Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
giovedì, 23 novembre 2017
 
 
Articolo di: lunedì, 10 aprile 2017, 10:57 m.

Assemblea Banco Bpm, la fusione “corre”

«Orgogliosi dei primi tre mesi: confermiamo gli obiettivi del piano»

NOVARA - «Una banca che ha un capitale forte e diventerà ancora più forte nel 2017, che presidia le regioni più ricche d’Europa e che ha dimostrato in questi primi tre mesi un entusiasmo e una determinazione che sono il viatico per costruire qualcosa di grande». Così Giuseppe Castagna, amministratore delegato di Banco Bpm spa, ha sintetizzato agli azionisti riuniti sabato  in assemblea il progetto che ha portato, dallo scorso gennaio, alla fusione di Banco popolare e Bpm in quello che è diventato il terzo gruppo bancario italiano. E il processo di fusione, ha detto Castagna, sta procedendo «a marcia forzata». «Sono molto orgoglioso di quanto è stato fatto in questi primi tre mesi dell’anno. Tra un mese presenteremo i risultati, che sono nella traiettoria del nostro piano industriale. Siamo già più avanti rispetto a quello che ci eravamo proposti di fare. Abbiamo realizzato più di 150 chiusure di filiali, delle 350 previste, e firmato coi sindacati un piano di uscite volontarie per  2.100 persone (metà delle quali avverranno nel 2017, ndr), andando oltre quanto annunciato. E questo ci consente anche di superare i risparmi che avevamo preventivato».
Il piano industriale, ha ricordato Castagna, «partiva dalle due banche che insieme avevano realizzato profitti per circa 600 milioni nel 2015. Il 2016 è stato un anno difficile, come prevedevamo. Nonostante ciò, riteniamo di poter confermare gli ambiziosi obiettivi indicati nel piano e che ci porteranno a realizzare nel 2019 profitti per oltre un miliardo di euro».
Nel cammino verso il compimento degli obiettivi c’è anche la cessione dei crediti in sofferenza: «Abbiamo negoziato con la Banca centrale la dismissione per otto miliardi,  1,7 miliardi li abbiamo già ceduti. Ora stiamo negoziando una cessione importante per oltre 700 milioni e arriveremo nel primo semestre di quest’anno al 30% delle cessioni previste. Ma non vogliamo svendere, pur nel rispetto degli impegni presi con la Bce. Per questo abbiamo creato una “unit” ad hoc dedicando circa 220 professionisti solo al mondo dei crediti in sofferenza».
A grandi passi procede anche l’integrazione dei sistemi informatici: «Nessuna banca finora l’ha mai fatto in questi tempi. - ha detto Castagna - Noi entro luglio vogliamo avere un unico sistema informatico che gestisca tutte le nostre filiali e tutte le nostre sedi centrali. La migrazione si tradurrà nello spostamento del sistema informatico ex Bpm in quello dell’ex Banco». 
La trasformazione  in spa ha rivoluzionato quella che era l’anima delle banche popolari, dove una testa valeva un voto. Ma Castagna ha voluto rassicurare che il rapporto con il territorio (ed in particolare con gli imprenditori, che troveranno in banca Akros «l’interlocutore che finora è mancato») non verrà meno: «Vogliamo essere punto di riferimento per gli azionisti tradizionali, ma siamo consapevoli di essere una banca che ha il 70% di azionariato in mano ai fondi, e con loro vogliamo creare un rapporto concreto e duraturo. Guardiamo con grande attenzione alla nostra tradizione, ma siamo aperti al futuro, convinti di poter  conciliare queste esigenze solo apparentemente differenti  con soddisfazione per tutti».
Laura Cavalli

Leggi l'ampio servizio sull'assemblea sul Corriere di Novara di lunedì 10 aprile 2017 

Articolo di: lunedì, 10 aprile 2017, 10:57 m.

Dal Territorio

Il Novara cede al Bari

Il Novara cede al Bari
NOVARA - BARI 1-2   NOVARA:  Montipò, Golubovic, Mantovani, Del Fabro, Dickmann,Moscati, Orlandi, Sciaudone (11’ st Chajia), Calderoni, Macheda (20’ st Maniero), Da Cruz (26’ st Di Mariano).  All.:  Corini.   BARI:  Micai, Anderson, Gyömbér, Tonucci, Fiamozzi, Petriccione, Basha (25’ st(...)

continua »

Altre notizie

E' morto Giovanni Mogna, lutto d'impresa e sport

E' morto Giovanni Mogna, lutto d'impresa e sport
NOVARA - L’imprenditoria novarese è in lutto. Nella serata di ieri si è spento in città Giovanni Mogna, presidente di Probiotical Spa, azienda leader nella ricerca, lo sviluppo e la produzione di microrganismi probiotici. Mogna, 67 anni, da pochi mesi combatteva contro un brutto male. Accanto a lui negli ultimi anni si era affiancata la figlia Vera (nella foto con(...)

continua »

Altre notizie

Sgarbi al teatro Coccia con il suo "Michelangelo"

Sgarbi al teatro Coccia con il suo "Michelangelo"
NOVARA - Vittorio Sgarbi torna a Novara venerdì 24 novembre per lo spettacolo al Teatro Coccia "Michelangelo" (inizio alle 21, evento fuori stagione). Il critico d'arte, la cui collezione è in mostra al castello di Novara fino al 14 gennaio, racconterà la vita del Buonarroti accompagnato dalla musica di Valentino Corvino (compositore, in scena interprete) e assieme alle(...)

continua »

Altre notizie

Linea ferroviaria Novara-Laveno, trasformazione per il trasporto merci

Linea ferroviaria Novara-Laveno, trasformazione per il trasporto merci
Il presidente della Provincia di Novara Matteo Besozzi, nei mesi scorsi ha incontrato i sindaci del territorio. Nel corso di questa iniziativa, svolta in modo itinerante, ha avuto modo di raccogliere alcune segnalazioni su importanti temi riguardanti infrastrutture e promozione territoriale. «Alcuni temi sono stati affrontati con risultati positivi, - spiega -  uno di questi(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top