Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
giovedì, 20 luglio 2017
 
 
Articolo di: venerdì, 03 marzo 2017, 10:46 m.

«Il Novara più bello della stagione»

Boscaglia sorride: «Partita da stravincere, restiamo calmi»

La sfida tra presente e passato l’ha vinta Boscaglia. Il suo Novara ha imbrigliato il Benevento, una delle big di questo campionato, rendendolo praticamente inoffensivo.Una grande soddisfazione per il tecnico siciliano, che stavolta fatica a trattenere la sua soddisfazione: «Quando giochi una partita del genere, contro una squadra forte, e meriti di stravincerla, come sempre all’ultimo può succedere di tutto. Per questo ho richiamato l’attenzione della squadra. Loro non hanno mai tirato in porta, potevamo raddoppiare. Abbiamo giocato una grandissima gara, forse la migliore da quando sono qui».Insomma, gli azzurri hanno fatto quello che dovevano fare. Eppure l’assenza improvvisa di Galabinov aveva un po’ disorientato, nel primo tempo, Da Costa e compagni: «Avevamo preparato la gara in una maniera e se ti viene a mancare un giocatore come Andrej ti scombina un po’ i piani - concorda Boscaglia - Ho deciso di tenere i due attaccanti, gettando nella mischia un ragazzo del ‘98, che però ha una personalità straordinaria e potrà diventare un grande calciatore. Abbiamo reagito bene».E nella ripresa è emersa la voglia di vincere: «Per come siamo strutturati veniamo fuori un po’ alla distanza - replica - Fisicamente stiamo bene e sono contento per come l’abbiamo gestita, mettendo il bavaglio ad un attacco straordinario e non permettendo mai l’uno contro uno».Ora cambiano le prospettive? Boscaglia ha un solo obiettivo in testa: «Penso che dobbiamo fare 7-8 punti per mettere in cassaforte la salvezza, poi se ci sarà tempo semmai penseremo ad altro. Dobbiamo stare sempre molto attenti, serve calma. Io sono un ottimista per natura, ma sappiamo quello che ci aspetta. Andiamo avanti con cautela».Marco Baroni si consola con gli applausi sinceri che lo stadio gli ha tributato: «Una cosa è certa, a Novara ho dato tutto me stesso e lo scorso anno penso di aver fatto un buon lavoro. E’ giunto il momento però di guardare avanti, sia io sia il Novara».Ma l’allenatore fiorentino non concorda sul fatto che ci si sarebbe potuto aspettare di più dal suo Benevento: «Abbiamo disputato un primo tempo importante, sempre con il dominio del gioco - commenta Baroni - Fino al gol di Troest non avevamo mai rischiato. Ci è venuto a mancare qualcosa in attacco, senza Ciciretti e con l’uscita di Ceravolo. Il nostro possesso palla non è stato accompagnato dalla pericolosità in avanti. Il Novara, che è una squadra fisica con giocatori importanti, stava molto basso e chiuso. Come con il Bari questa non è una sconfitta meritata. Dobbiamo rialzare subito la testa».E la squadra è partita ieri pomeriggio in pullman alla volta di Ascoli dove domani alle 15 gli azzurri scenderanno in campo al “Del Duca” contro un’altra squadra infarcita di ex: saranno ben cinque le vecchie conoscenze, il ds Cristiano Giaretta, l’allenatore Alfredo Aglietti, e i calcaitori Luigi Giorgi, Guillaume Gigliotti e Flavio Lazzari. Paolo De LucaLeggi di più sul Corriere di Novara di giovedì 2 marzo 2017 

Articolo di: venerdì, 03 marzo 2017, 10:46 m.

Dal Territorio

Novara Calcio, un raduno “particolare”

Novara Calcio, un raduno “particolare”
GRANOZZO - C’era una volta il raduno… Una sorta di primo giorno di scuola in cui giocatori e tecnici, vecchi e nuovi, riapparivano d’incanto tutti abbronzati per la curiosità dei tifosi, attratti soprattutto dal cercare di associare cognomi a facce non ancora conosciute. Domenica è andato in scena un raduno molto singolare del Novara Calcio 2017-18.(...)

continua »

Altre notizie

Cinque anni e mezzo per violenza sessuale e maltrattamenti

Cinque anni e mezzo per violenza sessuale e maltrattamenti
NOVARA, Cinque anni e mezzo di carcere per violenza sessuale e maltrattamenti e assoluzione, invece, dall’accusa di stalking. Si è concluso così, in Tribunale a Novara, l’ennesima storia di maltrattamenti in famiglia. Alla sbarra un panettiere novarese di 40 anni. Stando alla denuncia dell’ex compagna, risalente al 2009, quando era andata a stare in una(...)

continua »

Altre notizie

Midsummer, grande jazz sul lago

Midsummer, grande jazz sul lago
Primo appuntamento oggi, martedì 18 luglio, nel parco di Villa La Palazzola, con Midsummer Jazz Concerts, dal 18 al 21 a Stresa, sabato 22 e domenica 23 luglio al Teatro “Il Maggiore" di Verbania. Ad aprire la rassegna jazz, giunta alla sesta edizione e inserita nel cartellone di Stresa Festival, sono il pianista spagnolo Chano Dominguez, Horacio Fumero al contrabbasso e David(...)

continua »

Altre notizie

Dopo secoli, il lupo ritorna in pianura

Dopo secoli, il lupo ritorna in pianura
CAMERI - Per ora non sembra aver varcato il Ticino. Ma «la presenza di un lupo nei nostri territori sarebbe davvero una notizia. Mai, da quando sono qui, si è verificato un avvistamento così preciso e documentato». Parola del direttore del Parco naturale della Valle del Ticino e del lago Maggiore, Benedetto Franchina. Peraltro, sono secoli che nelle pianure del(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top