Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
giovedì, 08 dicembre 2016

Latitante per una vicenda di droga arrestato dai Carabinieri di Novara

| Cronaca NOVARA, Operazione dei Carabinieri della Compagnia di Novara che, nel corso delle attività di controllo del territorio, nella serata di ieri martedì 6 dicembre, hanno fermato Aderrahim Ben Mbarek, 27enne marocchino residente in provincia di Varese, colpito da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip di Bergamo. Questa ordinanza, eseguita ad aprile dai Carabinieri che avevano condotto le indagini, aveva consentito di arrestare 15 persone appartenenti a un sodalizio criminale dedito alla produzione e al commercio di sostanze stupefacenti. Il provvedimento era scaturito da un’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Bergamo ed eseguita dai militari del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale Carabinieri della città orobica, che, per oltre un anno, avevano indagato su un ingente traffico internazionale di stupefacenti che vedeva il vertice operativo radicato appunto nel capoluogo bergamasco. L’operazione, denominata “The End 2014”, aveva consentito il sequestro di oltre 100 kg di sostanze stupefacenti (cocaina, eroina e marjuana) che venivano importati in Italia con automezzi muniti di doppio fondo da corrieri provenienti da Olanda ed Albania; l’individuazione di 3 laboratori clandestini a Romano di Lombardia (BG), Padova, e Corato (BA) dove un “chimico” minorenne “tagliava” l’eroina con paracetamolo, analgesico usato in molti farmaci da banco; il sequestro di una villa che si trova a Romano di Lombardia del valore di 350mila euro. L’uomo, che era ricercato dal giorno in cui è stata eseguita l’operazione, è stato individuato dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Novara lungo via Pavesi, a poca distanza dal casello di Novara Est, mentre viaggiava a bordo di una Fiat Panda. I militari, che hanno proceduto a un approfondito controllo del mezzo, hanno accertato l’esistenza del provvedimento e hanno dichiarato l’uomo in arresto. mo.c.

Cinquantenne arrestata per rapina impropria all’H&M

| Cronaca NOVARA, Nel pomeriggio di ieri, martedì 6 dicembre, gli agenti della Volante sono intervenuti all’H&M di corso Cavour, dove veniva segnalato che una donna aveva sottratto diversi capi d’abbigliamento, danneggiando i dispositivi antitaccheggio, e, per assicurarsi la fuga, aveva poi aggredito con violenza, a quanto pare a calci e pugni, l’addetto alla sicurezza dell’esercizio commerciale. La donna è stata subito dopo individuata e bloccata nelle immediate vicinanze, anche grazie all’intervento di una pattuglia del Comando Polizia Locale, e successivamente condotta in Questura per i successivi adempimenti. A seguito degli accertamenti effettuati, nei confronti della donna, R.F., cinquantenne, di origini marocchine, residente a Novara e regolare sul territorio nazionale, sono emersi diversi precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, in particolare furti aggravati in esercizi commerciali di Novara e dei comuni vicini. Nell’episodio di ieri, si è distinta, spiega la Polizia, “per l’indole violenta e aggressiva e per la condotta posta in essere per assicurarsi l’impunità, nonché il maltolto, ovvero un cappotto - con addosso il quale, pensava di poter passare inosservata - maglioni e altri capi d’abbigliamento, i cui dispositivi antitaccheggio erano stati divelti e celati nelle tasche della donna”. mo.c.

