei primi nove mesi dell’anno: tra gennaio e settembre 2016 le attività avviate in provincia di Novara hanno superato le cessazioni di quasi 150 unità, con una variazione dello stock pari al +0,5% (+0,2% considerando il solo terzo trimestre).
«Continua l’andamento positivo della dinamica imprenditoriale, che già era emerso in apertura d’anno – commenta Maurizio Comoli, presidente della Camera di Commercio di Novara – La performance più favorevole si conferma quella dei servizi mentre le flessioni manifestate da costruzioni e industria appaiono comunque contenute, con difficoltà più persistenti per l’artigianato. Da notare una discesa sia del tasso di mortalità che di quello di natalità: quest’ultimo va invece sostenuto, con interventi sinergici delle istituzioni, supportando potenziali e neoimprenditori per dare ossigeno al tessuto produttivo e sociale del territorio».           
Sono 1.488 le aziende che si sono iscritte al registro delle imprese nei primi nove mesi dell’anno, mentre 1.343 hanno cessato la propria attività (al netto delle cessazioni d’ufficio), con una consistenza del sistema imprenditoriale novarese che al 30 settembre 2016 ammonta a 30.863 unità registrate.
Continua  invece il calo anagrafico dell’artigianato: nei primi nove mesi dell’anno le cessazioni hanno infatti continuato a superare gli avvii d’impresa, con un saldo negativo pari a -62 unità, in leggera discesa rispetto a quello conseguito nello stesso periodo del 2015, quando le perdite erano state 54. Lo stock delle ditte artigiane registrate al 30 settembre 2016 si attesta, pertanto, a 9.629 unità.                               
Sotto il profilo settoriale i servizi continuano ad evidenziare i risultati più positivi, con entità diverse a seconda delle varie attività: il saldo più favorevole, in valori assoluti, è quello dei servizi alle imprese (+91 unità) seguito, a distanza, dall’alloggio e ristorazione, che guadagna 25 unità, mentre gli incrementi degli altri comparti appaiono più contenuti.
Cresce anche la consistenza delle attività commerciali, con 26 unità in più nel periodo di riferimento, così come quella dell’agricoltura, che evidenzia un saldo positivo pari a +35 unità.
Si assottiglia, seppur moderatamente, la base imprenditoriale delle costruzioni, che arretrano di 23 unità (60 quelle perse nei primi nove mesi del 2015), e quella dell’industria manifatturiera, in calo di 16 unità.
Per quanto riguarda la composizione settoriale, alla data del 30 settembre 2016 il sistema produttivo locale risulta costituito da 30.863 imprese, di cui 27.563 attive ed operanti per l’8% nell’agricoltura, per il 29,9% nell’industria (di cui 17,7% nelle costruzioni e 12,2% nell’industria in senso stretto) e per il 62,1% nel terziario (di cui 25,1% nel commercio e 37% negli altri servizi).
L’analisi della forma giuridica conferma il dinamismo delle società di capitale, che tra gennaio e settembre 2016 evidenziano un saldo di +166 unità, pari ad una variazione del +2,5% (a fronte di una media provinciale del +0,5%), facendo così salire l’incidenza delle società di capitali al 21,8% delle imprese registrate complessive.
Appare invece pressoché stazionario il saldo delle ditte individuali, con 1.069 unità aperte nel periodo in esame (il 71,8% di quelle totali) e 1.064 cessate (pari al 79,2% di quelle complessive), portando l’incidenza delle imprese con titolare unico al 56,4% di quelle provinciali.     
Nei primi nove mesi del 2016, infine, si rilevano 114 iscrizioni e 141 cessazioni relativamente alle società di persone, con una consistenza a fine giugno di 5.953 unità produttive, corrispondente al 19,3% del tessuto imprenditoriale novarese.


 

Articolo di: venerdì, 21 ottobre 2016, 2:41 p.

Dal Territorio

Il Novara espugna Latina!

Il Novara espugna Latina!
LATINA - NOVARA 0- 1   LATINA:  Pinsoglio, Brosco, Dellafiore, Garcia Tena, Nica (29’ st Regolanti), Bandinelli (37’ st De Vitis), Mariga, Bruscagin, Buonaiuto (13’ st De Giorgio), Corvia, Insigne.  All.:  Vivarini. NOVARA:  Da Costa, Troest, Lancini, Scognamiglio, Dickmann, Casarini, Cinelli (5’ st(...)

continua »

Altre notizie

Scontro tra due veicoli sulla Ticinese

Scontro tra due veicoli sulla Ticinese
BORGO TICINO, E’ in fase di ricostruzione da parte della Polizia stradale di Borgomanero l’esatta dinamica dell’incidente che si è verificato al chilometro 29 della statale Ticinese l’altra sera. Il tutto all’altezza dell’intersezione con la provinciale Borgo Ticino-Castelletto, nel Novarese. In questo punto si sono scontrate una Mercedes,(...)

continua »

Altre notizie

Gli appuntamenti a Novara e dintorni in questi giorni di festa

Gli appuntamenti a Novara e dintorni in questi giorni di festa
MOSTRE NOVARA Miserere mei Sino al 29 gennaio è visibile nel quadriportico del Duomo la mostra “Miserere mei. Immagini e visioni in terra gaudenziana”, iniziativa ideata e promossa dell’Ufficio dei Beni culturali della Diocesi di Novara con l’Atl, “Instagramersnovara”, in collaborazione con il Capitolo della Cattedrale novarese, Arcidiocesi(...)

continua »

Altre notizie

Anche Shell cerca petrolio nel Novarese

Anche Shell cerca petrolio nel Novarese
Oltre 400 chilometri quadrati di terreno tra Piemonte e Lombardia, nelle province di Novara, Vercelli, Varese e Biella. Da Castelletto Ticino a Borgomanero, sino a Gattinara e Sizzano: è su questa larga porzione di Nord Italia - denominata nel suo complesso “Cascina Alberto” - che il colosso petrolifero Shell eserciterà nel prossimo futuro il permesso di ricerca di(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top