Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 24 settembre 2017
 
 
Articolo di: sabato, 08 aprile 2017, 10:18 m.

Assetti e futuro, oggi il nuovo Banco Bpm

Assemblea nell’area del centro sportivo del Terdoppio

NOVARA - «Quella di oggi (sabato, ndr) a Novara sarà un’assemblea di portata storica». Parola di Maurizio Comoli (nella foto), vicepresidente del Cda del nuovo Banco Bpm spa, oltre che componente del Comitato esecutivo. L’appuntamento nella tensostruttura allestita nell’area del Terdoppio con l’assemblea dei soci «sarà infatti il primo momento, dopo la fusione, per ricordare da dove veniamo e cominciare a parlare del futuro». Un futuro ancora tutto da scrivere, per quella che – ricorda Comoli - «è la terza banca italiana, fortemente radicata nelle aree più ricche e sviluppate del Paese: Piemonte. Lombardia e Veneto. Nel solo Piemonte Orientale può contare su un’incidenza del 31% in provincia di Novara, del 27,5% ad Alessandria, 29% a Verbania e 25% a Vercelli». Un gruppo di grandi dimensioni, «che avrà la “taglia” per offrire ancora meglio i servizi a famiglie, imprese e territorio che sono già nella sua mission. Questa assemblea rappresenterà un punto di svolta e, ci auguriamo, l’inizio di un percorso di ulteriore crescita».

Questa mattina, per la prima volta, confluiranno a Novara, insieme ai soci dell’ex Banco Popolare, anche quelli di Bpm, chiamati ad approvare i due bilanci chiusi al 31 dicembre 2016 in rosso di 1,7 miliardi (risultato di una perdita di 1,7 miliardi per l’ex Banco e di un utile da 72,7 milioni per l’ex Bpm), le determinazioni sulle politiche di remunerazione e incentivazine, il via libera all'acquisto di azioni proprie fino a un massimo dell'1%.

Ma l’assemblea sarà anche l’occasione per cercare di capire quali saranno i futuri assetti della banca, trasformata in spa dopo la fusione. Una fusione che, lo scorso autunno, i soci del Banco avevano approvato pressoché all’unanimità, ma che aveva invece incontrato molte più resistenze sul fronte Bpm.

Ulteriore novità sarà data dal fatto che - venuta meno la forma di “banche popolari” - i soci voteranno per la prima volta senza il principio capitario, il che significa che a contare non saranno più le teste (all’insegna della storica logica “una testa un voto”), ma i capitali. E, visto che la maggioranza del capitale di questi gruppi è oggi in mano a investitori istituzionali italiani ed esteri, non è facilmente intuibile l'esito delle  votazioni.

Fabio Ravanelli, presidente di Confindustria Piemonte e dell’Associazione industriali di Novara, nonché componente del Cda di Banco Bpm, è convinto però che la trasformazione in spa «non modificherà l’animo del Banco: sono certo che l’attenzione al territorio, alla sua gente e alle imprese che vi operano resterà immutata». Ravanelli concorda sull’im portanza dell’assemblea odierna, «che segna davvero una tappa storica, essendo anche la prima dopo la fusione. Siamo diventati la terza banca in Italia, con grosse potenzialità di sviluppo soprattutto nelle aree più ricche del Paese. E questo, in un momento in cui una certa ripresa comincia a palesarsi, potrà rappresentare per noi tutti un buon vantaggio. Credo che il 2017 sarà un anno importante per Banco Bpm e per il suo sviluppo futuro». 
In un clima che è ancora di incertezza, intanto, le organizzazioni sindacali guardano con attenzione all'assemblea ma preferiscono rimanere "alla finestra": : «Al momento - commenta Daniela Ferruta, del direttivo Fisac Cgil Novara e Vco per il Banco - è troppo presto per qualsiasi considerazione oggettiva. Come per tutte le fusioni, c’è un po’ di confusione, del tutto normale. La “macchina” si sta azionando, ma per capire cosa accadrà, occorrerà attendere il fondamentale passaggio della “migrazione informatica”. Solo quando tutte le strutture, a Verona e Milano, parleranno lo stesso linguaggio potranno essere messe in pratica le parti fondanti del nuovo piano industriale». Da giugno e fino al dicembre 2018 andrà intanto a regime il piano di uscite volontarie dei lavoratori: 2.100 (di cui 400 già avvenute sul fronte Banco) con un contraltare di 400 nuove assunzioni. Sul fronte della presenza sul territorio invece ieri, venerdì, hanno chiuso i battenti 49 sportelli Bpm: un'operazione necessaria per "dirottare" il personale sull'operazione di migrazione informatica. 
Laura Cavalli

Articolo di: sabato, 08 aprile 2017, 10:18 m.

Dal Territorio

Il Novara cede all’Avellino

Il Novara cede all’Avellino
NOVARA -  AVELLINO  1- 2   NOVARA:  Montipò, Golubovic, Troest, Chiosa, Calderoni, Moscati, Ronaldo (15’ st Da Cruz), Sciaudone, Di Mariano (1’ st Macheda), Maniero, Chajia (36’ st Sansone).  All.:  Corini.   AVELLINO:  Radu, Ngawa, Kresic, Migliorini, Rizzato, Laverone (33’ st Lasik), Paghera(...)

continua »

Altre notizie

In manette per estorsione uno dei protagonisti delle risse di quest’estate davanti ai locali

In manette per estorsione uno dei protagonisti delle risse di quest’estate davanti ai locali
NOVARA, Già protagonista lo scorso luglio dell’episodio di violenza avvenuto davanti al locale ‘049’, sfociato successivamente nel suo inseguimento sino all’interno dell’area dell’Allea, ora l’uomo è stato tratto in arresto per estorsione.A finire in manette, a seguito di un’indagine della Squadra Mobile della Questura di Novara,(...)

continua »

Altre notizie

Domenica a Novara la prima “Pedalata Cicli storici”

Domenica a Novara la prima “Pedalata Cicli storici”
NOVARA - Si svolgerà domenica 24 settembre la prima edizione della  “Pedalata Cicli storici”  organizzata dalla Pro loco Novara con il patrocinio del Comune e dell’Agenzia turistica locale della Provincia di Novara. La pedalata prevede il ritrovo in piazza Gramsci alle 8, quindi la partenza alle 9.30 per Olengo, Terdobbiate, Cascina Barzè,(...)

continua »

Altre notizie

Riso, «indispensabile essere uniti»

Riso, «indispensabile essere uniti»
SAN PIETRO MOSEZZO - «Siamo in un mercato ormai globale. L’Italia non è l’unico Paese che produce riso, e nemmeno l’unico che produce buon riso. Per questo dobbiamo imparare a “venderci” meglio e a mantenere una filiera che negli anni ha sempre saputo distinguersi per unità: solo così usciremo dal guado legato alla nuova politica agricola(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top