Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
giovedì, 23 novembre 2017
 
 
Articolo di: sabato, 05 novembre 2016, 12:19 p.

«Nessuno di noi lucra sulla Resistenza»

L’istituto storico querela un consigliere comunale trecatese per le sue dichiarazioni in consiglio

NOVARA - E’ finito a suon di querele il “caso” dell’uscita di Trecate dall’Istituto storico per la Resistenza e la storia contemporanea “Piero Fornara”. Dopo tre mesi dalla decisione dell’Amministrazione, è il presidente dell’Istituto, Paolo Cattaneo, ad annunciarlo. La scelta, «assunta all’unanimità da tutto il consiglio», non è - beninteso - riferita al fatto che il Comune abbia preferito abbandonare il Consorzio (formato da un’ottantina di soci, tra cui le due Province di Novara e del Vco e il Comune di Novara). «Siamo molto dispiaciuti che il Comune di Trecate abbia assunto una simile decisione, anche perché stiamo parlando di uno dei Comuni più importanti della provincia - ha detto Cattaneo nel corso della conferenza stampa convocata per l’occasione - Ma si tratta di una scelta del tutto legittima, di cui non possiamo che prendere atto con grande amarezza. Ho anche cercato dei contatti con il sindaco, per capire se ci fosse spazio per un eventuale ripensamento, ma non sono riuscito ad incontrarlo...».

Quello che all’Istituto proprio non è andato giù sono state le parole pronunciate in Consiglio comunale dal capogruppo del gruppo “Binatti Sindaco”, Enrico Oriolo. Ed è infatti nei suoi confronti che è scattata la querela. «Sono state fatte dichiarazioni secondo le quali i consiglieri del nostro Istituto avrebbero percepito nell’ultimo anno circa 100.000 euro per i progetti realizzati. Forse - dice Cattaneo - prima di parlare sarebbe opportuno documentarsi meglio, e lo dico senza polemica. Nessuno di noi, nè il presidente, nè i consiglieri, percepisce alcun emolumento: neppure un gettone di presenza. Lo stesso vale per chi si occupa della biblioteca, dell’archivio e per i revisori dei conti, che si prestano a titolo del tutto gratuito. Il nostro è un consorzio pubblico che vive delle quote dei soci (ogni Comune, ad esempio, versa una cifra proporzionale al numero di abitanti, da un minimo di 300 euro ad un massimo di 1.500) e dei contributi delle Fondazioni e della Crt, ma sempre mirati al sostegno di progetti specifici».

Laura Cavalli

Leggi di più sul Corriere di Novara di sabato 5 novembre 2016

 

Gallery articolo
*clicca sulle immagini per ingrandire

ist storico resistenza (1).JPG

Articolo di: sabato, 05 novembre 2016, 12:19 p.

Dal Territorio

Il Novara cede al Bari

Il Novara cede al Bari
NOVARA - BARI 1-2   NOVARA:  Montipò, Golubovic, Mantovani, Del Fabro, Dickmann,Moscati, Orlandi, Sciaudone (11’ st Chajia), Calderoni, Macheda (20’ st Maniero), Da Cruz (26’ st Di Mariano).  All.:  Corini.   BARI:  Micai, Anderson, Gyömbér, Tonucci, Fiamozzi, Petriccione, Basha (25’ st(...)

continua »

Altre notizie

Crac Phonemedia, gli ex dipendenti in aula

Crac Phonemedia, gli ex dipendenti in aula
NOVARA, Nuova udienza, martedì mattina in Tribunale a Novara, per il crac “Phonemedia”, vicenda che ha interessato molto da vicino anche il capoluogo gaudenziano. In aula, a questa nuova udienza del processo, che riguarda una delle vicende più discusse degli ultimi anni in città, anche cinque ex lavoratori, una parte dei venti che si sono costituiti parte(...)

continua »

Altre notizie

Sgarbi al teatro Coccia con il suo "Michelangelo"

Sgarbi al teatro Coccia con il suo "Michelangelo"
NOVARA - Vittorio Sgarbi torna a Novara venerdì 24 novembre per lo spettacolo al Teatro Coccia "Michelangelo" (inizio alle 21, evento fuori stagione). Il critico d'arte, la cui collezione è in mostra al castello di Novara fino al 14 gennaio, racconterà la vita del Buonarroti accompagnato dalla musica di Valentino Corvino (compositore, in scena interprete) e assieme alle(...)

continua »

Altre notizie

Chiude la discarica di Barengo, urge trovare un altro impianto

Chiude la discarica di Barengo, urge trovare un altro impianto
La discarica di Barengo chiuderà nel 2018, è l’unico impianto sul territorio del Novarese per lo smaltimento dei rifiuti indifferenziati e urge trovare un altro impianto dove conferire circa 58.000 tonnellate all’anno. Tre le soluzioni possibili. Il bando di gara si chiude con un vincitore oppure il progetto di un sopralzo. In alternativa prende piede(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top