Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
sabato, 29 aprile 2017
 
 
Articolo di: venerdì, 24 marzo 2017, 8:49 m.

Case popolari: disinnescata una “bomba sociale”

Approvata la legge regionale bipartisan che sospende tutte le decadenze in corso

La scorsa settimana è stata approvata dal consiglio regionale la modifica alla legge regionale 3 che, fra l’altro, tratta del tema delle decadenze e degli sfratti per gli inquilini morosi degli alloggi gestiti dalle Atc. Un tema scottante, dopo che erano stati resi noti i risultati di uno studio condotto da Deloitte per conto della Regione, sulla situazione debitoria delle Atc fino al 2014. L’Agenzia del quadrante che comprende Novara aveva evidenziato un buco di  circa 26 milioni di euro. Una situazione debitoria che aveva portato alla richiesta di centinaia e centinaia di decadenze indirizzate  dalle Atc ad affittuari morosi da anni. Una “bomba sociale” che avrebbe potuto rendere concreta l’ipotesi di centinaia di famiglie messe in mezzo alla strada. Per arginare l’emergenza, si era giunti alla decisione di modificare la legge e dunque bloccare gli sfratti in attesa delle opportune verifiche sull’effettiva morosità “colpevole” degli inquilini interessati. 
«Abbiamo approvato una buona legge –  ha detto il consigliere regionale Pd Domenico Rossi – che modifica la legge 3, con cui si sospendono tutte le decadenze in corso e i conguagli delle utenze fino alla conclusione delle necessarie verifiche. Un meccanismo che aiuta a prevenire veri e proprie emergenze umane e sociali».
Una norma, proposta dall’assessore alle Politiche sociali, Augusto Ferrari, che incide su numeri importanti come ha sottolineato Nadia Conticelli, presidente della Commissione in cui è stata affrontato il merito della disegno di legge. «Era necessario eliminare il meccanismo automatico della decadenza – prosegue Rossi – come dimostra anche il caso novarese: con questa legge sono inserite verifiche sui singoli casi con il coinvolgimento dei Comuni».
Il pagamento dei canoni  e delle utenze saranno, quindi, valutati in considerazione delle conseguenze sociali. Con questa legge si prevede un’azione congiunta delle ATC e dei Comuni nella valutazione di ciascuna posizione. Dopo si procedererà con la decadenza solo nei confronti di chi viene ritenuto in grado di pagare (la cosiddetta morosità colpevole): a Novara città circa il 90% dei morosi totali. Una volta provveduto alle verifiche potranno essere valutati i vari piani di rientro.
«Riguardo all’articolo 6 della legge – dice il consigliere regionale di Forza Italia Diego Sozzani – cioè quello relativo al blocco delle decadenze, il voto in aula è stato unanime. Questo proprio per evitare le emergenze sociali  temute. Quindi da questo punto di vista la legge va bene. Ora i Comuni e le Atc dovranno verificare i singoli casi e stabilire chi è veramente moroso e chi no, fissare piani di rientro e stabilire nuove regole per le decadenze qualora questi ultimi non vengano rispettati. Meno chiare  sono le conseguenze di questa manovra sul bilancio, ovvero: chi pagherà i 26 milioni di euro di debiti verificati fino al 2014? E cosa è accaduto negli anni successivi? Il nostro timore è che vengano pagati da tutti i piemontesi… Mi chiedo se questa assenza di responsabilità sia accettabile, anche perchè, accanto ai morosi incolpevoli vi sono quelli colpevoli, da anni, ovvero i furbetti». 
Una situazione difficile. A fronte di numerose situazioni di morosità colpevole da decenni, vi sono liste d’attesa di famiglie che, legittimamente, attendono l’assegnazione di un alloggio. 
Nelle more dell’approvazione della legge anche un elemento di novità, cioè il recepimento della Legge Cirinnà, con l’equiparazione delle convivenze di fatto  per l’attribuzione dei punteggi nelle graduatorie e per l’assegnazione della case popolari.
Sandro Devecchi

Articolo di: venerdì, 24 marzo 2017, 8:49 m.

Dal Territorio

Atletica leggera, il 93enne Antonio Nacca protagonista del “Meeting Città di Novara”

Atletica leggera, il 93enne Antonio Nacca protagonista del “Meeting Città di Novara”
NOVARA - E’ stata un’edizione del Meeting Città di Novara di atletica leggera piuttosto intensa quella che si è tenuta domenica scorsa al campo Andrea Gorla di Novara per l’organizzazione del locale Team Atletico Mercurio. Al mattino un centinaio di giovanissimi provenienti da tutta la provincia e da quella vicine di Vercelli e Vco sono convenuti per darsi(...)

continua »

Altre notizie

Barca a vela in difficoltà: messa in sicurezza dai Vigili del fuoco

Barca a vela in difficoltà: messa in sicurezza dai Vigili del fuoco
ARONA, Vigili del fuoco in piazza del Popolo ad Arona, nel Novarese, venerdì mattina, per il recupero e la messa in sicurezza di un’imbarcazione a vela che ha rotto gli ormeggi.Il personale del distaccamento di Arona ha agito sul pontile, recuperando e assicurando il natante.Mo.c.

continua »

Altre notizie

Gli appuntamenti a Novara e dintorni in questi giorni di festa

Gli appuntamenti a Novara e dintorni in questi giorni di festa
MOSTRE NOVARA Miserere mei Sino al 29 gennaio è visibile nel quadriportico del Duomo la mostra “Miserere mei. Immagini e visioni in terra gaudenziana”, iniziativa ideata e promossa dell’Ufficio dei Beni culturali della Diocesi di Novara con l’Atl, “Instagramersnovara”, in collaborazione con il Capitolo della Cattedrale novarese, Arcidiocesi(...)

continua »

Altre notizie

Trenino turistico ad Arona, nuovo gestore cercasi

Trenino turistico ad Arona, nuovo gestore cercasi
ARONA - Non suona più da oltre sei mesi la sua inconfondibile campanella. Per il momento il “trenino turistico” (nella foto di Emanuele Sandon), da cinque anni a servizio della città per portare turisti, villeggianti e aronesi dal centro alla Rocca e al colosso di San Carlo, si è dovuto fermare. Forse ancora per poco. Scade oggi, mercoledì 26 aprile,(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top