Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 25 febbraio 2018
 
 
Articolo di: venerdì, 19 ottobre 2012, 8:50 p.

Arona: era il mister che portò l’Arona in serie D il pensionato morto in via XXIV Maggio

L’episodio poco dopo le 10 di venerdì

ARONA – E’ stato l’allenatore che oltre trent’anni fa riuscì a portare l’Arona calcio in serie D. Il pensionato morto nella mattinata di oggi, venerdì 19 ottobre, in via XXIV Maggio ad Arona, nel Novarese, è Roberto Valli.

L’uomo, 80 anni, era molto conosciuto negli ambienti calcistici aronesi e non solo. Dalle prime informazioni raccolte sembrerebbe che il pensionato, intorno alle 10,20, a bordo della sua carrozzina motorizzata, nei pressi della sua abitazione, sia stato colpito da un improvviso malore, che l’ha portato ad accasciarsi e cadere a terra. A dare l’allarme pare sia stato un passante.

Sul posto è intervenuta un’ambulanza medicalizzata di Arona. Il personale del 118 è riuscito, dopo alcuni tentativi, a rianimare l’80enne, che è stato quindi portato in ospedale a Borgomanero.

Qui, purtroppo, dopo qualche tempo, il suo cuore ha cessato di battere. Grande il cordoglio in tutta la città. 

Monica Curino

Articolo di: venerdì, 19 ottobre 2012, 8:50 p.
Articoli correlati Uomo accoltellato a Cerano (1) Centauro esce di strada nella zona di Caltignaga (1) Tre giorni di festa per l'Ambulanza del Vergante (1) Ciclista muore per un malore mentre percorre la regionale 11 (1) Fingono di volergli pulire la giacca sporca e gli rubano il portafoglio (1) Malore in Tribunale, questa mattina, per una giovane (1) Calcolo dell’Imu: i servizi del Comune di Novara (1) Topi d'appartamento in azione a Trecate (1) Colto da malore, muore in carrozzeria (1) Malore sulla cupola di San Gaudenzio (1) Incontro a Borgomanero con le associazioni del soccorso e il 118 (1) Incontro a Borgomanero con le associazioni del soccorso e il 118 (1) Camminata benefica, domenica 25, per l'Ambulanza del Sorriso (1) Ferite di media gravità per un ciclista investito a Gozzano (1) Nuova sede per l’Ambulanza del Vergante (1) Ospedale di Arona: tante novità (1) Investimento nel pomeriggio a Castelletto Ticino (1) “Noi ci siamo sempre, anche a Natale” (gallery) (1) Raccolti 13mila euro per l'Ambulanza del Vergante (1) Serie di incidenti giovedì pomeriggio nel Novarese (1) Serie di incidenti giovedì pomeriggio nel Novarese (1) Auto esce di strada in tangenziale (1) Non solo emergenze (1)

Tags: ambulanza, pensionato, malore, abitazione, XXIV Maggio

Dal Territorio

Tetto in fiamme a Maggiora

Tetto in fiamme a Maggiora
MAGGIORA, Incendio al tetto di un'abitazione alle 19,15 di sabato 24 febbraio a Maggiora, nel Novarese. Sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco con una squadra de l distaccamento di Borgomanero e una dei volontari di Romagnano Sesia. Le fiamme hanno interessato un appartamento di due piani con mansarda. Le squadre sono riuscite a evitare che il fuoco raggiungesse i tetti vicini.(...)

continua »

Altre notizie

Il Novara cade Avellino

Il Novara cade Avellino
AVELLINO - NOVARA 2 - 1       AVELLINO:  Lezzerini, Ngawa, Morero, Kresic, Rizzato (16’ stLaverone), Molina, (12’ st Cabezas), D’Angelo, Di Tacchio, Bidaoui, Gavazzi (34’ st Falasco), Asencio.  All.:  Novellino   NOVARA:  Montipò, Troest, Mantovani, Chiosa, Dickmann(...)

continua »

Altre notizie

"Oneshot": moto d’epoca restaurate

"Oneshot": moto d’epoca restaurate
NOVARA -  Si svolge a Casa Bossi, via Pier Lombardo 4, oggi sabato 24 e domenica 25 febbraio, dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19, la mostra "Oneshot". E' un'esposizione di moto d'epoca restaurate: Bmw R69s del 1965; Bmw r75/5 del 1973; Hercules 100gs America del 1968; Hercules gs 125 del 1972; BSA b25ss del 1972; Laverda 750SF del 1970; Yamaha xs 2 del 1973;Bultaco alpina 250 del(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top