Bassorilievo cadde su una donna, a processo 22enne

| Cronaca NOVARA, Prima udienza in Tribunale a Novara per Mohamed Toure, senegalese di 22 anni, a processo per quanto avvenuto in piazza Martiri nella serata del primo luglio 2012, quando, in occasione degli Europei (in piazza era stato allestito il maxi schermo), qualcuno si era arrampicato sulla statua equestre di Vittorio Emanuele, determinando il cedimento di uno dei bassorilievi. Questo era finito col colpire una donna. Stando all'accusa, a salire sul monumento fu Toure. La testimonianza in aula da parte degli agenti intervenuti quella sera, però, porta un punto a favore della difesa. Negli scatti fotografici di quella sera, infatti, non si vede il ragazzo arrampicarsi sul monumento. Il giovane è alla sbarra accusato di lesioni colpose. E' assistito dall'avvocato Maurizio Antoniazzi, che  sostiene come non ci sono prove certe dell’identificazione. A processo, ma con rito abbreviato per lo stesso fatto, tre dirigenti comunali. mo.c.

Tentato omicidio di Cerano, arrestato l'aggressore

| Cronaca NOVARA, E' definitiva la sentenza relativa al tentato omicidio di Cerano, nel Novarese, episodio avvenuto il 23 novembre 2012. A fine novembre la Corte di Cassazione, riunendo le posizioni di Sara Brunacci, 35 anni, e di Edmir Gjergji, di 25, ha reso definitive le rispettive condanne, entrambe a 8 anni di reclusione.Per l'accusa avevano tentato di uccidere il marito di lei, il nordafricano Jahlil Sahli. La donna ha in gran parte già scontato l'intera pena. Gjergji, dopo un periodo ai domiciliari, è stato arrestato dai carabinieri di Revello, nel Cuneese, in esecuzione di un ordine di cattura emesso dalla Procura generale di Torino. Adesso si trova in carcere a Saluzzo. Dopo l'episodio era fuggito in Albania. Successivamente era stato estradato. Stando all'accusa, la mandante sarebbe stata la donna, l'esecutore materiale l'albanese. La donna ha sempre rigettato le contestazioni.mo.c.

L’editrice novarese Interlinea alla fiera di Roma “Più libri più liberi”

| Spettacoli e cultura Presenza confermata per Interlinea alla fiera della piccola e media editoria "Più libri più liberi” di Roma. Sempre all’insegna della qualità. Appuntamento da oggi, 7 dicembre, fino all'11, al Palazzo dei Congressi dell'EUR, allo stand C02 che da anni ospita la casa editrice novarese (piano terra, di fronte all'entrata di destra): alla rassegna promossa da Aie e che riunirà autori internazionali, scrittori italiani, poeti, illustratori sotto il cappello “Sono tutte Storie”, una vetrina importante per i classici di Interlinea e le sue collaudate collane. Nel quartier generale di via Mattei a Novara la conferenza stampa di presentazione della trasferta romana. «Una occasione importante per noi – ha detto il direttore editoriale Roberto Cicala – per lanciare le nostre due collane, Nativitas, unica in Europa dedicata al Natale, e le Rane piccole, due prodotti che continuano a darci grandi soddisfazioni. Il libro è sempre più un progetto culturale e intorno a questo noi lavoriamo. Dai libri devono venire stimoli culturali». Tra le proposte la nuova edizione con inediti ritrovati di Clemente Rebora “Il tuo Natale di fuoco”, il grande classico natalizio di Alexandre Dumas “Storia di uno schiaccianoci” con le illustrazioni originali della prima edizione e una nuova traduzione (di Marina Vaggi) e le lettere di Giacomo Leopardi contenute in “Scrivimi se mi vuoi bene”: «I volumi – ha precisato Ilaria Finotti dell’ufficio stampa - saranno presentati venerdì 9 dicembre alle 12 in Sala Turchese dagli editori Roberto Cicala e Carlo Robiglio», amministratore delegato che ha sottolineato il significato della missione romana: «Nonostante il periodo difficile vogliamo essere presenti là dove il libro cerca chi parlare a chi lo vuole ascoltare. Non mi piace il termine di piccoli editori: piccoli va bene solo se inteso come ricerca di qualità. Lo dimostrano i testi tra cui quello di Anna Lavatelli “Malik e i re magi” con illustrazioni di Paolo Altan. Qualità del testo e del prodotto, una grande sfida a cui non ci sottraiamo. E dopo Roma ci saranno le due fiere concorrenti, di Milano e Torino: saremo presenti a entrambe». Tra le novità natalizie ci sarà anche quest’anno la “Rana piccola” premio “Storia di Natale”: “Un anno con Babbo Natale” di Andrea Valente. «Sarà protagonista – ancora Finotti - di un incontro laboratorio, con presentazione del bando per l’anno 2017, domenica 11 dicembre alle 14.30 nell’Area Incontri dello Spazio ragazzi, per bambini dai 7 anni. Il grande albo protagonista del Natale 2016 è quello di Anna Lavatelli, la storia del giovane nipote di re Gaspare che decide di seguire il nonno e due re stranieri in un lungo e misterioso viaggio. «Dei libri che ho scritto per Interlinea sul tema del Natale – ha detto la scrittrice di Cameri – questo è il più vicino allo spirito della tradizione. Mi è sempre piaciuta la parte narrativa della festa e qui il racconto è intriso della grande narrazione cristiana del Natale. Le magnifiche illustrazioni di Altan sono immagini narrative». Fra le novità presenti allo stand anche “Bob Dylan. Play a song for me”, «il libro oggi più venduto – ha detto Cicala – tra quelli dedicati al Premio Nobel» (con recital omaggio venerdì alle 18 al Caffe Letterario: protagonisti il curatore del volume Giovanni A. Cerutti e il musicista Lorenzo Monguzzi dei Mercanti di Liquore), le ultime raccolte di poesia dell’americana Katherine Larson “Le storie più mute”, del Gran Premio Svizzero di Letteratura Alberto Nessi “Un sabato senza dolore” e del giornalista Gian Luca Favetto “Il viaggio della parola”. Ci saranno le memorie di un protagonista dell’imprenditoria, “Boom” di Carlo Alberto Carutti, e “Diritti al cuore” di Antonio Ferrara, un libro che tra il serio e il faceto introduce al tema dei diritti dei bambini. Allo stand di Interlinea anche due editori ospiti, Educatt-Università Cattolica e Edizioni Santa Caterina. Eleonora Groppetti

