Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 25 febbraio 2018
 
 
Articolo di: giovedì, 20 luglio 2017, 11:13 m.

«I “portoghesi” ci costano 500mila euro»

La preoccupazione del presidente della Sun, Liuni

NOVARA - «Non possiamo negare che la situazione rimane preoccupante». Marzio Liuni, presidente della “Sun”, l’azienda interamente partecipata dal Comune di Novara che gestisce il trasporto pubblico locale, preferisce non sbilanciarsi di fronte alla notizia dell’approvazione di un emendamento presentato dalla Giunta di Palazzo Lascaris al disegno di legge regionale che, fra le diverse novità, dovrebbe conferire ai “verificatori del titolo di viaggio” (questa la funzione formale dei “controllori) la qualifica di agenti di polizia amministrativa. Questo, nelle intenzioni del legislatore, per consentire “una maggiore tutela, di carattere penalistico, nei confronti dell’utenza”.
Le perplessità di Liuni, dati alla mano, sono dovute al fatto che, a quasi tre anni ormai dalla novità introdotta dell’obbligatorietà di esibire all’autista il biglietto al momento dell’accesso al mezzo, «quella dei viaggiatori abusivi rimane una piaga tutt’altro facile da estirpare». I “conti”, come si diceva, sono presto fatti: «Bastano in media due “portoghesi” per ogni corsa per provocare un ammanco per l’azienda di qualcosa come cinquecentomila euro all’anno». Ma chi viene “pizzicato” senza biglietto non dovrebbe essere sanzionato sul posto? «E’ vero. Però nella maggior parte dei casi ci si trova di fronte a persone senza documenti e che risultano impossibilitate a pagare; e non stiamo parlando solo di stranieri, anche se sono in stragrande maggioranza. Da questo punto di vista la procedura per la sanzione amministrativa è automatica, con tanto di successiva iscrizione a ruolo. Purtroppo, però, anche in questo caso il recupero delle somme risulta difficile e più del 60% dei soldi sono da considerarsi persi…».
Per Liuni l’incremento delle azioni di controllo sono quasi impossibili, sia dal punto di vista pratico («Come pensare di agire in occasione delle corse in orari di punta, quando alcune corse risultano particolarmente affollater?») che dal punto di vista economico: «Tornare alle origini, con la presenza a bordo di un “bigliettaio”, implicherebbe dei costi che l’azienda non sarebbe in grado assolutamente di sostenere».
Luca Mattioli

Articolo di: giovedì, 20 luglio 2017, 11:13 m.

Dal Territorio

Il Novara cade Avellino

Il Novara cade Avellino
AVELLINO - NOVARA 2 - 1       AVELLINO:  Lezzerini, Ngawa, Morero, Kresic, Rizzato (16’ stLaverone), Molina, (12’ st Cabezas), D’Angelo, Di Tacchio, Bidaoui, Gavazzi (34’ st Falasco), Asencio.  All.:  Novellino   NOVARA:  Montipò, Troest, Mantovani, Chiosa, Dickmann(...)

continua »

Altre notizie

Tetto in fiamme a Maggiora

Tetto in fiamme a Maggiora
MAGGIORA, Incendio al tetto di un'abitazione alle 19,15 di sabato 24 febbraio a Maggiora, nel Novarese. Sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco con una squadra de l distaccamento di Borgomanero e una dei volontari di Romagnano Sesia. Le fiamme hanno interessato un appartamento di due piani con mansarda. Le squadre sono riuscite a evitare che il fuoco raggiungesse i tetti vicini.(...)

continua »

Altre notizie

"Oneshot": moto d’epoca restaurate

"Oneshot": moto d’epoca restaurate
NOVARA -  Si svolge a Casa Bossi, via Pier Lombardo 4, oggi sabato 24 e domenica 25 febbraio, dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19, la mostra "Oneshot". E' un'esposizione di moto d'epoca restaurate: Bmw R69s del 1965; Bmw r75/5 del 1973; Hercules 100gs America del 1968; Hercules gs 125 del 1972; BSA b25ss del 1972; Laverda 750SF del 1970; Yamaha xs 2 del 1973;Bultaco alpina 250 del(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top