Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
sabato, 24 febbraio 2018
 
 
Articolo di: venerdì, 10 marzo 2017, 10:54 m.

Cavo d’Assi: quel buco s’ha da chiudere

Sopralluogo dell’Associazione Irrigazione Est Sesia

NOVARA - Sopralluogo nella mattina di mercoledì 8 marzo, da parte dell’Associazione Irrigazione Est Sesia in via Cavo d’Assi dove lo scorso 13 gennaio un camion di un’azienda di Sannazzaro de’ Burgondi, in provincia di Pavia, per cause in via di accertamento, è stato letteralmente inghiottito da una voragine creatasi all’improvviso nel manto stradale. «Noi abitiamo nel condominio di fronte al punto in cui la strada ha ceduto e il problema - avevano segnalato a febbraio alcuni residenti - è che la voragine è ancora lì, sotto gli occhi di tutti, esattamente come dopo l’incidente. E’ stata transennata, è vero, ma poi sembra che se ne siano completamente dimenticati».  E infatti anche alla data di ieri quella che i residenti definiscono una «vera e propria voragine» è ancora aperta. «In realtà - ci spiegano - le prime transenne poste dopo l’incidente essendo mobili e quindi a nostro avviso molto pericolose sono state sostituite da altre più stabili, ma i problemi che avevamo posto di sicurezza, igiene, decoro urbano e difficoltà per la viabilità e per parcheggiare perdurano». Al centro della questione rimane principalmente da capire a chi spetta fare i lavori per ripristinare la strada. Via Cavo d’Assi è una strada privata ma ad uso pubblico e proprio in questi giorni l’Associazione Irrigazione Est Sesia ha inviato una lettera sia al condominio Venere, che si affaccia sul Cavo d’Assi all’altezza della voragine, sia al Comune di Novara.«Il canale Cavo d’Assi - spiegano dall’Est Sesia - era già presente nel 1888. Noi negli anni non ci siamo mai occupati delle tombinature che invece spettano a chi ha avuto la concessione da parte dell’Associazione senza la quale peraltro non si sarebbe potuto costruire il fabbricato in prossimità di un canale irriguo». Detto questo c’è anche da aggiungere che in questo caso particolare «noi, subito dopo l’incidente, abbiamo provveduto a nostro carico a dare mandato per la pulizia dell’area, facendo togliere i detriti dell’asfalto crollato e di tutta la sabbia che era presente sul camion e che era stata necessariamente tolta dal veicolo per renderlo più leggero e consentirne la rimozione. Per quanto riguarda invece l’attuale situazione la protezione esistente pur ritenuta nell’immediato sufficiente non è però idonea ad evitare qualsiasi tipo di intrusione all’interno dell’alveo del canale e quindi, anche in considerazione del fatto che il prossimo 25 marzo il Cavo d’Assi, in concomitanza con l’inizio della stagione irrigatoria, sarà attivato, qualora il Condominio non provvedesse all’immediata ricostruzione della tombinatura, è necessario provvedere senza indugio alla posa di una recinzione fissa di protezione».Clarissa Brusati

Articolo di: venerdì, 10 marzo 2017, 10:54 m.

Dal Territorio

Volley la Igor conquista la Coppa Italia

Volley la Igor conquista la Coppa Italia
Grande Igor Volley a Bologna. Contro Conegliano conquista la Coppa Italia imponendosi per 3 a 1. Dopo la Supercoppa italiana arriva anche il secondo sigillo per le novaresi. Sul Corriere di Novara di lunedì 19 febbraio cronaca e commenti del trionfo azzurro.  Foto www.agilvolley.com 

continua »

Altre notizie

Sigilli a un'autofficina abusiva a Novara

Sigilli a un'autofficina abusiva a Novara
NOVARA, Mercoledì 21 febbraio militari della Stazione Carabinieri Forestale di Oleggio e di Novara, coadiuvati da una pattuglia del Nucleo Radio Mobile di Novara, nel corso di ordinari controlli sul territorio in materia di gestione dei rifiuti prodotti dalle autofficine, hanno individuato, a Novara, un’officina per la riparazione dei veicoli che non risultava aver presentato la(...)

continua »

Altre notizie

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto
NOVARA - Ultimo appuntamento del cartellone Opera e Balletto per la stagione 2017/2018 del Teatro Coccia di Novara.  Venerdì 23 febbraio alle 20.30 e domenica 25 alle 16 andrà in scena "Nabucco" di Giuseppe Verdi, opera prodotta da Fondazione Teatro Coccia.   L’opera è diretta dal maestro Gianna Fratta (nella foto). Regia, scene, costumi e luci sono(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top