Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
giovedì, 27 aprile 2017
 
 
Articolo di: lunedì, 14 novembre 2016, 1:15 p.

Da Verona parte la riscossa azzurra

Un successo atteso da 55 anni che sfata il tabù trasferta. Ora sotto col Frosinone

NOVARA - Prima o poi doveva succedere. L’impresa del Novara sul campo della corazzata Hellas Verona diverrà un’altra pagina consegnata alla storia, un punto di partenza da cogliere al volo dopo un inizio di stagione devastante, in ogni senso. La sfida del “Bentegodi”, dove mai nessuno quest’anno era ancora riuscito a vincere, poteva essere annoverata tra le missioni impossibili alla vigilia. E tutto deponeva a sfavore degli azzurri, che da 55 anni (2-1 nel 1961 con reti di Montenovo e Mentani) non passavano a Verona. Ma più in generale, cabala a parte, sappiamo benissimo cosa è accaduto in questo avvio di campionato: sei sconfitte consecutive in trasferta, con mister Boscaglia mai vittorioso (compresa l’avventura a Brescia) fuori casa nel 2016.
Per il primo squillo lontano dal “Piola” il Novara ha voluto fare le cose in grande, graffiando gli scaligeri di Pecchia e colpendoli a ripetizione di rimessa quando le maglie della difesa gialloblù si sono aperte clamorosamente. Grande merito ce l’ha l’allenatore siciliano, che ha capito di dover affrontare la corazzata del campionato a casa sua in maniera differente dal solito e ha cambiato modulo: difesa a tre, con l’inserimento di Mantovani, perno centrale affiancato da Troest e Scognamiglio, pronta a trasformarsi a cinque, grazie al sacrificio e al ripiegamento dei terzini.
Ma la vera differenza l’ha fatto l’atteggiamento dei calciatori azzurri, che hanno lottato su ogni pallone come ai bei tempi, difendendosi strenuamente sotto la spinta di Pazzini (per lui è ancora fatal Novara dopo la clamorosa sconfitta quando vestiva la maglia dell’Inter)  e compagni, messi fuori giri e affondati in contropiede. Non è un caso che i primi tre gol siano arrivati dai tre centrocampisti in campo, Casarini, Viola e Faragò, segno che finalmente si sta ritrovando una quadratura.
Questa è la strada giusta, sulla quale bisognerà insistere, e da qui bisogna ripartire per ritrovare quell’unità nell’ambiente, determinante per riportare in alto il colore della maglia e della storia.  Serve un colpo di spugna e l’occasione arriverà domenica alle ore 17.30 contro il Frosinone, balzato al secondo posto: una sfida che verrà affrontata senza Troest. Ma con un Novara così...
Paolo De Luca

Leggi di più sul Corriere di Novara di lunedì 14 novembre 2016


Articolo di: lunedì, 14 novembre 2016, 1:15 p.

Dal Territorio

Un brutto Novara crolla a Vicenza

Un brutto Novara crolla a Vicenza
Un Novara autore di una prova incolore esce sconfitto dal Menti di Vicenza. Gli azzurri in partenza danno l'idea di poter controllare la partita e trovano anche il vantaggio con Macheda. Il gol però sembra accontentare il Novara e a poco sale il Vicenza. Ebagua Bellomo e Orlando  trovano tre gol che annichiliscono la squadra di Boscaglia su cui scende la notte. Novara abulico(...)

continua »

Altre notizie

Fiamme da una casa a Caltignaga: intervento dei Vigili del fuoco

Fiamme da una casa a Caltignaga: intervento dei Vigili del fuoco
CALTIGNAGA, Incendio nella mattinata di oggi, giovedì 27 aprile, in un’abitazione di Caltignaga, nel Novarese.Il rogo è divampato in via Samaritana. Sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco di via Generali con un’autopompa e un autobotte. Il personale  ha circoscritto le fiamme, che avevano rapidamente interessato altri locale, impedendo un’ulteriore(...)

continua »

Altre notizie

Gli appuntamenti a Novara e dintorni in questi giorni di festa

Gli appuntamenti a Novara e dintorni in questi giorni di festa
MOSTRE NOVARA Miserere mei Sino al 29 gennaio è visibile nel quadriportico del Duomo la mostra “Miserere mei. Immagini e visioni in terra gaudenziana”, iniziativa ideata e promossa dell’Ufficio dei Beni culturali della Diocesi di Novara con l’Atl, “Instagramersnovara”, in collaborazione con il Capitolo della Cattedrale novarese, Arcidiocesi(...)

continua »

Altre notizie

Trenino turistico ad Arona, nuovo gestore cercasi

Trenino turistico ad Arona, nuovo gestore cercasi
ARONA - Non suona più da oltre sei mesi la sua inconfondibile campanella. Per il momento il “trenino turistico” (nella foto di Emanuele Sandon), da cinque anni a servizio della città per portare turisti, villeggianti e aronesi dal centro alla Rocca e al colosso di San Carlo, si è dovuto fermare. Forse ancora per poco. Scade oggi, mercoledì 26 aprile,(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top