Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
giovedì, 23 febbraio 2017
 
 
Articolo di: lunedì, 05 settembre 2016, 8:27 p.

«E’ stato un progetto innovativo»

La sperimentazione della Onlus Territorio e Cultura ha riscontrato l'interesse anche del mondo accademico

La sperimentazione di democrazia deliberativa che si è svolta a Novara tra il 2012 e il 2016 ha riscontrato molto interesse anche dal mondo accademico. Prova ne è l’articolo comparso qualche mese fa sulla prestigiosa rivista "Quaderni di Sociologia", in cui il professor Pellizzoni dell'Università di Trieste ha presentato il libro "Discutere e agire" sulla fase pilota della sperimentazione commentando i suoi esiti novaresi. Il progetto SpeDD è infatti una delle prime e più articolate prove italiane di questa pratica che mira alla partecipazione dal basso dei cittadini alla vita della comunità.

“E’ stato di certo un progetto estremamente innovativo – premette la professoressa Eliana Baici, direttore del Dipartimento di Economia dell’Università del Piemonte Orientale - Il dato positivo è che, nonostante fosse inedito, la città ha risposto molto bene a dimostrazione che i cittadini hanno voglia di attivarsi per il bene comune. In un certo senso è stato sfatato il mito della crisi che rinchiude i cittadini su se stessi”. L’Università del Piemonte Orientale è stato uno dei partner attivi del progetto, curando in particolare la formazione dei ragazzi che hanno partecipato in qualità di facilitatori alla sperimentazione. “La risposta dei giovani in particolare è stata straordinaria – sottolinea ancora Baici – Grazie anche al loro contributo sono emerse proposte molto interessanti per i vari quartieri di Novara e credo che nel tempo il mantenimento di questa pratica di dialogo possa avere ricadute positive sulla coesione cittadina”.

Davide Servetti e Giacomo Balduzzi, i ricercatori universitari che hanno seguito la sperimentazione la descrivono come  “un’esperienza di promozione della partecipazione democratica attraverso la deliberazione pubblica, al di fuori delle forme principali della rappresentanza politica, quali possono ritenersi l’esercizio dell’elettorato attivo e passivo e la militanza nei partiti”. Quali gli aspetti chiavi del progetto SpeDD? “In primo luogo il processo deliberativo è stato costruito attorno a temi avvertiti come prioritari dagli abitanti stessi. In secondo luogo, la dimensione socio-territoriale del quartiere si è mostrata adeguata a promuovere processi di deliberazione pubblica su temi e problemi che emergono dal vissuto quotidiano dei cittadini. In terzo luogo non c’è stato un impatto solo sul tessuto civico, ma sono state introdotte forme di connessione tendenzialmente stabili tra istanze della cittadinanza e decisioni politiche, nonché esperienze di concreta collaborazione tra cittadini e istituzioni per la soluzione di problemi e la produzione di beni pubblici”. Un bilancio completo dell’esperienza verrà tracciato il 16 e il 17 settembre prossimi, al Piccolo Coccia di Novara, nel convegno in cui saranno presentati i risultati dei tre microprogetti dal titolo “Città in azione. Esercitare la democrazia, promuovere il bene comune”.  Consultate qui il programma: https://goo.gl/ykzoG2

Profonda riconoscenza da parte della Onlus Territorio e Cultura, che ha coordinato la sperimentazione, per chi ha pensato e sostenuto il progetto. “La democrazia deliberativa dà un valore in più al dialogo – sottolinea il presidente Alberto Cantoni – Responsabilizza le persone rendendoli partecipe della vita comune. La nostra onlus, che da quasi 5 anni lavora a Novara, ha imparato moltissimo da questo progetto e ne riproporrà lo spirito in tutte le nostre prossime sfide”.   

l.pa.


Articolo di: lunedì, 05 settembre 2016, 8:27 p.

Dal Territorio

Il Novara Calcio ha trovato l’equilibrio

Il Novara Calcio ha trovato l’equilibrio
NOVARA - E adesso non parlate di play off. Anche se la classifica del Novara, ad oggi, direbbe il contrario, con tre punti di distanza da quel fatidico ottavo posto, attualmente occupato dall’Entella, e ben sei lunghezze di vantaggio sulla zona rischio. C’è ancora tanta strada da pedalare, come si dice in gergo ciclistico, e per gli uomini di Boscaglia(...)

continua »

Altre notizie

Donna trovata ferita al sottopasso: si tratterebbe di una caduta accidentale

Donna trovata ferita al sottopasso: si tratterebbe di una caduta accidentale
NOVARA, Una caduta accidentale. Dovuta forse a un improvviso malore o anche all’aver inciampato in uno dei gradini. E’ questa l’ipotesi maggiormente accreditata per l’episodio che ha visto vittima, mercoledì pomeriggio intorno alle 16,30, una donna di 83 anni, trovata a terra gravemente ferita nel sottopasso che collega via Pietro Micca a via per Biandrate.(...)

continua »

Altre notizie

Gli appuntamenti a Novara e dintorni in questi giorni di festa

Gli appuntamenti a Novara e dintorni in questi giorni di festa
MOSTRE NOVARA Miserere mei Sino al 29 gennaio è visibile nel quadriportico del Duomo la mostra “Miserere mei. Immagini e visioni in terra gaudenziana”, iniziativa ideata e promossa dell’Ufficio dei Beni culturali della Diocesi di Novara con l’Atl, “Instagramersnovara”, in collaborazione con il Capitolo della Cattedrale novarese, Arcidiocesi(...)

continua »

Altre notizie

Anche Shell cerca petrolio nel Novarese

Anche Shell cerca petrolio nel Novarese
Oltre 400 chilometri quadrati di terreno tra Piemonte e Lombardia, nelle province di Novara, Vercelli, Varese e Biella. Da Castelletto Ticino a Borgomanero, sino a Gattinara e Sizzano: è su questa larga porzione di Nord Italia - denominata nel suo complesso “Cascina Alberto” - che il colosso petrolifero Shell eserciterà nel prossimo futuro il permesso di ricerca di(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top