Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
mercoledì, 21 febbraio 2018
 
 
Articolo di: giovedì, 24 novembre 2016, 8:47 m.

Cambio alla guida di Liberazione e Speranza, Elia Impaloni nuovo presidente

Andrea Lebra resterà comunque nel direttivo

NOVARA, Nuovo direttivo per Liberazione e Speranza onlus, l’associazione che da 17 anni, prima a Novara e ora anche nel Verbano Cusio Ossola e nel Vercellese, si occupa di seguire e salvare donne vittime di tratta a scopo di sfruttamento sessuale. Un’iniziativa avviata nel 2000, grazie ad Andrea Lebra e alla collaborazione di molte altre persone. Un nuovo direttivo che, per la prima volta, non vedrà come presidente Lebra, che lascia dopo ben 17 anni ininterrotti di presidenza e rappresentanza legale dell’associazione. Lo storico fondatore e presidente resta però nel direttivo, composto da 4 donne e tre uomini, e continuerà a dare il proprio contributo come volontario.

La nuova presidente è Elia Impaloni, già assessore alle Politiche sociali del Comune e ora consigliera d’opposizione, impegnata nell’associazione per 4 anni. «L’assemblea dei soci, che ha visto la partecipazione di moltissimi giovani – ha spiegato Lebra – ha eletto il nuovo organo direttivo, scaduto lo scorso anno. Nuova presidente è Elia, vice presidente, invece, Luciano , che si occuperà degli aspetti economici. Io resterò come volontario, continuando a dare un aiuto. Il nuovo direttivo resterà in carica tre anni. Impaloni, presidente e legale rappresentante di Les, e Chiesa sono stati eletti all’unanimità. Lascio il testimone a una donna, giovane, preparata, esperta in tematiche sociali e femminili, che riuscirà certamente a portare nuove idee e rinnovato entusiasmo. Non si tratta di un incarico politico. Abbiamo sempre lavorato con Amministrazioni di ogni colore». «Sono molto legata a Liberazione e speranza e alle attività, che stiamo implementando – ha aggiunto Impaloni - Interveniamo anche nelle scuole e abbiamo attivato 126 tirocini per donne in difficoltà. Ci stiamo anche occupando dell’accoglienza di donne profughe richiedenti protezione internazionale e che scopriamo essere vittime di tratta».

mo.c.

 

 

Articolo di: giovedì, 24 novembre 2016, 8:47 m.

Dal Territorio

Ubriaco, semina il panico sulla statale del Sempione

Ubriaco, semina il panico sulla statale del Sempione
CASTELLETTO, Ha cercato di bloccare diversi automobilisti lungo la strada statale del Sempione, nella zona tra Castelletto Ticino e Arona, nel Novarese, con una lunga serie di manovre particolarmente azzardate a bordo della sua Alfa Romeo 147. Il tutto sino a quando una pattuglia della Polizia stradale di Borgomanero, allertata da un automobilista che aveva avuto a che fare con(...)

continua »

Altre notizie

Volley la Igor conquista la Coppa Italia

Volley la Igor conquista la Coppa Italia
Grande Igor Volley a Bologna. Contro Conegliano conquista la Coppa Italia imponendosi per 3 a 1. Dopo la Supercoppa italiana arriva anche il secondo sigillo per le novaresi. Sul Corriere di Novara di lunedì 19 febbraio cronaca e commenti del trionfo azzurro.  Foto www.agilvolley.com 

continua »

Altre notizie

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto
NOVARA - Ultimo appuntamento del cartellone Opera e Balletto per la stagione 2017/2018 del Teatro Coccia di Novara.  Venerdì 23 febbraio alle 20.30 e domenica 25 alle 16 andrà in scena "Nabucco" di Giuseppe Verdi, opera prodotta da Fondazione Teatro Coccia.   L’opera è diretta dal maestro Gianna Fratta (nella foto). Regia, scene, costumi e luci sono(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top