Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
giovedì, 20 luglio 2017
 
 
Articolo di: venerdì, 10 marzo 2017, 8:11 p.

Amministratori: niente insulti sui social

Un gruppo ristretto per la stesura definitiva della mozione

NOVARA – Mercoledì pomeriggio si è tenuta la commissione comunale che si occupa di legalità e sicurezza per visionare e definire il testo di una mozione, che viene congiuntamente presentata da tutte le forze politiche che siedono nel Consiglio comunale di Novara. Maggioranza e minoranza si stanno confrontando da diversi mesi, per darsi delle regole al fine di evitare un utilizzo improprio dei social. La decisione finale è stata di costituire una commissione ristretta, un componente per ogni gruppo consiliare, per elaborare il testo definitivo della mozione che, successivamente, sarà approvata in aula.Turpiloquio, insulto e offesa, invettiva, risentimento, vendetta, rancore, avversione, incitamento all’odio razziale, religioso, di genere o di orientamento sessuale, trasudano dai miliardi di commenti che giornalmente vengono pubblicati sul Web. Sarà il presidente della commissione Maurizio Nieli a presentare la bozza del testo. Si tratta di un argomento di cui il Consiglio comunale ha iniziato a discutere il 29 novembre 2016, quando fu respinta la mozione presentata dal gruppo consiliare del Partito democratico, che aveva come prima firmataria la consigliera Elia Impaloni, denominata: “Mozione per favorire la riduzione della tensione sociale”. Il contenuto di detta mozione faceva particolarmente riferimento al tema dell’immigrazione. Il motivo che aveva spinto i consiglieri Dem ad affrontare il problema era stata la presenza sui social di commenti di discriminazione e incitamento all’odio da parte di alcuni rappresentati nelle Istituzioni. A prova della serietà dell’intervento, alcuni di questi commenti di particolare violenza, erano stati letti in aula. Anche il gruppo della Lega Nord (firmatari Francesca Ricca e Mauro Franzinelli) aveva presentato una mozione relativa al tema più generale della rilevanza penale dei contenuti di carattere diffamatorio su Internet e sottolineato l’urgenza di tutelare la rispettabilità del Comune di Novara anche attraverso i suoi rappresentanti istituzionali che utilizzano sovente web e social network. La mozione del Carroccio ancora non era stata discussa e in alternativa è stato richiesto al presidente della commissione, Maurizio Nieli, di predisporre un testo congiunto, che tenesse conto di entrambi i documenti già presentati. Da ciò l’invito, subito accolto dall’assessore alla legalità e sicurezza, Mario Paganini, di dare manforte al presidente Nieli, al fine di predisporre un documento che potesse trovare la condivisione di tutto il Consiglio. Mercoledì dunque la presentazione del testo alla commissione prima di arrivare in aula che, ovviamente, potrebbe ancora subire modifiche migliorative.Il principio che ha ispirato la redazione del testo discende dalla necessità di garantire la libertà di pensiero e di espressione che non deve però oltrepassare i limiti del rispetto umano e dei  valori di cui è impregnata la nostra Carta Costituzionale. Ai consiglieri comunali, agli assessori, al sindaco si chiede un comportamento esemplare poiché “hanno doveri legati al ruolo e alla funzione che sono stati loro affidati dalla Comunità tutta, tra cui spicca prima di tutto il rispetto delle regole di buona educazione”.Mariateresa Ugazio

Articolo di: venerdì, 10 marzo 2017, 8:11 p.

Dal Territorio

Novara Calcio, un raduno “particolare”

Novara Calcio, un raduno “particolare”
GRANOZZO - C’era una volta il raduno… Una sorta di primo giorno di scuola in cui giocatori e tecnici, vecchi e nuovi, riapparivano d’incanto tutti abbronzati per la curiosità dei tifosi, attratti soprattutto dal cercare di associare cognomi a facce non ancora conosciute. Domenica è andato in scena un raduno molto singolare del Novara Calcio 2017-18.(...)

continua »

Altre notizie

Cinque anni e mezzo per violenza sessuale e maltrattamenti

Cinque anni e mezzo per violenza sessuale e maltrattamenti
NOVARA, Cinque anni e mezzo di carcere per violenza sessuale e maltrattamenti e assoluzione, invece, dall’accusa di stalking. Si è concluso così, in Tribunale a Novara, l’ennesima storia di maltrattamenti in famiglia. Alla sbarra un panettiere novarese di 40 anni. Stando alla denuncia dell’ex compagna, risalente al 2009, quando era andata a stare in una(...)

continua »

Altre notizie

Midsummer, grande jazz sul lago

Midsummer, grande jazz sul lago
Primo appuntamento oggi, martedì 18 luglio, nel parco di Villa La Palazzola, con Midsummer Jazz Concerts, dal 18 al 21 a Stresa, sabato 22 e domenica 23 luglio al Teatro “Il Maggiore" di Verbania. Ad aprire la rassegna jazz, giunta alla sesta edizione e inserita nel cartellone di Stresa Festival, sono il pianista spagnolo Chano Dominguez, Horacio Fumero al contrabbasso e David(...)

continua »

Altre notizie

Dopo secoli, il lupo ritorna in pianura

Dopo secoli, il lupo ritorna in pianura
CAMERI - Per ora non sembra aver varcato il Ticino. Ma «la presenza di un lupo nei nostri territori sarebbe davvero una notizia. Mai, da quando sono qui, si è verificato un avvistamento così preciso e documentato». Parola del direttore del Parco naturale della Valle del Ticino e del lago Maggiore, Benedetto Franchina. Peraltro, sono secoli che nelle pianure del(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top