Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
martedì, 24 ottobre 2017
 
 
Articolo di: giovedì, 20 luglio 2017, 11:13 m.

«I “portoghesi” ci costano 500mila euro»

La preoccupazione del presidente della Sun, Liuni

NOVARA - «Non possiamo negare che la situazione rimane preoccupante». Marzio Liuni, presidente della “Sun”, l’azienda interamente partecipata dal Comune di Novara che gestisce il trasporto pubblico locale, preferisce non sbilanciarsi di fronte alla notizia dell’approvazione di un emendamento presentato dalla Giunta di Palazzo Lascaris al disegno di legge regionale che, fra le diverse novità, dovrebbe conferire ai “verificatori del titolo di viaggio” (questa la funzione formale dei “controllori) la qualifica di agenti di polizia amministrativa. Questo, nelle intenzioni del legislatore, per consentire “una maggiore tutela, di carattere penalistico, nei confronti dell’utenza”.
Le perplessità di Liuni, dati alla mano, sono dovute al fatto che, a quasi tre anni ormai dalla novità introdotta dell’obbligatorietà di esibire all’autista il biglietto al momento dell’accesso al mezzo, «quella dei viaggiatori abusivi rimane una piaga tutt’altro facile da estirpare». I “conti”, come si diceva, sono presto fatti: «Bastano in media due “portoghesi” per ogni corsa per provocare un ammanco per l’azienda di qualcosa come cinquecentomila euro all’anno». Ma chi viene “pizzicato” senza biglietto non dovrebbe essere sanzionato sul posto? «E’ vero. Però nella maggior parte dei casi ci si trova di fronte a persone senza documenti e che risultano impossibilitate a pagare; e non stiamo parlando solo di stranieri, anche se sono in stragrande maggioranza. Da questo punto di vista la procedura per la sanzione amministrativa è automatica, con tanto di successiva iscrizione a ruolo. Purtroppo, però, anche in questo caso il recupero delle somme risulta difficile e più del 60% dei soldi sono da considerarsi persi…».
Per Liuni l’incremento delle azioni di controllo sono quasi impossibili, sia dal punto di vista pratico («Come pensare di agire in occasione delle corse in orari di punta, quando alcune corse risultano particolarmente affollater?») che dal punto di vista economico: «Tornare alle origini, con la presenza a bordo di un “bigliettaio”, implicherebbe dei costi che l’azienda non sarebbe in grado assolutamente di sostenere».
Luca Mattioli

Articolo di: giovedì, 20 luglio 2017, 11:13 m.

Dal Territorio

Calcio, è riesplosa la “Novara mania”

Calcio, è riesplosa la “Novara mania”
NOVARA - Riesplode la “Novara mania”. La terza vittoria consecutiva, che ha portato gli azzurri a violare per la prima volta nella loro storia l’ancora imbattuto “Barbera” di Palermo, ha ridato ulteriore entusiasmo all’intero ambiente. A maggior ragione perché arrivata in condizioni ancora difficili, soprattutto nel reparto avanzato. Ma almeno fino a(...)

continua »

Altre notizie

Infastidiva i passanti con un pezzo di vetro: fermato dalla Polizia

Infastidiva i passanti con un pezzo di vetro: fermato dalla Polizia
NOVARA, Momenti concitati in via Perazzi, all’altezza del Soms, oggi pomeriggio lunedì 23 ottobre, a Novara. Tutto è successo poco prima delle 17. Stando a quanto raccolto sinora un soggetto stava infastidendo in maniera pesante la gente che transitava nella zona. Dalle prime informazioni risulta che avesse in mano un pezzo di vetro, probabilmente il coccio di(...)

continua »

Altre notizie

Dagli studenti il “Canto alla città”

Dagli studenti il “Canto alla città”
NOVARA - Il Faraggiana si apre ancora alla città e la rende protagonista. Questa sera, giovedì 19 ottobre alle 21, e replica domani alla stessa ora, sale il sipario sulla nuova sagione del teatro novarese, la seconda dopo la rinascita: in cartellone “Canto alla città 2.0 – Il verbo degli uccelli”. Sul palco Lucilla Giagnoni, attrice e autrice del(...)

continua »

Altre notizie

Corsi aperti a Borgomanero, la proposta: "Prima ora di sosta gratuita"

Corsi aperti a Borgomanero, la proposta: "Prima ora di sosta gratuita"
Borgomanero  - “Sembrava di essere in un giorno normale, quando lungo i quattro corsi e in piazza Martiri le auto circolano liberamente”: questo uno dei commenti a caldo raccolti tra i commercianti del centro cittadino venerdì pomeriggio, riaperto al traffico automobilistico nell’ambito di un progetto sperimentale che prevede per la durata di sei mesi, sino al 2(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top