Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
martedì, 21 novembre 2017
 
 
Articolo di: mercoledì, 15 novembre 2017, 8:49 m.

Agricoltura, produzioni in forte calo ma di qualità

Il bilancio dell’annata che si chiude il giorno di San Martino

Come di consueto, Confagricoltura traccia il bilancio dell’annata agraria 2017, che si chiude il giorno di San Martino, l’11 novembre. Un’annata agraria che sarà ricordata per il particolare andamento meteorologico caratterizzato da una grande siccità estiva che ha posto in primo piano la questione dell’approvvigionamento idrico e la necessità di interventi strutturali per affrontare le emergenze legate al clima. Gli incendi di fine ottobre hanno inoltre messo a dura prova le montagne piemontesi (che rappresentano il 45% della superficie subalpina) e confermato che è sempre più urgente definire un’efficace politica di gestione del territorio che veda l’agricoltura parte integrante della stessa.

Per molte colture il raccolto 2017 è stato scarso in termini quantitativi, con costi di produzione elevati dovuti al ricorso all’irrigazione a causa della siccità. Il Piemonte vitivinicolo ha pertanto una produzione di vino inferiore di quasi il 30% rispetto all’anno scorso, complici anche le gelate di aprile; tuttavia, la vendemmia fortemente anticipata per la maturazione precoce dovuta al caldo non ha impedito elevati livelli qualitativi delle uve. 

Per il comparto frutta, le produzioni sono inferiori dal 20 al 40% per pesche, albicocche, ciliegie, susine e castagne. Si registra un crescente interesse per la frutta biologica, che spunta prezzi decisamente superiori a quella ottenuta con metodo convenzionale. Sul fronte della redditività il bilancio però non sempre è positivo.

Diminuisce anche la produzione di orticole e quella del comparto florovivaistico (per le gelate primaverili).

Sul fronte cereali si registra un ottimo raccolto per il riso per qualità e quantità, che tuttavia risente di un andamento particolarmente negativo dei prezzi. Il Carnaroli, ad esempio, è quotato 270 euro a tonnellata; due anni fa era a 700 euro/ton. 

Produzione in lieve calo per il mais, con prezzi stabili rispetto al 2016, ma in diminuzione rispetto a questa primavera. L’orzo è stabile, ma aumenta le superfici dedicate. Il frumento, tenero e duro, è di buona qualità ma con quantitativi in calo e prezzi ancora insoddisfacenti. Dopo un 2016 caratterizzato dal crollo dei prezzi di vendita della produzione di grano (duro in particolare), con ricavi non più sufficienti a compensare i costi, la situazione purtroppo si sta ripresentando allo stesso modo anche quest’anno, con molte aziende che rischiano di chiudere e altre che abbandoneranno la coltivazione di grano. 

Annata decisamente negativa per i produttori di miele, con quantitativi molto scarsi, in particolare per le varietà acacia e castagno.

Per il comparto latte, la domanda da alcuni mesi è tonica. L’aumento delle richieste di burro (a causa delle polemiche sull’impiego dell’olio di colza) ha rappresentato un’opportunità i prodotti italiani di qualità, anche se il beneficio non si è riversato sul prezzo. Attualmente il latte piemontese alla stalla vale circa 37 cent/litro.

l.c.

Articolo di: mercoledì, 15 novembre 2017, 8:49 m.

Dal Territorio

Nascondeva cocaina nel manubrio della bici: in manette

Nascondeva cocaina nel manubrio della bici: in manette
NOVARA, Un 46enne di nazionalità marocchina, residente in città a Novara, M.B. le sue iniziali, è stato tratto in arresto nel pomeriggio di domenica 19 novembre dalla Polizia di Stato per un normale controllo. Nel verificare l’uomo, hanno scoperto come il 46enne nascondesse nel manubrio della bicicletta alla quale era in sella 5 involucri contenenti ciascuno 1,6(...)

continua »

Altre notizie

Il Novara cede al Bari

Il Novara cede al Bari
NOVARA - BARI 1-2   NOVARA:  Montipò, Golubovic, Mantovani, Del Fabro, Dickmann,Moscati, Orlandi, Sciaudone (11’ st Chajia), Calderoni, Macheda (20’ st Maniero), Da Cruz (26’ st Di Mariano).  All.:  Corini.   BARI:  Micai, Anderson, Gyömbér, Tonucci, Fiamozzi, Petriccione, Basha (25’ st(...)

continua »

Altre notizie

Don Camillo e Peppone? Sono a Galliate

Don Camillo e Peppone? Sono a Galliate
GALLIATE - Galliate come Brescello. Sta per arrivare a Galliate una “full immersion” nelle atmosfere di Don Camillo e Peppone. E’ in allestimento proprio in questi giorni, a cura della Pro loco, una mostra itinerante, a carattere antologico, all'insegna del "Mondo piccolo" con i personaggi che hanno reso immortale l’autore Giovannino Guareschi. La mostra(...)

continua »

Altre notizie

Chiude la discarica di Barengo, urge trovare un altro impianto

Chiude la discarica di Barengo, urge trovare un altro impianto
La discarica di Barengo chiuderà nel 2018, è l’unico impianto sul territorio del Novarese per lo smaltimento dei rifiuti indifferenziati e urge trovare un altro impianto dove conferire circa 58.000 tonnellate all’anno. Tre le soluzioni possibili. Il bando di gara si chiude con un vincitore oppure il progetto di un sopralzo. In alternativa prende piede(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top