Frecciabianca addio, interviene la Regione

| Territorio e Cultura Onlus “Alla Regione Piemonte deve essere riconosciuto il pieno e concreto diritto di tutelare le esigenze di mobilità degli utenti – gran parte dei quali lavoratori e studenti – che hanno subito la cancellazione dei servizi Frecciabianca”. E’ quello che ha scritto ufficialmente l'assessore regionale ai Trasporti, Francesco Balocco, a RFI per ricordare che proprio ai collegamenti regionali, che svolgono un servizio pubblico, spetta la priorità nella assegnazione delle tracce orarie e per sottolineare come i nuovi servizi Frecciarossa istituiti sulla tratta Torino-Milano non debbano compromettere il potenziamento della mobilità regionale, in un contesto in cui i territori del Novarese e del Vercellese – un bacino di utenza potenziale di centinaia di migliaia di persone – hanno perso l'accesso ai servizi veloci a mercato. La richiesta è che ai nuovi servizi regionali, che la Regione deciderà di attivare per sopperire alla cancellazione dei Frecciabianca, “venga riconosciuto un trattamento prioritario in entrata e uscita dai nodi di Torino e Milano, con la garanzia di tracce orarie e tempi di percorrenza vantaggiosi per lavoratori e studenti”. L'assessore, facendo riferimento a quanto è stato ventilato in relazione alla possibile soppressione di collegamenti Frecciabianca anche sulla Torino-Genova, ha inoltre già specificato al gestore dell'infrastruttura che anche per quella tratta dovranno valere le stesse priorità. Nel frattempo, la Regione ha sottoposto a Trenitalia e Rete Ferroviaria Italiana una serie di richieste relative alla “generale velocizzazione dei servizi, a cominciare da quelli rientranti nella tipologia Regionale Veloce auspicando la collaborazione delle imprese ferroviarie nell'azione di tutela della mobilità e dell'attrattività generale dei territori”. Secondo Balocco: “Gli Stati Generali dei trasporti nel Nord-Est, che hanno recentemente visto intervenire a Vercelli parlamentari, consiglieri regionali, amministratori locali e soprattutto rappresentanze di pendolari, hanno dato un chiaro segnale: per il trasporto pubblico locale inizia un'epoca di grandi opportunità, che devono però essere gestite in un'ottica di sistema. Occorre qualificare i servizi e renderli più accessibili: in questo contesto tutti, dai soggetti pubblici alle imprese ferroviarie, hanno molto da fare e devono farlo. Esisteva e continua ad esistere uno spazio sul mercato per collegamenti analoghi ai Frecciabianca che servivano Vercelli e Novara”. Non a caso, in Regione stanno iniziando ad arrivare proposte di diversi operatori; le prospettive appaiono incoraggianti e l'interesse è ovviamente massimo. Sandro Devecchi

