Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
martedì, 21 novembre 2017
 
 
Articolo di: domenica, 30 aprile 2017, 10:49 m.

Al Broletto grande mostra Sentieri di luce

L’arte “ritorna” alla comunità

NOVARA - Tanti soggetti che lavorano in rete per far splendere la Cultura, irradiandola sul territorio e restituendola alla comunità. Ecco “Sentieri di luce. In cammino con Morbelli e Nunes Vais”. L’Arengo del Broletto di Novara dal 6 maggio al 25 settembre accoglierà una grande mostra dedicata alla pittura dell’Ottocento. L’iniziativa è promossa da Fondazione Cariplo e Fondazione Comunità del Novarese Onlus (con la collaborazione del Comune di Novara) nell’ambito del programma “OPEN”, il tour che nell’arco di tre anni porterà il patrimonio artistico dell’ente milanese nelle province di Novara, Verbania e in tutta la Lombardia. Il percorso pittorico (curato dalla storica dell’arte Susanna Borlandelli con la collaborazione di Lucia Molino, responsabile della Collezione Cariplo) si articola in 49 opere che appartengono al patrimonio di Fondazione Cariplo, ai Musei Civici e alla Galleria Giannoni di Novara oltre a preziosi prestiti. Un viaggio alla scoperta della Novara ottocentesca e del suo territorio tra storia, luoghi e monumenti. Mostra ma non solo. Tante le iniziative culturali legate all’evento espositivo tra cui l’accurato restauro, voluto e sostenuto da FCN, di alcune opere di grande pregio che erano custodite nei depositi cittadini e che sono così restituite alla collettività. Ieri al Circolo dei Lettori la conferenza stampa di presentazione della mostra che sarà inaugurata il 6 maggio alle 16.30: «Un grazie sentito – così il sindaco di Novara Alessandro Canelli – per l’opportunità che le due Fondazioni offrono alla città. Noi abbiamo compartecipato volentieri, con un impegno finanziario di 18.000 euro, la disponibilità dell’Arengo e la collaborazione tecnica degli uffici. E grazie anche per le opere restaurate che tornano a essere esposte. La collaborazione con la Fondazione Comunità Novarese continuerà. Questo è solo l‘inizio di un grande progetto culturale che continuerà con una mostra di fotografie, la collezione di Sgarbi e un grande evento su Gaudenzio Ferrari. Tutto a costi contenuti». Arnoldo Mosca Mondadori, delegato Cultura per Fondazione Cariplo, ha ricordato il progetto Artgate nato nel 2007, segnato da «un forte investimento economico, un miliardo di euro, che diventa anche fattore di sviluppo economico, coinvolgendo i giovani nella valorizzazione del nostro patrimonio». Parole sincere ha rivolto a Cesare Ponti, presidente della Fondazione Comunità Novarese: «Un vero signore che, di fronte alla volgarità di oggi, è un modello autentico per il Paese». E Ponti si è detto «orgoglioso di collaborare con Fondazione Cariplo: dopo Cremona tocca a Novara ospitare il tour. Un omaggio alla bellezza ma soprattutto un’occasione per riflettere sull’impegno sociale nell’ambito di una comunità che ha sempre risposto con generosità alla cultura del dono». Lucia Molino ha posto l’accento sulla finalità del progetto, «restituire un patrimonio alla collettività», mentre la curatrice Susanna Borlandelli ha raccontato il percorso della mostra: «Tre sezioni e due parole chiave: luce e cuore. Fondamentali per una collaborazione efficace. E un viaggio che da Novara si apre al territorio attraversando tutte le correnti artistiche di quel periodo. Bello il coinvolgimento del Liceo Artistico “Casorati” grazie al dirigente Salvatore Palvetti che ha creduto nell’iniziativa». L’allestimento della mostra porta la firma degli architetti Daniele Moro e Ruggero Biondo: «Abbiamo creato un progetto che ha fatto proprie le suggestioni dei quadri. Assegnando alla luce una funzione particolare per far esaltare le opere». Intorno alla mostra tante iniziative: come il ciclo di incontri “Da Giotto a Picasso” organizzato dal Circolo dei Lettori (ne ha parlato la referente Paola Turchelli), le proposte di Scrinium all’Archivio di Stato (illustrate da Sergio Monferrini), l’offerta turistica e culturale del territorio (in prima fila Atl Novara con la presidente Maria Rosa Fagnoni), gli itinerari di Stop Over (presentati da Antonella Coser) e l’appuntamento con “Giardini & Paesaggi aperti” di Aiapp (attraverso Federica Cornalba).
Eleonora Groppetti

Articolo di: domenica, 30 aprile 2017, 10:49 m.

Dal Territorio

Il Novara cede al Bari

Il Novara cede al Bari
NOVARA - BARI 1-2   NOVARA:  Montipò, Golubovic, Mantovani, Del Fabro, Dickmann,Moscati, Orlandi, Sciaudone (11’ st Chajia), Calderoni, Macheda (20’ st Maniero), Da Cruz (26’ st Di Mariano).  All.:  Corini.   BARI:  Micai, Anderson, Gyömbér, Tonucci, Fiamozzi, Petriccione, Basha (25’ st(...)

continua »

Altre notizie

Protesta al Bellini di via Liguria: laboratori di meccanica al freddo da mesi

Protesta al Bellini di via Liguria: laboratori di meccanica al freddo da mesi
NOVARA, Protesta, questa mattina lunedì 20 novembre, da parte degli studenti dell’istituto Bellini di via Liguria, a Novara. Uno sciopero cui ha aderito la maggior parte dei ragazzi della scuola superiore. La protesta è ben rappresentata da quanto scritto in alcuni striscioni che i ragazzi hanno portato durante la manifestazione, che si è svolta per(...)

continua »

Altre notizie

Don Camillo e Peppone? Sono a Galliate

Don Camillo e Peppone? Sono a Galliate
GALLIATE - Galliate come Brescello. Sta per arrivare a Galliate una “full immersion” nelle atmosfere di Don Camillo e Peppone. E’ in allestimento proprio in questi giorni, a cura della Pro loco, una mostra itinerante, a carattere antologico, all'insegna del "Mondo piccolo" con i personaggi che hanno reso immortale l’autore Giovannino Guareschi. La mostra(...)

continua »

Altre notizie

Chiude la discarica di Barengo, urge trovare un altro impianto

Chiude la discarica di Barengo, urge trovare un altro impianto
La discarica di Barengo chiuderà nel 2018, è l’unico impianto sul territorio del Novarese per lo smaltimento dei rifiuti indifferenziati e urge trovare un altro impianto dove conferire circa 58.000 tonnellate all’anno. Tre le soluzioni possibili. Il bando di gara si chiude con un vincitore oppure il progetto di un sopralzo. In alternativa prende piede(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top