Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
sabato, 24 febbraio 2018
 
 
Articolo di: venerdì, 10 marzo 2017, 10:46 m.

«Non lasceremo mai solo Ahmad»

Continuano i tentativi per salvare il medico iraniano, appello in Senato

«La condizione di Ahmadreza Djalali non è solo drammatica, ma assurda: un uomo condannato per spionaggio quando la sua unica “colpa” accertata è quella di aver collaborato all’estero con ricercatori italiani, israeliani, svedesi, americani e del Medio Oriente, per migliorare le capacità operative degli ospedali di quei paesi che soffrono la povertà e sono flagellati da guerre e disastri naturali». Così la senatrice Elena Ferrara ha parlato al Senato della terribile condizione che sta vivendo il medico iraniano. «Lo sanno bene i medici ed i ricercatori del Crimedim dell’Università del Piemonte Orientale dove Hamad ha lavorato tra il 2012 e il 2015 come esperto di Medicina dei disastri e assistenza umanitaria». Lo ha ribadito proprio Luca Ragazzoni, medico e ricercatore novarese, collega e amico di Ahmad, in Sala Nassirya al Senato insieme alla senatrice a vita, Elena Cattaneo, e al presidente della commissione diritti umani, Luigi Manconi «che ha sottolineato - ricorda Elena Ferrara - come il Ministro degli Esteri, Angelino Alfano, e l'Alta rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, Federica Mogherini, siano interessati della situazione così come i Governi di Svezia, Belgio e Germania». Poi la senatrice si è soffermata sul rapporto con Novara. «Ahmad - ha detto - è cittadino iraniano, certo, che i novaresi sentono, però, parte della loro comunità. La mobilitazione è stata grande e toccante: i colleghi dell’università, gli studenti universitari, gli amici, il mondo della scuola che i figli di Ahmad, 5 e 13 anni, hanno frequentato, le istituzioni, dalle amministrazioni locali alla Regione Piemonte. Una comunità si è stretta intorno alla famiglia che oggi vive in Svezia, ma non ha mai interrotto il rapporto con Novara e i novaresi: da lì sono partite le prime petizioni su iniziativa dei colleghi di Ahmad, cui è seguita la presa di posizione di Amnesty e ogni iniziativa negli ultimi mesi».Il medico sembra che abbia intrapreso anche lo sciopero della sete per protestare contro la sua detenzione.  «Non lo lasceremo solo. Tutelare i diritti di Ahmad - ha concluso Elena Ferrara - significa ribadire i diritti di ciascuno di noi, riaffermare lo spirito di una comunità». Ieri mattina la senatrice è stata ospite di Uno Mattina proprio per diffondere il più possibile la mobilitazione per Ahmad.Sandro Devecchi

Articolo di: venerdì, 10 marzo 2017, 10:46 m.

Dal Territorio

Sigilli a un'autofficina abusiva a Novara

Sigilli a un'autofficina abusiva a Novara
NOVARA, Mercoledì 21 febbraio militari della Stazione Carabinieri Forestale di Oleggio e di Novara, coadiuvati da una pattuglia del Nucleo Radio Mobile di Novara, nel corso di ordinari controlli sul territorio in materia di gestione dei rifiuti prodotti dalle autofficine, hanno individuato, a Novara, un’officina per la riparazione dei veicoli che non risultava aver presentato la(...)

continua »

Altre notizie

Volley la Igor conquista la Coppa Italia

Volley la Igor conquista la Coppa Italia
Grande Igor Volley a Bologna. Contro Conegliano conquista la Coppa Italia imponendosi per 3 a 1. Dopo la Supercoppa italiana arriva anche il secondo sigillo per le novaresi. Sul Corriere di Novara di lunedì 19 febbraio cronaca e commenti del trionfo azzurro.  Foto www.agilvolley.com 

continua »

Altre notizie

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto
NOVARA - Ultimo appuntamento del cartellone Opera e Balletto per la stagione 2017/2018 del Teatro Coccia di Novara.  Venerdì 23 febbraio alle 20.30 e domenica 25 alle 16 andrà in scena "Nabucco" di Giuseppe Verdi, opera prodotta da Fondazione Teatro Coccia.   L’opera è diretta dal maestro Gianna Fratta (nella foto). Regia, scene, costumi e luci sono(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top