Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
giovedì, 21 settembre 2017
 
 
Articolo di: giovedì, 18 maggio 2017, 7:11 p.

Cyberbullismo: contrastarlo diventa legge

Ferrara: «Rilevante l’intesa raggiunta con le aziende proprietarie dei social»

Le “Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione al contrasto del fenomeno del cyberbullismo” sono una legge dello Stato. Con 432 voti favorevoli e un solo astenuto (per prassi quello della presidenza) l’assemblea di Montecitorio ha, in quarta lettura, licenziato definitivamente nel primo pomeriggio di ieri il provvedimento, atteso ora unicamente alla promulgazione da parte del Quirinale. Un applauso da parte dell’intero emiciclo ha salutato l’esito dell’ultima votazione e il saluto che la presidente Laura Boldrini ha rivolto a Paolo Picchio, il padre di Carolina.
Nessuna sorpresa nel corso di questo ultimo passaggio alla Camera, dove tutti i gruppi parlamentari sono stati concordi nel non presentare ulteriori emendamenti, dando così il via libera al testo che il Senato, nel corso del suo secondo passaggio, aveva riportato nella sua formulazione originaria. L’unico “dissenso” si è registrato in occasione dell’approvazione dell’articolo 6, che prevede uno stanziamento di “ulteriori risorse pari a 203 mila euro (…) in favore di un fondo” per il contrasto della pedopornografia su internet (articolo 12 della legge 18 marzo 2008, n. 48, ndr), per il quale si sono registrate 172 astensioni, fra cui quelle del Movimento 5 Stelle. Una somma che diversi deputati hanno considerato troppo esigua.
Logica la soddisfazione da parte della senatrice novarese Elena Ferrara, prima firmataria della proposta di legge: «Siamo arrivati al dunque - ci ha detto - Il testo finalmente approvato ha mantenuto una coerenza con la filosofia iniziale dell’iniziativa, che tiene conto degli aspetti preventivi rispetto a quelli più sanzionatori introdotti nel primo passaggio alla Camera. E’ evidente che questo percorso un po’ “zigzagante” è stato creato dal fatto che ci fossero visioni diverse rispetto a questo tema».
«Innanzitutto - ha aggiunto - ha poi finito col prevalere la capacità di concentrarsi sulle figure dei minori e di fare leva su quelle che sono le misure per preservare alcune riservatezze. Quindi poter giocare su degli elementi importanti anche nei confronti delle piattaforme che gestiscono i vari social media. Una legge insomma, che dà ad ognuno dei soggetti delle responsabilità chiare».
Un provvedimento che pone il nostro Paese all’all’avanguardia a livello europeo sull’argomento: «E’ rilevante - ha rimarcato - l’intesa raggiunta con le aziende proprietarie dei social, che non hanno sede legale in Italia. Un punto di forza è quello di essere stati in grado di ottenere insieme a loro delle misure di prevenzione e di contrasto, evitando che un contenuto rimanga pubblicato sulla “rete”. Un punto importante, in relazione anche ai nuovi regolamenti sulla privacy e sulla tutela dei dati personali regolamentati a livello europeo e che impegnano tutti gli Stati membri ad adeguarsi entro il prossimo anno».
Un progetto, ha concluso Ferrara, per il quale si è impegnato un folto gruppo di colleghi del Pd e, in un’ultima battuta, la Commissione per i Diritti umani, «con la quale abbiamo condotto l’indagine conoscitiva che mi ha poi permesso di giungere a un testo che ha poi ottenuto la condivisione da parte di tutte le forze politiche».

Luca Mattioli

Articolo di: giovedì, 18 maggio 2017, 7:11 p.

Dal Territorio

Spezia -Novara 1-0

Spezia -Novara  1-0
Trasferta negativa in terra ligure per il Novara che perde di misura a La Spezia. Decide un gol di Marilungo che sfrutta al meglio un calcio d'angolo. Il Novara presobil gol non riesce a rendersi pericoloso per tutto il primo tempo. Nella ripresa gli azzurri dimostrano più intraprendenza e creano un paio di palle gol senza però trovare la rete. Il risultato non cambia e per(...)

continua »

Altre notizie

Nebbiuno: 'accudiva' 43 piante di marijuana alte due metri, arrestato

Nebbiuno: 'accudiva' 43 piante di marijuana alte due metri, arrestato
NEBBIUNO, Sorpreso a coltivare piantine di marijuana e arrestato dai Carabinieri di Lesa. E' successo a Nebbiuno, nel Novarese. Nell’ambito di servizi di controllo del territorio, i Carabinieri di Lesa hanno tratto in arresto, nella giornata di ieri 20 settembre, un italiano del posto, F.G., classe 1969, già conosciuto dalle Forze dell'Ordine, resosi responsabile del reato(...)

continua »

Altre notizie

Domenica a Novara la prima “Pedalata Cicli storici”

Domenica a Novara la prima “Pedalata Cicli storici”
NOVARA - Si svolgerà domenica 24 settembre la prima edizione della  “Pedalata Cicli storici”  organizzata dalla Pro loco Novara con il patrocinio del Comune e dell’Agenzia turistica locale della Provincia di Novara. La pedalata prevede il ritrovo in piazza Gramsci alle 8, quindi la partenza alle 9.30 per Olengo, Terdobbiate, Cascina Barzè,(...)

continua »

Altre notizie

Riso, «indispensabile essere uniti»

Riso, «indispensabile essere uniti»
SAN PIETRO MOSEZZO - «Siamo in un mercato ormai globale. L’Italia non è l’unico Paese che produce riso, e nemmeno l’unico che produce buon riso. Per questo dobbiamo imparare a “venderci” meglio e a mantenere una filiera che negli anni ha sempre saputo distinguersi per unità: solo così usciremo dal guado legato alla nuova politica agricola(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top