Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
martedì, 20 febbraio 2018
 
 
Articolo di: mercoledì, 15 marzo 2017, 10:08 m.

Al processo sul “Caso Giordano” parla il teste principale

“Pressioni del sindaco sull’allora comandante dei vigili”

NOVARA, Udienza fiume martedì, in Tribunale a Novara, al processo sul “Caso Giordano”, la maxi inchiesta che ha come principale imputato l’ex sindaco di Novara ed ex assessore regionale alle Attività produttive, Massimo Giordano. Con lui a processo ci sono altre 17 persone tra imprenditori, dirigenti comunali e politici.

A essere ascoltato, testimoniando per cinque ore abbondanti, l’avvocato Ignazio Pagani. Fu da alcune sue segnalazioni e dai successivi esposti sui rumori al bar Coccia, per il quale per l’accusa ci sarebbe stato un occhio di riguardo da parte dell’allora Giunta, che prese il via l’intera inchiesta della Procura di Novara, che portò gli inquirenti a contestare una serie di episodi di corruzione e concussione. Cinque ore nelle quali Pagani, anche con le domande poste dal pm Nicola Serianni, ha ripercorso tutte le tappe della vicenda. «Gli schiamazzi hanno reso difficile la vita della mia famiglia per anni. Mia figlia – ha raccontato – che all’epoca studiava al liceo classico, il venerdì sera andava a dormire da una cugina, così da riposare il giusto per essere a scuola il sabato. Gli stessi problemi li ho avuti io, così come mia moglie e mio figlio più piccolo. Ho iniziato a segnalare schiamazzi e musica alta al bar Coccia nel 2008. Non era un normale chiacchiericcio, erano veri e propri schiamazzi. Un paio di anni dopo l’allora comandante della Polizia municipale Paolo Cortese mi aveva spiegato che aveva fatto tutto quello che gli era possibile per risolvere la situazione, ma non poteva continuare. Mi disse che aveva avuto pressioni dal primo cittadino». Durante la sua testimonianza diverse anche le domande dei difensori, volte a metterlo in difficoltà, con sottolineature sulle date, sulle motivazioni (di carattere politico) e su altri punti. L’avvocato Renzo Inghilleri ha anche chiesto l’annullamento della sua deposizione, perché avrebbe usato alcuni appunti, richiesta cui si sono accodati anche gli altri difensori e sulla quale il Tribunale si è riservato la decisione. I legali di Giordano hanno fatto presente a Pagani quella che per loro è un’anomalia. «Perché nel primo verbale in Procura non ha indicato le pressioni del sindaco al comandante dei vigili? Perché è uscita solo nel verbale successivo?». Prossima udienza il 19 aprile.

mo.c.

Per saperne di più leggi il Corriere di Novara in edicola giovedì 16 marzo

 

Articolo di: mercoledì, 15 marzo 2017, 10:08 m.

Dal Territorio

Controlli su migliaia di veicoli ad Arona

Controlli su migliaia di veicoli ad Arona
ARONA - Vigili urbani aronesi impegnati sulle strade e in città. E’ l’assessore alla Polizia locale Matteo Polo Friz a dare un breve excursus dell’attività di questi giorni messe in campo dagli agenti con lo scopo di dare una fotografia dei diversi compiti. «Sono diversi i controlli effettuati in questi mesi e soprattutto in questi giorni anche grazie(...)

continua »

Altre notizie

Volley la Igor conquista la Coppa Italia

Volley la Igor conquista la Coppa Italia
Grande Igor Volley a Bologna. Contro Conegliano conquista la Coppa Italia imponendosi per 3 a 1. Dopo la Supercoppa italiana arriva anche il secondo sigillo per le novaresi. Sul Corriere di Novara di lunedì 19 febbraio cronaca e commenti del trionfo azzurro.  Foto www.agilvolley.com 

continua »

Altre notizie

Vercelli e Novara Sposi: 1ª edizione

Vercelli e Novara Sposi: 1ª edizione
Per il primo anno viene organizzata al quartiere fieristico di Vercelli a Caresanablot la 1ª edizione di Vercelli e Novara Sposi, l’evento rivolto alle coppie in procinto di sposarsi. Una manifestazione che si inserisce all’interno di un circuito di ben 24 fiere sul matrimonio che da fine settembre fino a metà febbraio 2018 porta il format in giro per il Nord Italia(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top