Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
giovedì, 22 febbraio 2018
 
 
Articolo di: giovedì, 21 settembre 2017, 10:40 m.

Al Castello di Novara le Stanze d’arte di Vittorio Sgarbi

La mostra aperta al pubblico fino al 14 gennaio 2018

 

NOVARA - «Un’avventura che parla di passione e ricerca. Di amore per l’arte e la cultura. L’avventura di una vita». Quella che ha portato il critico d’arte Vittorio Sgarbi a collezionare quadri e sculture. «Da condividere con gli altri». Sono i preziosi oggetti che stanno girando il mondo. Prima in Messico, poi nelle Marche e a Trieste, ora a Novara. Da oggi, giovedì 21 settembre, porte aperte alla mostra “Dal Rinascimento al Neoclassico. Le stanze segrete di Vittorio Sgarbi” allestita nell’ala nord del rinato Castello. Prodotta dalla Fondazione Castello di Novara con il patrocinio di Regione Piemonte, Comune e Fondazione Cavallini Sgarbi, è curata da Pietro Natale. Oltre 120 opere tra dipinti, disegni e sculture per raccontare la geografia artistica del nostro Paese, dal Quattro all’Ottocento. Dopo oltre dieci anni di cantiere il Castello rinasce e accoglie nelle sue stanze (dieci le sale dell’allestimento) la collezione d’arte della Fondazione Cavallini Sgarbi: la mostra, dedicata a Rina Cavallini, madre di Sgarbi a cui lo univa la passione per l’arte, offre un’ampia panoramica che punta la luce sulle principali scuole italiane: da quella lombarda a quella marchiagina, passando per quelle veneta, ferrarese, emiliana e romagnola, toscana e romana. Grandi nomi e autori meno noti a declinare quella Bellezza che Sgarbi cerca nelle opere d’arte, a cui si è avvicinato dopo aver collezionato libri antichi. 
 Arrivato all’inaugurazione in abbondante ritardo («si è perso per colpa del navigatore» lo giustifica il sindaco Alessandro Canelli, mentre lui, il critico, si scusa dicendo che pensava fosse una conferenza stampa «con una decina di giornalisti» e non con «la casta» che si trova davanti), Sgarbi parte subito in quarta. Elogia Novara, che ha tappezzato ogni angolo di manifesti: «A Trieste, dove ho trovato solo gente addormentata, ce n’era uno. E al confronto la vostra città sembra Parigi». Racconta la sua passione per l’arte. «Sono andato a caccia di donne e di quadri. Con le prime ho sbagliato, con i secondi non mi posso permettere errori. Tutte le opere, quella della mia collezione, sono a prova di critico. Ciò che ho guadagnato l’ho speso in opere d’arte». 

Eleonora Groppetti

Leggi di più sul Corriere di Novara in edicola e visita la gallery QUI

 

Gallery articolo
*clicca sulle immagini per ingrandire

sgarbi 1.JPG

sgarbi2.JPG

Articolo di: giovedì, 21 settembre 2017, 10:40 m.

Dal Territorio

Volley la Igor conquista la Coppa Italia

Volley la Igor conquista la Coppa Italia
Grande Igor Volley a Bologna. Contro Conegliano conquista la Coppa Italia imponendosi per 3 a 1. Dopo la Supercoppa italiana arriva anche il secondo sigillo per le novaresi. Sul Corriere di Novara di lunedì 19 febbraio cronaca e commenti del trionfo azzurro.  Foto www.agilvolley.com 

continua »

Altre notizie

Rubate le offerte per la Caritas

Rubate le offerte per la Caritas
ROMENTINO - È successo ancora. Un anno fa ignoti avevano scassinato la cassetta per le offerte collocata accanto al presepe in chiesa parrocchiale. Questa volta è accaduto in occasione della mostra proposta dal Gruppo Filatelico Romentinese nel 160° anniversario dell’apparizione di Nostra Signora di Lourdes: fino al 28 febbraio la cappella del Santissimo Sacramento(...)

continua »

Altre notizie

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto
NOVARA - Ultimo appuntamento del cartellone Opera e Balletto per la stagione 2017/2018 del Teatro Coccia di Novara.  Venerdì 23 febbraio alle 20.30 e domenica 25 alle 16 andrà in scena "Nabucco" di Giuseppe Verdi, opera prodotta da Fondazione Teatro Coccia.   L’opera è diretta dal maestro Gianna Fratta (nella foto). Regia, scene, costumi e luci sono(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top