Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
sabato, 21 ottobre 2017
 
 
Articolo di: sabato, 11 marzo 2017, 9:47 m.

Bancarella, i magnifici sei in finale

In anche il novarese Alessandro Barbaglia

NOVARA - E’ partito all’ombra della Cupola antonelliana l’atto conclusivo dell’edizione numero 65 del “Premio Bancarella”. Ieri pomeriggio, nell’auditorium “Fratelli Olivieri” del Conservatorio “Cantelli”, la lunga e spasmodica attesa è finalmente terminata e sono stati svelati i sei finalisti (e le loro fatiche letterarie) che si contenderanno il successo finale il prossimo 16 luglio a Pontremoli. Fra loro anche un nome e un volto giovane della cultura locale. Quello di Alessandro Barbaglia (nella foto), che con il suo romanzo d’esordio, “La locanda dell’ultima solitudine” (edito da Mondadori), ha ottenuto questo prestigioso riconoscimento.
Gli altri “finalisti” sono la cagliaritana Cristina Caboni, autrice de “Il giardino dei fiori segreti” (Garzanti); il padovano Matteo Strukul, che ha proposto con il suo “I Medici” (Newton Compton) un nuovo capitolo del romanzo a sfondo storico; la veronese Valeria Benatti, che con il suo “Gocce di
veleno” (Giunti) ha affrontato il tema della violenza sulle donne; il napoletano Lorenzo Marone con “Magari domani resto” (Feltrinelli); e infine il coreano (unico che non ha potuto presenziare alla cerimonia) Jung Myung Lee (rappresentato dal suo editor Marcella Marini), che ha trattato, nelle pagine del suo “La guardia, il poeta e l’investigatore” (Sellerio), il tema della guerra.
A fare gli onori di casa il direttore dell’Istituto musicale novarese Renato Meucci, seguiti dai saluti istituzionali: in primis Alessandro Canelli sindaco di Novara, e la collega di Pontremoli, Lucia Baracchini. Con loro era presente anche la coordinatrice del “Circolo dei lettori” di Novara Paola Turchelli. E poi quelli che consentono al “Bancarella” di... andare avanti, cominciando dal vicepresidente della Fondazione “Città del Libro” Gianni Tarantola. Per finire con i librai, veri protagonisti di un premio ormai entrato nella tradizione, che per Novara si è identificato (e si identifica ancora oggi) in Ottavio Lazzarelli e sua moglie, con la loro libreria adiacente il teatro “Coccia”.
Svelati i “finalisti” e i loro lavori, “degustati” come un ottimo vino da parte di padrini e madrine i loro lavori, spetta ora ai lettori acquirenti l’ultimo giudizio...

Luca Mattioli

Articolo di: sabato, 11 marzo 2017, 9:47 m.

Dal Territorio

Igor Volley in festa al Teatro Coccia

Igor Volley in festa al Teatro Coccia
NOVARA - Il Teatro Coccia addobbato a festa, griffato in ogni angolo con il tricolore dello scudetto e gremito in ogni ordine di posto, è stato protagonista anche quest’anno dell’apertura ufficiale, ieri sera, della stagione agonistica della Igor Volley Novara, neo campione d’Italia, con la presentazione della squadra. Anche in questa occasione, Lorenzo Dallari, vice(...)

continua »

Altre notizie

Incidente in A4, coinvolti bimbo di 2 anni e donna incinta

Incidente in A4, coinvolti bimbo di 2 anni e donna incinta
NOVARA, Incidente stradale intorno alle 19,30 di venerdì 20 ottobre lungo l'autostrada A4, tra i caselli di Novara Est e Novara Ovest (direzione Torino). Due le autovetture coinvolte, una con a bordo quattro persone, tra cui un bambino di circa due anni e una donna in stato di gravidanza, e l’altra con a bordo solo il conducente. Tutte le persone sono state portate(...)

continua »

Altre notizie

Dagli studenti il “Canto alla città”

Dagli studenti il “Canto alla città”
NOVARA - Il Faraggiana si apre ancora alla città e la rende protagonista. Questa sera, giovedì 19 ottobre alle 21, e replica domani alla stessa ora, sale il sipario sulla nuova sagione del teatro novarese, la seconda dopo la rinascita: in cartellone “Canto alla città 2.0 – Il verbo degli uccelli”. Sul palco Lucilla Giagnoni, attrice e autrice del(...)

continua »

Altre notizie

Corsi aperti a Borgomanero, la proposta: "Prima ora di sosta gratuita"

Corsi aperti a Borgomanero, la proposta: "Prima ora di sosta gratuita"
Borgomanero  - “Sembrava di essere in un giorno normale, quando lungo i quattro corsi e in piazza Martiri le auto circolano liberamente”: questo uno dei commenti a caldo raccolti tra i commercianti del centro cittadino venerdì pomeriggio, riaperto al traffico automobilistico nell’ambito di un progetto sperimentale che prevede per la durata di sei mesi, sino al 2(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top