Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
giovedì, 08 dicembre 2016
 
 
Articolo di: sabato, 17 novembre 2012, 8:14 m.

Continuano i danni provocati dai cinghiali agli agricoltori

Colpiti il Medio Novarese e la Valsesia

NOVARA - Il “bollettino di guerra” non si ferma e, da un capo all’altro del Medio Novarese, continuano ogni settimana a susseguirsi decine di segnalazioni di imprese agricole che denunciano danni provocati dai cinghiali.

Dall’Ovest Ticino fino al Borgomanerese, si tracciano i bilanci di una stagione disastrosa, “che ha visto – di fatto – i cinghiali – spiega Coldiretti - seminare distruzione nei campi delle due province”. 

L’ultima segnalazione, in ordine di tempo, giunge dalla sezione intercomunale Coldiretti di Borgomanero-Briga-Novarese-Cureggio-Comignago-Veruno–Gattico, presieduta da Gianluca Medina, che subito si è messo al lavoro sulla problematica, con un attento monitoraggio che indica come gli ungulati  continuino a devastare i campi coltivati a foraggere, in particolare nelle località Boscarolo e Molino Vaglio.

“La stagione dei raccolti volge al termine ma quest’anno i cinghiali continuano a mietere danni, dai castagneti ai campi e prati destinati alla fienagione” dice il direttore della Coldiretti interprovinciale di Novara-Vco Gian Carlo Ramella.

“Inoltre, è il momento dei bilanci, che sono pesantissimi per le imprese: alcune hanno visto raddoppiati i danni nei propri campi. Per molti, ormai, la distruzione dei raccolti è una drammatica consuetudine che si ripete di anno in anno, a fronte di risarcimenti che tardano ad arrivare: ricordo che moltissimi agricoltori stanno ancora aspettando il ristorno dei danni per il 2010 e che la loro pazienza è stata più che abbondante”.

In tutta l’area del medio ed alto novarese il contenimento degli ungulati è divenuto insufficiente e, nel contempo, gli stessi Atc sono obbligati a periziare i danni causati dalle specie selvatiche, senza però garantire il risarcimento alle imprese danneggiate, a causa del mancato trasferimento delle risorse economiche necessarie da parte della Regione Piemonte.

Nel caso delle foraggere, prati stabili o avvicendati, è un continuo distruggere e ripristinare, con il risultato di una fienagione compromessa o totalmente, o in parte.

Il problema è di estremo rilievo nelle aree protette, in particolare in quella del Parco del Ticino: ma non solo. “il danno è ovunque, anche fuori parto, e sta compromettendo l’operatività delle imprese agricole in una fascia di territorio amplissima, da Divignano, a Comignago e Cressa,  da Suno a Vaprio e Bogogno da Mezzomerico a Marano Ticino e, più a ovest, nell’ampia fascia che da Borgomanero, Maggiora, Boca, Fontaneto e Cavallirio si spinge sino a Romagnano e alla Valsesia. E il problema è altrettanto marcato nel Vco”, aggiunge il direttore Ramella. “Lo ripeto ancora una volta: le  nostre aziende rischiano la chiusura, il mondo della politica continua a non dare risposte adeguate e i cinghiali se la ridono: se non si comprenderà finalmente che il ruolo dell’agricoltura deve essere considerato componente fondamentale del nostro ecosistema, ogni equilibrio rischia di saltare”. 

Per la Coldiretti interprovinciale, quindi, “occorre davvero ad iniziare a pensare e predisporre la gestione del problema cinghiali in modo diverso: le misure attivate fino ad oggi per 'sradicare' questa emergenza non sono sufficienti e quindi bisogna correggere il tiro. Serve un'azione coordinata di Regione, Provincia e Parco da portare avanti in modo comune e condiviso con la rappresentanza agricola. E' inaudito che ancora oggi le imprese continuino ad avere campi devastati, coltivazioni distrutte, danni alle aziende e che anche i cittadini debbano affrontare i pericoli legati alla presenza incontrollata di questi animali, che anche nel corso di quest’anno hanno già provocato decine di incidenti sulle strade delle due province”.

