Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
venerdì, 20 ottobre 2017
 
 
Articolo di: mercoledì, 20 settembre 2017, 5:48 p.

Delitto di Pombia: terzo arresto, preso il mandante

E’ un imprenditore edile di Busto Arsizio

NOVARA, Novità in riferimento all’omicidio di Matteo Mendola, il 33enne trovato privo di vita in un capannone nei boschi di Pombia, nel Novarese, lo scorso 4 aprile. Ieri mattina, martedì 19 settembre, i Carabinieri di Novara, coordinati dalla locale Procura (titolare dell’inchiesta, il pm Giovanni Caspani), hanno tratto in arresto, a Busto Arsizio, il mandante del delitto.

Si tratta di Giuseppe Cauchi, imprenditore edile di 52 anni, nativo di Gela, ma residente appunto nel Varesotto. Come spiegato stamani in conferenza stampa in Procura dal comandante provinciale dell’Arma, colonnello Domenico Mascoli, dal procuratore capo Marilinda Mineccia, dal pm Caspani e dal tenente colonnello Sandro Colongo del Nucleo Investigativo dell’Arma, le dichiarazioni degli autori materiali dell'omicidio, ossia Antonio Lembo, arrestato lo scorso 11 aprile, e Angelo Mancino, in manette il 26 aprile, Cauchi avrebbe premeditato i delitto e fornito a Lembo l'arma con cui avrebbe sparato a Mendola. Non solo. Si sarebbe anche procurato un alibi per se stesso. Quando veniva consumato l’omicidio, infatti, il 52enne si trovava in Francia.

Il corpo di Mendola era stato rintracciato occasionalmente da un pensionato che passava in zona nella giornata del 5 aprile. Era all’interno di un capannone nei boschi di Pombia, in frazione S. Giorgio, in un’area davvero molto isolata. Il 33enne era stato ucciso con modalità che avevano subito preoccupato gli inquirenti: la sua, infatti, era stata una vera e propria esecuzione. Colpito per 12 volte con il calcio di una pistola alla testa e con una batteria per auto. Quindi finito con due colpi di pistola.

I militari hanno subito intrapreso la strada giusta, indagando nell’ambiente della vittima, nata in Sicilia, ma residente a Busto Arsizio. Così furono arrestati il 29enne Lembo e quindi Mancino, emigrato da Arezzo a Busto Arsizio in cerca di lavoro. Mancino sarebbe stato presente al momento dell'omicidio ma avrebbe partecipato in maniera minore. Subito i due indicarono Cauchi come il mandante. Il tempo trascorso tra il secondo arresto e il fermo dell’imprenditore è servito agli inquirenti a trovare conferma a tutti i riscontri raccolti, così da avere un giusto quadro probatorio e tutte le prove a conferma del suo ruolo di mandante. 

Monica Curino

 

Articolo di: mercoledì, 20 settembre 2017, 5:48 p.

Dal Territorio

Fiamme in un cantiere edile a Suno

Fiamme in un cantiere edile a Suno
SUNO, Un incendio ha interessato nel tardo pomeriggio di giovedì 19 ottobre un sollevatore telescopico presente in un’area di cantiere edile in via Mottoscarone a Suno, nel Novarese. L’allarme è scattato intorno alle 18,50. Sul posto una squadra dei Vigili del fuoco del Comando di Novara, del distaccamento di Borgomanero. Il tempestivo intervento, con(...)

continua »

Altre notizie

Igor Volley in festa al Teatro Coccia

Igor Volley in festa al Teatro Coccia
NOVARA - Il Teatro Coccia addobbato a festa, griffato in ogni angolo con il tricolore dello scudetto e gremito in ogni ordine di posto, è stato protagonista anche quest’anno dell’apertura ufficiale, ieri sera, della stagione agonistica della Igor Volley Novara, neo campione d’Italia, con la presentazione della squadra. Anche in questa occasione, Lorenzo Dallari, vice(...)

continua »

Altre notizie

Dagli studenti il “Canto alla città”

Dagli studenti il “Canto alla città”
NOVARA - Il Faraggiana si apre ancora alla città e la rende protagonista. Questa sera, giovedì 19 ottobre alle 21, e replica domani alla stessa ora, sale il sipario sulla nuova sagione del teatro novarese, la seconda dopo la rinascita: in cartellone “Canto alla città 2.0 – Il verbo degli uccelli”. Sul palco Lucilla Giagnoni, attrice e autrice del(...)

continua »

Altre notizie

Corsi aperti a Borgomanero, la proposta: "Prima ora di sosta gratuita"

Corsi aperti a Borgomanero, la proposta: "Prima ora di sosta gratuita"
Borgomanero  - “Sembrava di essere in un giorno normale, quando lungo i quattro corsi e in piazza Martiri le auto circolano liberamente”: questo uno dei commenti a caldo raccolti tra i commercianti del centro cittadino venerdì pomeriggio, riaperto al traffico automobilistico nell’ambito di un progetto sperimentale che prevede per la durata di sei mesi, sino al 2(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top