Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 01 maggio 2017
 
 
Articolo di: giovedì, 29 dicembre 2016, 12:22 p.

Botti di Capodanno: i consigli di Anpana per tutelare gli animali

E un appello alle Amministrazioni a estendere le ordinanze anti-botti in termini temporali e di aree

NOVARA, Per chi vive con un animale in casa, la notte di San Silvestro si trasforma spesso in un incubo, a causa dei botti di Capodanno, ma limitare questo problema è possibile con qualche piccolo accorgimento. A dare alcuni consigli è l’Anpana di Novara.

Consigli utili per proteggere sia gli animali d’affezione, sia quelli da reddito “mentre purtroppo per gli animali selvatici non esiste aiuto se non il loro sesto senso”.

“Tenere chiuse le finestre specie quelle che danno sui balconi, tenere accesa tv o radio per insonorizzare un po’ l’ambiente e attutire il fragore delle esplosioni, giocare di più con gli animali, renderli partecipi della festa, sdrammatizzare la situazione per non dar peso alle loro ansie - questa è una prima soluzione spiega il responsabile delle Guardie Ecozoofile  di Anpana Novara, Francesco Ragusa – Per gli animali che sono legati a catena occorre slegarli e chiuderli in un box perché rischiano di strozzarsi, arrampicandosi, e di farsi del male. E’ sempre utile mettere a disposizione un giaciglio che funziona da rifugio, eliminando tutto ciò che potrebbe ferirli e tenere le luci accese”. Le esplosioni dei petardi possono causare gravi conseguenze psichiche; in particolare i cani sono dotati di un udito molto sviluppato e sensibile, perciò il rumore assordante può provocare in loro un disorientamento che li costringe ad allontanarsi con disperazione, terrore e angoscia. Alcune reazioni sono molto pericolose come mordere le recinzioni che rappresentano un ostacolo alla fuga o sbattere contro porte o barriere per tentare di aprirle. “Se il cane impaurito non accetta il nostro contatto, se si nasconde, non costringiamolo a uscire, quando sarà tranquillo uscirà da solo. Negli ultimi anni molti passi avanti sono stati fatti dalle Amministrazioni Comunali. Sono sempre più le ordinanze che vietano di “sparare” petardi e botti e simili, vicino alle abitazioni e a quelle aree più sensibili per la presenza di anziani, malati, bambini e animali, anche se limitatamente ai giorni a cavallo del Capodanno. Confidiamo che per la festività ormai alle porte i sindaci vogliano prendere posizioni più forti, estendendo il divieto assoluto sia in termini temporali che di aree”. 

mo.c.

Articolo di: giovedì, 29 dicembre 2016, 12:22 p.

Dal Territorio

Il Novara si perde e perde contro il Brescia

Il Novara si perde e perde contro il Brescia
'Abbiamo fatto fatica. Continuiamo a portarci dietro ls gara con il Perugia. Mentalmente c''è gente chenon si è ancora ripresa. Mi spiace molto. Mi aspettavo qualcosa di piu'.  Cosi a fine partita il presidente del Novara Massimo De Salvo commenta la brutta prova della squadra. Un Novara apparso per lunghi tratti della gara svagato e poco cattivo. Gli azzurti andati in(...)

continua »

Altre notizie

Lavoro: migliora ma ancora non basta

Lavoro: migliora ma ancora non basta
NOVARA - “Lavoro. Le nostre radici, il nostro futuro”. E’ questo il tema scelto dalle organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil per la manifestazione del 1° maggio, che quest’anno celebra il 70° anniversario. Questa mattina, come ogni anno, il corteo dei lavoratori - accompagnato dalla marching band “Bandragola” - prenderà il via da piazza(...)

continua »

Altre notizie

Gli appuntamenti a Novara e dintorni in questi giorni di festa

Gli appuntamenti a Novara e dintorni in questi giorni di festa
MOSTRE NOVARA Miserere mei Sino al 29 gennaio è visibile nel quadriportico del Duomo la mostra “Miserere mei. Immagini e visioni in terra gaudenziana”, iniziativa ideata e promossa dell’Ufficio dei Beni culturali della Diocesi di Novara con l’Atl, “Instagramersnovara”, in collaborazione con il Capitolo della Cattedrale novarese, Arcidiocesi(...)

continua »

Altre notizie

Trenino turistico ad Arona, nuovo gestore cercasi

Trenino turistico ad Arona, nuovo gestore cercasi
ARONA - Non suona più da oltre sei mesi la sua inconfondibile campanella. Per il momento il “trenino turistico” (nella foto di Emanuele Sandon), da cinque anni a servizio della città per portare turisti, villeggianti e aronesi dal centro alla Rocca e al colosso di San Carlo, si è dovuto fermare. Forse ancora per poco. Scade oggi, mercoledì 26 aprile,(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top