Monica Curino

Articolo di: sabato, 17 novembre 2012, 8:14 m.
Articoli correlati Domenica 8, gli imprenditori di Coldiretti incontrano il vescovo Corti (2) Nasce a Novara la filiera Made in Italy del riso (2) Assenza di piogge: le ripercussioni sull'agricoltura (2) Presidio a Villa Picchetta di Coldiretti per l’allarme cinghiali (2) Nuovi sportelli Epaca-Coldiretti nell'Alto Novarese (2) Con Coldiretti e Novarello il riso novarese in ambasciata a Parigi (2) Il sindaco di Ghemme a Roma con Coldiretti (1) Cambia l'Imu per gli imprenditori agricoli: sarà meno pesante (1) Invorio per Mirandola: raccolti oltre 11mila euro (1) Anche un novarese alle finali di Oscar Green 2012 (1) Coldiretti: agriturismo e prodotti tipici per Pasqua (1) Domenica delle Palme: ulivo dalla Coldiretti (1) Regali enogastronomici per il Natale con i mercati di Campagna Amica (1) Coldiretti Novara e Vco torna in Africa (1) Celebrato il fondatore della Coldiretti (1) Cinghiali, un problema da risolvere (1) Appello a difesa del Parco del Ticino (1) La generazione delle fattorie didattiche (1) «L’Italia sa ancora scommettere sull’agricoltura come risorsa» (1) «Il Parco del Ticino non è un “cinghialificio”» (1) Sizzano: torna il raduno internazionale dei labrador (1) Coldiretti: progetto da condividere con le imprese per combattere la flessione delle borse risi (1) Coldiretti Novara Vco: “Il Capodanno “anticrisi” è a chilometro zero” (1)

Tags: cinghiale, cinghiali, coldiretti, distruzione, raccolti, ramella

Dal Territorio

63enne a processo per alcune uscite dalla sede di lavoro non consentite

63enne a processo per alcune uscite dalla sede di lavoro non consentite
NOVARA, E’ finita sul banco degli imputati con l’accusa di truffa ai danni dello Stato. Alla sbarra in Tribunale a Novara si trova una donna di 63 anni, impiegata amministrativa, difesa dall’avvocato Roberto Rognoni. A portare la donna a processo, un esposto di alcuni dipendenti ed ex dipendenti dell’Uepe, l’Ufficio esecuzione penale esterna del Ministero della(...)

continua »

Altre notizie

Macheda firma e segna il primo gol in partitella

Macheda firma e segna il primo gol in partitella
NOVARA - E’ andato subito in gol nella partitella di ieri mattina. Federico Macheda ha capitalizzato al meglio sul primo palo un pallone difficile, girandolo al volo dalla parte opposta. Un antipasto delle sue doti da attaccante, come si dice in gergo, in grado di togliere il “pallone dalla spazzatura”. Poi, nel pomeriggio, la firma sul contratto che lo legherà al(...)

continua »

Altre notizie

Ponte dell’Immacolata, tanti appuntamenti nel segno del Natale

Ponte dell’Immacolata, tanti appuntamenti nel segno del Natale
Tanti appuntamenti nel segno del Natale in programma per oggi giovedì 8 dicembre e nei prossimi giorni a Novara e provincia. A Novara è aperta tutti i giorni la pista di pattinaggio sul ghiaccio in piazza Puccini. Si inaugura questa mattina alle 11.30 in piazza Martiri la 19a edizione del Mercatino della Solidarietà che resterà poi aperto tutti i giorni fino al(...)

continua »

Altre notizie

Lago Maggiore “soffocato” dalle microplastiche

Lago Maggiore “soffocato” dalle microplastiche
ARONA - «Mancano sistemi di depurazione efficienti e serve una maggiore consapevolezza nella gestione e nello smaltimento dei rifiuti domestici e delle attività produttive». Il monito è di Legambiente - Goletta dei laghi, che ha presentato in questi giorni il dossier sulla presenza di microplastiche nelle acque. Nel Verbano e Sebino le più alte(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top