Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
sabato, 24 febbraio 2018
 
 
Articolo di: venerdì, 10 marzo 2017, 7:46 m.

«Pensa di tagliare alberi per 5 anni?»

Riqualificazione delle periferie, Ballarè all’attacco di Canelli

NOVARA - Riqualificazione degli spazi urbani, riconversione di edifici industriali, inserimento del verde e di spazi in grado di favorire la socializzazione. Sono gli obiettivi del bando periferie, che punta a eliminare situazioni di marginalità economica e sociale, degrado edilizio e carenza di servizi.
Sono stati molti gli Enti locali che hanno risposto alla chiamata del Governo presentando 121 idee progettuali, tanto che le risorse inizialmente stanziate (500 milioni di euro) sono state integrate (con 1,6 miliardi di euro) in modo da poter finanziare tutti i progetti.

Anche Novara ha partecipato al bando, proponendo come progetto “La rigenerazione sociale ed economica dei quartieri Porta Mortara e Sud Est, attraverso strategie proattive volte al recupero e al riuso delle aree e degli edifici pubblici di via Sforzesca, Via Goito e via Pasteur”. In sostanza, il progetto prevede la rigenerazione urbana di due aree all’interno dei quartieri Porta Mortara e Sud Est,  declinata in tre progetti/lotti, di cui uno interamente finanziato da un partner privato. Si tratta del recupero del primo piano dell’ex scuola elementare “Ferrante Aporti” per la realizzazione di un liceo linguistico internazionale parificato, in partneriato con la società Gren srl. Quindi la ristrutturazione del’ex serra di via Sforzesca, per la realizzazione di sei alloggi di edilizia popolare, e della struttura di via Goito, che porterà alla sistemazione di altri 14 alloggi. Infine il progetto prevede le sistemazioni urbane di via Sforzesca, via Goito e piazza Pasteur, oltre alla sistemazione della facciata della scuola Aporti. Il costo complessivo sarà di oltre 7 milioni di euro (95% capitale pubblico e 5% privato).

«Proprio un bel progetto, a tal punto che si è classificato al posto 109 su 120. Una vera figuraccia!» E’ il commento dell’ex sindaco di Novara, ora capogruppo Pd in consiglio comunale, Andrea Ballarè, che sbotta ancora: «I soldi arriveranno? Forse, ma chissà quando. Le periferie sono state il tema più cavalcato in campagna elettorale dal sindaco Canelli, ma il risultato è davvero deludente. Si cerca di sanare un vulnus come quello delle periferie con un progetto da 7 milioni, una cifra irrisoria per Novara. Se poi andiamo a vedere il punteggio ottenuto, siamo davvero in fondo». Cosa non piace a Ballarè: «Bari riqualificherà un intero quartiere, Napoli abbatterà le Vele di Scampia. E Novara? - si chiede - Propone un progetto di riqualificazione di un vecchio rudere come la serra comunale, che noi avevamo previsto di demolire, per ricavare sei appartamenti di case popolari. Tutto qui, la riqualificazione in sostanza è una manutenzione straordinaria. Il vero problema - continua - è che l’amministrazione attuale non ha uno straccio di idea su come gestire questa città».
Poi entra nel dettaglio: «Era una grossa occasione, peccato. Non vedo il piano strategico, eppure ci sono le caserme, il Quinto magazzino da riqualificare. Invece... Canelli pensa di tagliare alberi per cinque anni?»

La risposta del primo cittadino non si è fatta attendere: «Abbiamo lavorato tutto agosto per presentare il progetto, visto che non avevamo trovato quasi nulla della precedente amministrazione - sottolinea - e quel poco che abbiamo era fumoso e non rispettava lo spirito del bando». 
In cosa consisteva: «Ballarè avrebbe voluto usufruirne per creare uffici pubblici, noi, invece, abbiamo puntato sulle case popolari. come avevamo dichiarato in campagna elettorale».
Poi il sindaco schernisce il Pd: «Non  penso che un progetto sugli uffici pubblici avrebbe ottenuto un punteggio altissimo! Ma sono sicuro che le case popolari a Novara servono, eccome. 
Non solo, ma abbiamo la certezza che il nostro progetto sarà finanziato».
Sandro Devecchi

Articolo di: venerdì, 10 marzo 2017, 7:46 m.

Dal Territorio

Volley la Igor conquista la Coppa Italia

Volley la Igor conquista la Coppa Italia
Grande Igor Volley a Bologna. Contro Conegliano conquista la Coppa Italia imponendosi per 3 a 1. Dopo la Supercoppa italiana arriva anche il secondo sigillo per le novaresi. Sul Corriere di Novara di lunedì 19 febbraio cronaca e commenti del trionfo azzurro.  Foto www.agilvolley.com 

continua »

Altre notizie

Sigilli a un'autofficina abusiva a Novara

Sigilli a un'autofficina abusiva a Novara
NOVARA, Mercoledì 21 febbraio militari della Stazione Carabinieri Forestale di Oleggio e di Novara, coadiuvati da una pattuglia del Nucleo Radio Mobile di Novara, nel corso di ordinari controlli sul territorio in materia di gestione dei rifiuti prodotti dalle autofficine, hanno individuato, a Novara, un’officina per la riparazione dei veicoli che non risultava aver presentato la(...)

continua »

Altre notizie

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto
NOVARA - Ultimo appuntamento del cartellone Opera e Balletto per la stagione 2017/2018 del Teatro Coccia di Novara.  Venerdì 23 febbraio alle 20.30 e domenica 25 alle 16 andrà in scena "Nabucco" di Giuseppe Verdi, opera prodotta da Fondazione Teatro Coccia.   L’opera è diretta dal maestro Gianna Fratta (nella foto). Regia, scene, costumi e luci sono(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top