Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 25 settembre 2017
 
 
Articolo di: venerdì, 07 ottobre 2011, 8:52 p.

Assenza di piogge: le ripercussioni sull'agricoltura

Drastico taglio di raccolti

NOVARA - Pur con la precipitazione di stamattina, anche il Novarese si trova alle prese con un’assenza di piogge-record, che, complice il caldo anomalo di questo primo scorcio d’autunno, ha di fatto prodotto un prolungamento della stagione estiva: tutti in maniche corte. 

Prima delle piogge di questa mattina, venerdì 7 ottobre, il livello idrometrico del lago Maggiore si trovava a meno di cinquanta centimetri dal minimo storico del periodo ed era in continuo calo dal primo di agosto.

Non solo. Da un’analisi della Coldiretti emerge che, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, sono più che dimezzate in tutta Italia le precipitazioni rispetto al periodo di riferimento, sulla base di elaborazioni su dati Ucea relativi alle prime due decadi di settembre, mese che si classifica al nord come il più caldo degli ultimi 150 anni.

"Per salvare le piante da frutta - spiega Coldiretti - dallo stress provocato dal caldo torrido e dall’assenza di pioggia nelle regioni del Nord Italia, ed anche per garantire la fioritura nel prossimo anno, è stato necessario ricorrere straordinariamente all’irrigazione di soccorso per kiwi, mele e pere in un periodo in cui normalmente l’acqua è garantita dal cielo. Per lo squilibrio idrico i finocchi vanno a fiore fuori stagione e non possono essere più commercializzati, mentre il raccolto di tradizionali verdure autunnali come radicchio, verze e cavoli sarà anticipato e gli agricoltori stanno pensando ad una nuova semina per garantire le forniture invernali. Si avvicina anche Halloween, che  - a quanto pare – vedrà scarseggiare le zucche rispetto allo scorso anno, con un calo di raccolti stimato intorno al 15%. Anche la vendemmia si è svolta con grande anticipo nella zona delle Colline Novaresi e in Ossola, aree in cui la produzione di vino appare in calo, anche se in questo caso l’andamento climatico ha contribuito a determinare un’annata qualitativamente “da manuale”, con vini che verranno ricordati per il loro prestigio. Complessivamente l’effetto combinato di caldo e assenza di pioggia sta determinando un drastico taglio dei raccolti che varia dal calo del 20% del pomodoro destinato a polpe e passate al 15% del riso, che ha raggiunto la maturazione anzitempo con una riduzione di resa, determinata anche dalla comparsa del Brusone (anche se l’Italia manterrà la leadership produttiva a livello europeo). Il caldo di questi ultimi due mesi è giunto però al termine di un inizio d’estate altrettanto anomalo, con temperature fredde che, nelle nostre province, hanno determinato problemi per la produzione di miele: la stagione di raccolta era iniziata bene riguardo al miele di acacia, poi l’inversione con le temperature basse da giugno ad inizio agosto, cosa che ha determinato la perdita di interi raccolti di miele di castagno (altrettanto importante e caratteristico per le due province di Novara e del Vco)".

Monica Curino

Articolo di: venerdì, 07 ottobre 2011, 8:52 p.
Articoli correlati Continuano i danni provocati dai cinghiali agli agricoltori (2) Anche un novarese alle finali di Oscar Green 2012 (1) Cambia l'Imu per gli imprenditori agricoli: sarà meno pesante (1) Coldiretti: agriturismo e prodotti tipici per Pasqua (1) Domenica delle Palme: ulivo dalla Coldiretti (1) Con Coldiretti e Novarello il riso novarese in ambasciata a Parigi (1) Il sindaco di Ghemme a Roma con Coldiretti (1) Un inverno pazzerello (1) Invorio per Mirandola: raccolti oltre 11mila euro (1) Presidio a Villa Picchetta di Coldiretti per l’allarme cinghiali (1) E' allerta per forti piogge su tutto il Piemonte (1) Nasce a Novara la filiera Made in Italy del riso (1) Coldiretti: progetto da condividere con le imprese per combattere la flessione delle borse risi (1) «L’Italia sa ancora scommettere sull’agricoltura come risorsa» (1) La generazione delle fattorie didattiche (1) Coldiretti Novara e Vco torna in Africa (1) Sizzano: torna il raduno internazionale dei labrador (1) Regali enogastronomici per il Natale con i mercati di Campagna Amica (1) Nuovi sportelli Epaca-Coldiretti nell'Alto Novarese (1) Domenica 8, gli imprenditori di Coldiretti incontrano il vescovo Corti (1) Coldiretti Novara Vco: “Il Capodanno “anticrisi” è a chilometro zero” (1) Celebrato il fondatore della Coldiretti (1)

Tags: coldiretti, raccolti, piogge

Dal Territorio

Il Novara cede all’Avellino

Il Novara cede all’Avellino
NOVARA -  AVELLINO  1- 2   NOVARA:  Montipò, Golubovic, Troest, Chiosa, Calderoni, Moscati, Ronaldo (15’ st Da Cruz), Sciaudone, Di Mariano (1’ st Macheda), Maniero, Chajia (36’ st Sansone).  All.:  Corini.   AVELLINO:  Radu, Ngawa, Kresic, Migliorini, Rizzato, Laverone (33’ st Lasik), Paghera(...)

continua »

Altre notizie

Ubriaco entra in un bar, impugnando una grossa pinza da fabbro: arrestato

Ubriaco entra in un bar, impugnando una grossa pinza da fabbro: arrestato
VARALLO POMBIA, Già ubriaco, entra in un bar di Varallo Pombia, nel Novarese, e sin da subito inizia a importunare gli avventori. E lo fa non solo a parole, ma anche impugnando una grossa pinza da fabbro. Immediatamente è stato richiesto l’intervento delle Forze dell’Ordine. E’ successo al bar “Joker” nella notte del 23 settembre. Sul posto sono(...)

continua »

Altre notizie

Domenica a Novara la prima “Pedalata Cicli storici”

Domenica a Novara la prima “Pedalata Cicli storici”
NOVARA - Si svolgerà domenica 24 settembre la prima edizione della  “Pedalata Cicli storici”  organizzata dalla Pro loco Novara con il patrocinio del Comune e dell’Agenzia turistica locale della Provincia di Novara. La pedalata prevede il ritrovo in piazza Gramsci alle 8, quindi la partenza alle 9.30 per Olengo, Terdobbiate, Cascina Barzè,(...)

continua »

Altre notizie

Riso, «indispensabile essere uniti»

Riso, «indispensabile essere uniti»
SAN PIETRO MOSEZZO - «Siamo in un mercato ormai globale. L’Italia non è l’unico Paese che produce riso, e nemmeno l’unico che produce buon riso. Per questo dobbiamo imparare a “venderci” meglio e a mantenere una filiera che negli anni ha sempre saputo distinguersi per unità: solo così usciremo dal guado legato alla nuova politica agricola(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top