Industria 4.0, «un treno da prendere»

| Economia e politica Si è parlato anche (ma non solo) di interazione uomo-macchina, big data, sensoristica ed “internet delle cose” durante l'incontro sul tema “Fabbrica 4.0 - Verso la quarta rivoluzione industriale” organizzato da Camera di Commercio, Associazione Industriali di Novara, Confindustria Piemonte e Comitato Piccola Industria dell’Ain venerdì scorso presso la sala congressi di via Ravizza 8. Ad aprire l'incontro Maurizio Comoli, presidente della Camera di Commercio di Novara: «Il modello industriale sta attraversando un cambiamento radicale grazie alla digitalizzazione che comporta anche profonde trasformazioni nel modo di lavorare - ha esordito Comoli - I principali Paesi industrializzati lo hanno già avviato con decisione. L'Italia, da secondo Paese manifatturiero d'Europa, non può trascurarlo ma deve portarlo avanti da protagonista». Secondo Comoli «la sfida è particolarmente impegnativa per le Pmi. Dopo la “fabbrica 4.0” il passo successivo è il “lavoro 4.0”. Vi sarà l'ampliamento delle opportunità per i profili più qualificati ed innovativi. Per supportare le imprese su questo fronte, la Camera di Commercio sta organizzando un corso di formazione specificatamente dedicato alla “fabbrica 4.0” e al suo legame con il lean management (dal 24 gennaio al 23 febbraio si terranno 5 appuntamenti, compreso un Factory Tour presso lo stabilimento Toyota di Bologna, ndr). Oltre a ciò è stato avviato un progetto di Digital Transformation, finalizzato a sviluppare culture e competenze sui temi legati alla digitalizzazione e, in particolare, a formare giovani disoccupati o inoccupati tramite percorsi progettati in collaborazione con le imprese innovative del territorio e con i docenti delle scuole, mettendo in rete anche i centri dell'innovazione novaresi, del Vco e milanesi». Fabio Ravanelli, presidente di Confindustria Piemonte e dell'Associazione Industriali di Novara, dal canto suo ha ricordato: «Uno degli impegni del Governo è quello di allargare la banda ultralarga il più possibile, perchè questo è un pre-requisito per l'industria “4.0”. Un settore di punta per l'industria del nostro territorio, la rubinetteria ed il valvolame, è in parte già attrezzata in senso “4.0”. Le aziende più lungimiranti sono andate in tale direzione, ora bisogna creare la cultura e le condizioni di base per far capire alle Pmi cos'è l'industria “4.0” in modo che la possano declinare al loro interno. E' un treno che bisogna prendere». Ravanelli ha concluso: «L'Italia ha perso in 15 anni ben 30 punti di produttività nei confronti della Germania. La quarta rivoluzione industriale è però un momento di discontinuità, mette tutti allo stesso punto di partenza. Significa robotizzazione spinta, macchine collegate tra loro che interagiscono, nuovi percorsi dal punto di vista operativo. Non è vero che si creerà una disoccupazione maggiore: bisognerà inventarsi professioni diverse per controllare tutti i processi integrati. E' importante, allora, una nuova formazione: di base per i giovani e di riqualificazione professionale per chi è più avanti negli anni. Il Governo, nella legge di bilancio, ha previsto incentivi orizzontali e non più settoriali alle aziende, tra l'altro con un ammortamento del 250% per l'acquisto di macchinari 4.0 e del 140% per il rinnovo degli impianti e per gli investimenti innovativi. Nel novarese, se adeguatamete cavalcata, l'industria 4.0 può portare frutti positivi». Marco Macchi, co-direttore dell’Osservatorio Industria 4.0 del Politecnico di Milano, ha tracciato una panoramica su scenari, temi e megatrends della cosiddetta “fabbrica 4.0”. Poi, la sessione dedicata agli aspetti più salienti e innovativi del nuovo paradigma industriale tra cui sensori intelligenti, produzione automatizzata ed “internet delle cose”. C'erano diversi addetti ai lavori tra i quali Paolo Gennaro, innovation manager Avio Aero (operativa per l'aeronautica civile all'aeroporto di Cameri) e Francesco Capittini, tecnology center director di Schaeffler Italia Srl che ha uno stabilimento all'avanguardia europea a Momo. Il Piano nazionale Industria 4.0 è stato illustrato da Nicoletta Amodio e Valentina Carlini dell’Area Politiche industriali Confindustria. Ad approfondire il ruolo dell’education e il legame con la Fabbrica 4.0 è stato infine Ermanno Rondi, coordinatore Gruppo di lavoro “Formazione professionale, Alternanza scuola-lavoro” e componente del Consiglio di Presidenza di Confindustria. Filippo Bezio

