Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
sabato, 25 marzo 2017
 
 
Articolo di: lunedì, 20 marzo 2017, 11:55 m.

«La risicoltura finirà per morire se non si fa qualcosa subito»

Tra le proposte l'etichettatura per indicare il riso prodotto in Italia

NOVARA - «Stiamo vivendo una crisi come non la si ricordava da tempo. Oggi abbiamo tutti i comparti sotto il livello produttivo, e questo a causa delle importazioni a dazio zero». La risicoltura italiana piange e per gli agricoltori - novaresi e non solo - il problema sta diventando davvero quello della sopravvivenza. Se infatti in Piemonte sono oltre 116 mila gli ettari coltivati a riso, con 1.100 aziende ed una produzione di 8 milioni di quintali, in provincia di Novara la superficie a risaia supera i 33.600 ettari. Ma dal 2009, dopo la liberalizzazione da parte dell’Ue delle importazioni di riso dai Paesi meno sviluppati, in particolare quelli del Sud Est asiatico, la situazione si fa di anno in anno più drammatica e gli appelli a salvare un settore che dà lavoro a migliaia di persone, oltre che creare una specifica connotazione paesaggistica e territoriale, si moltiplicano.
«Noi giovani ci troviamo il futuro negato», dice Giovanni Chiò della Cascina Motta di San Pietro Mosezzo. «I nostri territori sono vocati alla produzione di riso, che è pari a più del 50% dell’intera produzione europea. Dobbiamo poter mantenere questa specificità, anche perché non va dimenticato che gli agricoltori svolgono un insostituibile ruolo di salvaguardia e cura del territorio e dell’ambiente. E sarebbe ora che qualcuno ce lo riconoscesse». Abbiamo incontrato Chiò in redazione, proprio per parlare di riso e risicoltura, insieme a Claudio Melano, della Cascina Pregalbè Sopra di Gionzana. Con loro l’onorevole Giovanni Falcone, componente della Commissione Agricoltura della Camera. 
«Se non facciamo qualcosa subito - ricorda Melano - la risicoltura muore. E muore ora, non fra qualche anno... Bisogna intervenire con tutte le armi che abbiamo a disposizione. Non esiste un’unica via d’uscita: l’unica soluzione possibile comprende diverse strade e sono da percorrere tutte». «Non possiamo fermare il vento con le mani - concorda l’onorevole Falcone - Ma dobbiamo andare a studiare e valutare tutte le soluzioni per far sì che il nostro territorio e la nostra cultura possano continuare ad esistere».
Laura Cavalli

Leggi tutto il servizio sul Corriere di Novara di lunedì 20 marzo 2017 

Articolo di: lunedì, 20 marzo 2017, 11:55 m.

Dal Territorio

Rosalba Fecchio al vertice del Coni Novara

Rosalba Fecchio al vertice del Coni Novara
Il delegato Coni della provincia di Novara cambia ancora. A distanza di un solo anno, in corrispondenza con i rinnovi sportivi legati al nuovo quadriennio olimpico, Giovanni Mainardi deve cedere lo scettro, per scelta del presidente regionale del Coni Gianfranco Porqueddu, alla professoressa Rosalba Fecchio, 57enne insegnante di educazione fisica al Pascal di Romentino. Mainardi, che era(...)

continua »

Altre notizie

Ubriaco, aggredisce con un coltello il vicino di casa: arrestato

Ubriaco, aggredisce con un coltello il vicino di casa: arrestato
BORGO TICINO, La sera dello scorso 19 marzo, i Carabinieri della Stazione di Borgo Ticino, nel Novarese, hanno tratto in arresto R.M. classe 1973 di Domodossola, già conosciuto dalle Forze dell’Ordine, responsabile dei reati di resistenza a pubblico ufficiale e di lesioni aggravate.L’uomo, infatti, ubriaco e armato di un coltello da cucina, si era recato poco prima(...)

continua »

Altre notizie

Gli appuntamenti a Novara e dintorni in questi giorni di festa

Gli appuntamenti a Novara e dintorni in questi giorni di festa
MOSTRE NOVARA Miserere mei Sino al 29 gennaio è visibile nel quadriportico del Duomo la mostra “Miserere mei. Immagini e visioni in terra gaudenziana”, iniziativa ideata e promossa dell’Ufficio dei Beni culturali della Diocesi di Novara con l’Atl, “Instagramersnovara”, in collaborazione con il Capitolo della Cattedrale novarese, Arcidiocesi(...)

continua »

Altre notizie

L’Università del Piemonte Orientale "Open" per un giorno

L’Università del Piemonte Orientale "Open" per un giorno
Sabato 1° aprile tutte le sedi dell’Università del Piemonte orientale saranno aperte, dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 15 alle ore 18, per l’evento di orientamento "Open". Gli studenti delle scuole superiori e le loro famiglie potranno incontrare studenti dell’Ateneo, professori e personale tecnico-amministrativo e partecipare a presentazioni e visite guidate(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top