Sulla cupola di San Gaudenzio a tariffa ridotta

| Novara Città NOVARA - Dal 3 dicembre è in vigore una tariffa sperimentale per la salita alla Cupola di San Gaudenzio. Lo ha deciso la Giunta con un'apposita delibera la scorsa settimana, per promuovere il più celebre monumento cittadino e l’itinerario antonelliano novarese "in concomitanza – spiega l’assessore alle Politiche turistiche e alla Promozione della città Valentina Graziosi – con la Fiera dell’Artigianato di Rho Pero, in programma fino all’11 dicembre, un evento che vedrà una notevole affluenza di pubblico e che vede la presenza di uno stand istituzionale concesso dalla Regione Piemonte e dall’Agenzia Turistica Locale per promuovere e far conoscere le bellezze del nostro territorio attraverso materiale comunicativo, animazioni e degustazioni e, in particolare per presentare “Novara, soffio d’Ottocento”, percorso turistico culturale alla scoperta della Novara ottocentesca e degli itinerari antonelliani. Questo contesto ci è sembrato un’ottima occasione per promuovere e valorizzare il percorso di visita alla Cupola: abbiamo quindi deciso di proporre tariffe ridotte che potranno essere mantenute per tutto il periodo delle festività natalizie e delle celebrazioni gaudenziane fino al 31 gennaio e che ci auguriamo che fungano da richiamo e da incentivo in modo da aumentare l’afflusso turistico verso il più rappresentativo monumento novarese e verso la città".Alla tariffa intera promozionale da 5 euro, si aggiunge quella ridotta a 3 euro per under 18 anni, over 65 anni e singoli appartenenti a gruppi formati da almeno dieci persone. v.s.
22-06-2016
| Il rapinatore dell' MD
17-06-2016
| Bullismo: tre misure cautelari nei confronti di tre ventenni 
06-06-2016
| Rave party Granozzo
28-05-2016
| My Sweet Moon Dena 2016
26-05-2016
| Azzurro Valzer trailer
Vai alla sezione Fotogallery completa » Guarda tutti i video »
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
^ Top
"POPUP"